4 Mag 2022

Anna Fasano di Banca Etica: “La finanza etica è incompatibile con gli investimenti nell’industria delle armi”

Scritto da: Redazione

La finanza etica non tollera investimenti che alimentano la produzione e il commercio di armi. Ma in una situazione di emergenza come quella attuale, questa scelta può ancora considerarsi valida? Se sì, perché? E che tipo di impatto potrebbe avere in scenari di guerra come quello ucraino? Anna Fasano, presidente di Banca Etica, cercherà di rispondere a queste domande nella prossima lecture di Scuola Capitale Sociale, che si terrà gratuitamente su Zoom mercoledì 4 maggio alle ore 18.00.

Diversamente dalla finanza tradizionale, nella finanza etica il profitto è perseguibile solo se funzionale al benessere delle persone e della collettività. L’accesso al credito infatti non è vincolato esclusivamente all’analisi delle performances aziendali o al rendimento economico, ma dipende in via prioritaria da una valutazione etica circa le finalità dell’investimento e l’impatto prodotto sulla società.

In questo senso dunque, tutti quei soggetti economici legati, in un modo o nell’altro, alla produzione e alla distribuzione di armamenti non possono che essere esclusi da finanziamenti con fondi etici. Ma come comportarsi quando le armi sono rivendicate a scopi difensivi? Quando la richiesta arriva cioè dalla parte aggredita e nel mezzo di un aspro conflitto militare, questo modello può ancora considerarsi utile e funzionale all’ottenimento della pace?

anna fasano
Anna Fasano, presidente di Banca Etica

Il dibattito nell’opinione pubblica è attraversato da posizioni contrastanti, ma per Anna Fasano, attuale presidente di Banca Etica, «esistono dei “no” che vanno detti sempre e comunque». Come dichiarato in una recente intervista per Avvenire, «la finanza etica è del tutto incompatibile con gli investimenti nell’industria delle armi. Il nostro lavoro per la pace non ha in realtà nulla di legato alla contingenza. È invece un impegno continuo, giorno per giorno: prima, durante e dopo i conflitti. Per questo siamo liberi di dire dei “no” anche quando c’è confusione sul tema delle armi come strumento di difesa».

Banca Etica in questo senso fa scuola: fondata nella città di Padova più di vent’anni fa, quando una pluralità di movimenti e organizzazioni lavoravano per una via alternativa alla globalizzazione, col tempo è riuscita a crescere e a sostenersi mantenendo una visione lucida e coerente su problemi delicatissimi, diseguaglianze sociali e disarmo in primis.

«La finanza – sostiene Fasano in un’altra intervista per il Corriere della Sera – avrebbe una potenza straordinaria per cambiare i destini del mondo e non lo sta facendo. […] Non bisogna dimenticare che la riduzione della disuguaglianze contribuisce a limitare le situazioni di conflitto e forse, se fosse stata portata avanti con più coraggio, oggi non saremmo in questa situazione».

Nella finanza etica il profitto è perseguibile solo se funzionale al benessere delle persone e della collettività

Visione di lungo periodo e approccio sistemico dunque sembrano essere gli elementi imprescindibili per avviare un’analisi seria ed equilibrata sul problema delle armi. Senza di essi, il rischio è di cadere in polarizzazioni facili ma pericolose, che lavorano in tutt’altra direzione rispetto all’obiettivo di una pace internazionale solida e duratura.

L’argomento sarà approfondito proprio da Anna Fasano nella prossima lecture di Scuola Capitale Sociale, che si terrà su piattaforma Zoom mercoledì 4 maggio alle ore 18.00. La lezione, che è a ingresso gratuito ma con posti limitati, sarà introdotta da Iolanda Romano, esperta di dibattito pubblico e mediazione dei conflitti.

Per prenotarsi, inviare una mail a segreteria@scuolacapitalesociale.it o compilare il form raggiungibile a questo link.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Le banche etiche sono più redditizie di quelle convenzionali, lo dicono i numeri
Le banche etiche sono più redditizie di quelle convenzionali, lo dicono i numeri

Non tutta la finanza è “cattiva”: ecco come generare un impatto positivo con i propri investimenti
Non tutta la finanza è “cattiva”: ecco come generare un impatto positivo con i propri investimenti

Banca Etica: ambiente e finanza etica grandi assenti nella campagna elettorale
Banca Etica: ambiente e finanza etica grandi assenti nella campagna elettorale

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Iran, tre giorni di sciopero contro il regime – #633

|

Il Gridas e il “modello Scampia”: unire le forze per far rinascere le periferie – Dove eravamo rimasti #6

|

Gigliola Sigismundi: “Medicina forestale e olii essenziali, le grandi passioni che ho trasformato in lavoro”

|

I Borghi più belli d’Italia: alla riscoperta di un’Italia poco conosciuta

|

Legambiente: “La linea Alta Velocità Torino-Lione è fuori tempo massimo”

|

“Cosa mi sarei persa”. Federica Ooyen racconta come rifiorire dalla depressione

|

Tutti i numeri del consumo di suolo, fra danni economici, assenza di norme e tragedie annunciate

|

La storia di Vincenzo Deluci, la passione per la musica e la battaglia per una disabilità inclusiva