14 Apr 2022

A La Spezia inaugura “Casa Riders”: un rifugio per i lavoratori su due ruote

Scritto da: Valentina D'Amora

Un riparo da vento e pioggia tra una consegna e l'altra, un rifugio dalle molestie. "Casa Riders" aprirà ufficialmente le porte entro un mese e verrà in aiuto a tanti riders che avranno finalmente a disposizione un luogo accogliente e sicuro dove fermarsi. Un’operazione importante, che andrebbe replicata ovunque.

La Spezia - Un luogo dove ricaricare il telefono, riposarsi, andare in bagno o semplicemente ripararsi dalle intemperie. Una casa che diventerà un punto di ritrovo per tanti ragazzi e ragazze che lavorano per strada notte e giorno. Si troverà in via Padre Giuliani a La Spezia e sarà aperta a tutti i rider che hanno bisogno di una pausa al coperto. Il progetto, portato avanti insieme ai sindacati CGIL, CISL e UIL, è arrivato da una esplicita esigenza di settanta rider spezzini.

L’IDEA

«Tutto è nato dallo sciopero del marzo 2021 per la contrattualizzazione dei riders – spiega Fabio Quaretti di CGIL La Spezia – i quali, a partire da quel momento sono stati riconosciuti come lavoratori dipendenti di Just Eat e hanno ottenuto il contratto per la distribuzione delle merci e della logistica».

rider

Il punto è che le città non sono predisposte per accogliere questi “nuovi” lavoratori. «Certo – continua Quaretti – non è il fattorino la grande novità del millennio; lo è invece il datore di lavoro: i ragazzi non lavorano più direttamente per i ristoranti e le pizzerie come prima, ma per delle piattaforme». Si trovano quindi a improvvisarsi in mezzo alla strada in città che non sono pronte a ospitare quest’attività.

«Alcuni riders si ritrovano a litigare per il parcheggio, a non avere un punto dove ricaricare il telefono, ormai uno strumento di lavoro a tutti gli effetti, o a non sapere dove andare in bagno. Abbiamo quindi pensato a un luogo dove garantire un minimo di comfort ai lavoratori, con un occhio di riguardo anche alle ragazze, che lavorando in strada giorno e notte, sono esposte».

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

LA REALIZZAZIONE

«Da quando abbiamo iniziato a lavorarci, l’amministrazione di La Spezia è stata subito molto ricettiva. All’inizio pensavamo di dover ricorrere a un container attrezzato, ma poi abbiamo trovato una soluzione». Alcuni locali di via Padre Giuliani verranno riprogettati secondo le esigenze dei riders. «Di tutto l’allestimento ci occuperemo noi come CGIL insieme a CISL e UIL. Serviranno stipetti per le mantelline, ma anche un punto di ricarica per le biciclette elettriche e tutto ciò che i lavoratori che verranno a visitare i locali ci segnaleranno».

Di fatto si consegna di cibo a domicilio senza un minimo di welfare per il lavoratore

Un ultimo tassello è far spostare lo starting point del player più importante del settore, che copre il 70% dei riders: Just Eat. Lo starting point è una sorta di tornello virtuale, il luogo dove si “timbrano” l’entrata e l’uscita. «Averlo distante dal luogo di lavoro è un problema. Quello che vogliamo adesso è che l’applicazione riconosca Casa Riders come starting point, dove si possa registrare l’accesso. A partire da quel momento i ragazzi possono aspettare gli ordini al caldo d’inverno e al fresco d’estate».

LA TESTIMONIANZA

Della situazione dei lavoratori per queste nuove piattaforme ho parlato con Pierpaolo Ritrovati, un ventiquattrenne spezzino che di giorno insegna flauto traverso e di sera lavora come rider. «Ho iniziato nel 2021», racconta. «Lavoro per una cooperativa sociale spezzina, BeQuadro, che regala musica a bambini provenienti da case famiglia o che vivono in quartieri difficili».

«Quando, per via delle restrizioni, ho cercato un lavoro flessibile, sono arrivato a fare il rider». Prima Pierpaolo lavorava per un’altra piattaforma e Just Eat pagava ancora i fattorini “a cottimo”. Dopo che sono stati formalizzati i contratti, Pierpaolo è passato a Just Eat e adesso ha ripreso anche a fare l’insegnante.

Gli chiedo allora com’è fare il rider. «È un lavoro in serie, la fase moderna della catena di montaggio: un lavoro semplice, non serve una competenza specifica, è accessibile a tutti ed è un impiego stabile». Il punto qual è? «L’azienda non si è strutturata per comprendere quello che abbiamo fatto, i rapporti con i sindacati, l’amministrazione e le organizzazioni. In realtà, essendoci un algoritmo a valutare in base ad andamenti, consegne e tempistiche, la catena di comando aziendale è evanescente. Per questo non sappiamo a chi rivolgerci».

stefanhaehnel deliveroo
Fonte: stefanhaehnel_deliveroo

Ora, mi spiega Pierpaolo, non resta che spostare lo starting point alla Casa Riders. «Ci sono due aree in cui siamo tenuti a presentarci: una in piazza Beverini, a ridosso di un parcheggio, piuttosto scomoda; un’altra in piazza Kennedy, un luogo isolato, dove di sera dalle 23 non passa nessuno e sono stati registrati diversi casi di molestie, nei confronti sia di uomini che di donne».

Quello di cui hanno bisogno i rider è un riparo dalle intemperie e un luogo sicuro, con prese di ricarica per il cellulare, internet e servizi igienici. «Quello che dovrebbe garantire un’azienda e che però non fa». Cosa occorre, quindi? «Ci vogliono tavoli perenni tra amministrazione, azienda e sindacati per migliorare le condizioni dei lavoratori. Le aziende della gig economy hanno sperimentato un modello standardizzato per abbattere i costi il più possibile, ma di fatto si consegna di cibo a domicilio senza un minimo di welfare per il lavoratore».

A La Spezia Casa Riders diventerà un luogo di riferimento per i ciclofattorini, caldo e al coperto, ma anche un punto di aggregazione di solidarietà per tutti i lavoratori e le lavoratrici.

Vuoi cambiare la situazione
del lavoro in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Mafric, la realtà di moda etica e sostenibile che porta l’Africa a Milano
Mafric, la realtà di moda etica e sostenibile che porta l’Africa a Milano

Il potere del Feedback: le imprese e l’importanza dell’ascolto
Il potere del Feedback: le imprese e l’importanza dell’ascolto

Cervelli in fuga controcorrente: la storia di Valentina

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

L’Overshoot Day 2022 italiano è già arrivato – #521

|

Le persone piccole: come crescono i bambini e le bambine nella comunità educante di un ecovillaggio

|

Apre il Covo degli Orsi, la nuova “casa rossa” per i genitori dei pazienti del Gaslini

|

“Dal lato all’altro della finestra di una RSA, il telefono ci unisce”

|

Guerra in Ucraina: come viene raccontata e percepita in Russia?

|

I(n)spira-Azioni racconta gli effetti dei cambiamenti climatici con Luca Barani e The Climate Route – #6

|

Alice In The Lab: le creazioni etiche di una giovane che ha scelto di vivere in modo ecologico

|

Una Mappatura Collettiva per trasformare i luoghi abbandonati della città in beni comuni