4 Mag 2022

Anna Fasano di Banca Etica: “La finanza etica è incompatibile con gli investimenti nell’industria delle armi”

Scritto da: Redazione

La finanza etica non tollera investimenti che alimentano la produzione e il commercio di armi. Ma in una situazione di emergenza come quella attuale, questa scelta può ancora considerarsi valida? Se sì, perché? E che tipo di impatto potrebbe avere in scenari di guerra come quello ucraino? Anna Fasano, presidente di Banca Etica, cercherà di rispondere a queste domande nella prossima lecture di Scuola Capitale Sociale, che si terrà gratuitamente su Zoom mercoledì 4 maggio alle ore 18.00.

Diversamente dalla finanza tradizionale, nella finanza etica il profitto è perseguibile solo se funzionale al benessere delle persone e della collettività. L’accesso al credito infatti non è vincolato esclusivamente all’analisi delle performances aziendali o al rendimento economico, ma dipende in via prioritaria da una valutazione etica circa le finalità dell’investimento e l’impatto prodotto sulla società.

In questo senso dunque, tutti quei soggetti economici legati, in un modo o nell’altro, alla produzione e alla distribuzione di armamenti non possono che essere esclusi da finanziamenti con fondi etici. Ma come comportarsi quando le armi sono rivendicate a scopi difensivi? Quando la richiesta arriva cioè dalla parte aggredita e nel mezzo di un aspro conflitto militare, questo modello può ancora considerarsi utile e funzionale all’ottenimento della pace?

anna fasano
Anna Fasano, presidente di Banca Etica

Il dibattito nell’opinione pubblica è attraversato da posizioni contrastanti, ma per Anna Fasano, attuale presidente di Banca Etica, «esistono dei “no” che vanno detti sempre e comunque». Come dichiarato in una recente intervista per Avvenire, «la finanza etica è del tutto incompatibile con gli investimenti nell’industria delle armi. Il nostro lavoro per la pace non ha in realtà nulla di legato alla contingenza. È invece un impegno continuo, giorno per giorno: prima, durante e dopo i conflitti. Per questo siamo liberi di dire dei “no” anche quando c’è confusione sul tema delle armi come strumento di difesa».

Banca Etica in questo senso fa scuola: fondata nella città di Padova più di vent’anni fa, quando una pluralità di movimenti e organizzazioni lavoravano per una via alternativa alla globalizzazione, col tempo è riuscita a crescere e a sostenersi mantenendo una visione lucida e coerente su problemi delicatissimi, diseguaglianze sociali e disarmo in primis.

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

«La finanza – sostiene Fasano in un’altra intervista per il Corriere della Sera – avrebbe una potenza straordinaria per cambiare i destini del mondo e non lo sta facendo. […] Non bisogna dimenticare che la riduzione della disuguaglianze contribuisce a limitare le situazioni di conflitto e forse, se fosse stata portata avanti con più coraggio, oggi non saremmo in questa situazione».

Nella finanza etica il profitto è perseguibile solo se funzionale al benessere delle persone e della collettività

Visione di lungo periodo e approccio sistemico dunque sembrano essere gli elementi imprescindibili per avviare un’analisi seria ed equilibrata sul problema delle armi. Senza di essi, il rischio è di cadere in polarizzazioni facili ma pericolose, che lavorano in tutt’altra direzione rispetto all’obiettivo di una pace internazionale solida e duratura.

L’argomento sarà approfondito proprio da Anna Fasano nella prossima lecture di Scuola Capitale Sociale, che si terrà su piattaforma Zoom mercoledì 4 maggio alle ore 18.00. La lezione, che è a ingresso gratuito ma con posti limitati, sarà introdotta da Iolanda Romano, esperta di dibattito pubblico e mediazione dei conflitti.

Per prenotarsi, inviare una mail a segreteria@scuolacapitalesociale.it o compilare il form raggiungibile a questo link.

Vuoi cambiare la situazione
dell'economia in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Le proposte della finanza etica ai candidati al Parlamento Europeo

Retics, la rete di progetti monetari e finanziari a misura di comunità
Retics, la rete di progetti monetari e finanziari a misura di comunità

Noi facciamo così: strumenti di finanza etica per cooperative e associazioni

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Daniela Ducato è la nuova presidente di WWF Italia! – #528

|

Grounded: ritrovarsi in alta montagna per riconnettersi alla natura ed esplorare il proprio potenziale

|

Sicily coast to coast, il giro della Sicilia in bicicletta per raccogliere fondi per la disabilità

|

Ci sarà un bel clima: il collettivo che valorizza la montagna a passo lento

|

La storia di Adele, che è tornata in Calabria per fare l’artigiana e vivere la sua terra

|

Obbligo vaccinale per le professioni socio-sanitarie: cosa sta succedendo all’interno degli Ordini?

|

La cosmetologa Gloriana Assalti: “Non vergognatevi del vostro corpo, valorizzatelo”

|

Da Tunisi a Milano in bicicletta: “Lo faccio per sostenere chi salva vite umane”