4 Mar 2022

Costantino, chef ligure a Kiev: “Ora le nostre giornate dipendono dal suono delle sirene”

Scritto da: Valentina D'Amora

Quella che vi raccontiamo oggi è la testimonianza di un uomo originario di Lerici e residente a Kiev da vent’anni. All'interno di un quadro tanto drammatico quanto complesso, la cui lettura richiede un’approfondita riflessione politica e geopolitica, riteniamo comunque fondamentale raccontare le storie di chi sta vivendo quotidianamente sulla propria pelle la tragedia della guerra.

La Spezia - Tra le tante immagini di guerra che si stanno susseguendo sui giornali e sui social in questi giorni, un video è diventato virale. Sullo sfondo pareti semibuie, in lontananza voci e pianti di bambini. Siamo a Kiev e un uomo di circa cinquant’anni, dallo scantinato dove ora vive insieme ad altre famiglie, racconta il suo nuovo quotidiano: «Dalla notte in cui sono iniziati i bombardamenti, erano le tre o le quattro di mattina, siamo scappati dalle nostre case e ci siamo rifugiati qui sotto, dove abbiamo portato quello che potevamo, dai generi alimentari e acqua, fino a materassi e divani. E ora restiamo qui». A parlare è Costantino Passalacqua, nato e cresciuto a Lerici. Da anni vive nella capitale dell’Ucraina, dove lavora come chef.

Ora, nel suo nuovo quotidiano non c’è più spazio per pentole e menu: tutto adesso dipende da allarmi e sirene. «Ci sono bombardamenti in corso. Quando le sirene iniziano a suonare, ci rifugiamo negli scantinati; quando smettono usciamo per comprare viveri al supermercato, affrontando lunghe code insieme a chi, come noi, ha bisogno di rifornimenti».

Le sue parole evidenziano il forte sentimento di appartenenza alla propria terra del popolo che vent’anni fa l’ha accolto: «Spero nei negoziati, anche se non ci credo molto. Una cosa, però, è certa: l’Ucraina non si arrenderà mai. Noi restiamo qui e cerchiamo di resistere, perché la gente vuole vivere libera».

E Lerici, la sua città di origine, fa sentire la propria vicinanza: il Comune ha organizzato un concerto per la pace per sabato 5 marzo, accogliendo proprio un appello di Costantino, molto sentito dai lericini. Si terrà alle ore 18, presso il Teatro Astoria di Lerici, che ospiterà i musicisti Alberto Bologni e Giuseppe Bruno.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

costanino kiev scantinato
Costantino Passalacqua, nello scantinato di Kiev

Costantino, raccontaci la tua storia: quando e perché hai lasciato Lerici? Cosa ti ha spinto a trasferirti a Kiev?

Sono arrivato in Ucraina nel 2001 e per più di quindici anni ho lavorato nel ristorante italiano più rinomato di Kiev. Qui mi sono sposato, abbiamo avuto due figli, uno dei quali abbiamo perso lo scorso anno. Mia moglie insegna chimica alla scuola Sophia Waldorf e non ha nessuna intenzione di lasciare i suoi “bambini”, a cui è molto legata. Ho provato a proporle di andare via, ma lei vuole restare qui e io senza di lei non mi muovo.

Come sei stato accolto dalla popolazione ucraina quando ti sei trasferito?

Devo dire che all’epoca c’erano meno comprensione e sensibilità in merito all’accoglienza degli stranieri. In poco tempo, però, gli ucraini hanno iniziato a rispettarmi e volermi bene e questo sentimento è rimasto nel tempo.

Dalla notte in cui sono iniziati i bombardamenti, erano le tre o le quattro di mattina, siamo scappati dalle nostre case e ci siamo rifugiati qui sotto, dove abbiamo portato quello che potevamo, dai generi alimentari e acqua, fino a materassi e divani. E ora restiamo qui.

Dal video che hai pubblicato si percepisce la tua forte la vicinanza alla popolazione ucraina e un profondo legame col territorio: anche per questo, invece di tornare in Liguria, hai deciso di restare?

Rimango qui perché voglio aiutare e farò tutto quello che ci sarà bisogno di fare. Sono un uomo di pace, sono cresciuto con i miti di Mahatma Gandhi, di Martin Luther King e di John Lennon. Spero davvero che si possa arrivare a una negoziazione, anche se purtroppo non ci credo molto. Mi auguro che l’occidente riesca a bloccare Putin e ci tengo a sottolineare che Putin non è la Russia. Sono tantissimi i russi contrari alla guerra, che stanno manifestando proprio in questi giorni, e spero che proprio loro riescano a convincerlo a ritirare le truppe. Gli ucraini sono una popolazione molto coraggiosa, legata alle proprie radici e alle proprie tradizioni. E sono certo che non si arrenderanno.

Costantino, vuoi aggiungere qualcosa?

Vorrei lanciare un appello: chiedo a tutti gli italiani di supportare l’Ucraina. Accogliete i profughi che stanno arrivando, soprattutto donne, bambini e adolescenti, inviateci materiale di tutti i tipi. C’è bisogno anche di elmetti, giubbotti antiproiettile e scarpe adatte, perché qui manca tutto. Io non sono un guerrafondaio né un fanatico della guerra, sono un uomo di pace, ma dobbiamo avere gli strumenti per proteggerci.

Articoli simili
Elezioni europee: il racconto mediatico e il silenzio sull'altra Italia

La vera vita di Esteban Chaves

Trivelle, acqua privata e inceneritori: è la ricetta dello "Sblocca Italia" per la ripresa

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Ufo, per il Congresso Usa sono un “pericolo nazionale” – #524

|

Stavolta tocca a noi. Emerging Communities sbarca a Mantova per scoprire Italia che Cambia

|

Dalle multinazionali alla terra, il ritorno di Nella De Vita in Calabria – Io Faccio Così #354

|

Vivere in barca vela con tre figli e un cane. Insieme nel bene e nel mare

|

Alla Piccola Ghianda Magica si gioca e si impara immersi in un bosco di tigli

|

“Non possiamo solo prendere”: quali passi per salvare la terra e il clima?

|

Una chitarra e zaino in spalla: il viaggio di Mosè, giovane musicista che promuove il cammino lento

|

MigrArt, sette anni di migrazioni raccontate da un collettivo artistico