3 Giu 2022

Giornata Mondiale della Decrescita e Giustizia Climatica, idee e visioni per un mondo più sostenibile ed equo

Solo un cambio di paradigma culturale può salvarci e condurci verso un mondo improntato su nuovi valori e un benessere collettivo e individuale. Il 4 giugno in occasione della Giornata Mondiale della Decrescita insieme a Fridays for Future ed Extinction Rebellion si parlerà di Giustizia Climatica per un mondo più equo e sostenibile.

Il 4 Giugno è la Giornata Mondiale della Decrescita e quest’anno si è deciso di puntare i riflettori sul tema della Giustizia Climatica. Il concetto di decrescita è alla base di una corrente di pensiero politico, economico e sociale favorevole alla riduzione controllata, selettiva e volontaria della produzione economica e dei consumi, con l’obiettivo di stabilire relazioni di equilibrio ecologico tra l’uomo e la natura.

Come nelle passate edizioni, anche durante la Giornata Mondiale della Decrescita del 2022 si esploreranno le diverse vie d’uscita dalla dipendenza della crescita, per entrare in contatto con iniziative locali e non impegnate su nuovi paradigmi riguardanti la sostenibilità e la giustizia che si può declinare in giustizia climatica, giustizia globale, giustizia sociale.

Negli ultimi tempi gli aspetti che riguardano la Giustizia Climatica sono sempre più alla ribalta grazie ai movimenti mondiali come Fridays for Future ed Extinction Rebellion. La crisi climatica è diventata finalmente una priorità del dibattito pubblico mondiale, se ne parla con una maggiore partecipazione soprattutto grazie alle giovani generazioni. Sono le politiche delle grandi potenze mondiali a rivelarsi ancora poco efficaci, mostrando una concreta mancanza di coraggio nell’affrontare il problema principale: crescita economica e sete di potere bieca e cieca di fronte alle ingiustizie globali e locali.

giornata mondiale della decrescita

È aumentata la consapevolezza, ma sono ancora in pochi a chiedersi cosa fare e come poter contribuire davvero alla causa. Un cambiamento di paradigma culturale prevede un diverso sistema di valori e di concezione del mondo. Un mondo in cui privilegiare la qualità piuttosto che la quantità, i rapporti umani conviviali e collaborativi. Un percorso di consapevolezza per superare l’abuso delle risorse del pianeta, una rivoluzione dolce finalizzata a sviluppare le innovazioni tecnologiche che diminuiscono il consumo di risorse, l’inquinamento e le quantità di rifiuti per unità di prodotto. Un benessere fisico e spirituale collettivo e individuale. 

Sono tante le iniziative a cui aderire per poter contribuire a questo cambio di rotta, non mancano idee e suggerimenti che aiutano a migliorare anche la qualità della nostra vita. Nelle scorse edizioni è stata notevole la partecipazione e la varietà di eventi organizzati in tutto il mondo, da passeggiate a pic-nic, da webinar, a giri in bicicletta e manifestazioni. Anche quest’anno non mancheranno i momenti di incontro e di condivisione per la costruzione di un futuro più sostenibile, che salvaguardi anche la nostra esistenza su questo pianeta. Perché sì, i primi a pagarne le conseguenze saremo proprio noi. 

Gruppi della decrescita insieme a movimenti e associazioni locali che si battono per la giustizia climatica –Fridays for Future, Extinction rebellion, Transition Town, Greenpeace e molti altri ancora – sono chiamati a costruire alleanze e sinergie per contribuire alla risoluzione del problema più importante

Eventi pubblici in tutto il mondo per condividere alternative a una società basata sulla crescita e dimostrare che la vita bella per tutti è possibile. Azioni ed eventi locali che mostrano modi e idee alternative che conducono al di là di una società che fa affidamento alla crescita economica e divulgarle a più persone possibile. Una giornata d’azione globale per collegare diverse iniziative esistenti e per far parte di un movimento colorato e diversificato per la decrescita.

Sono tante le iniziative a cui aderire per poter contribuire a questo cambio di rotta

Consapevolezza, decelerazione, solidarietà e cooperazione al fine di rendere possibile una vita autodeterminata e dignitosa per tutti. Un’attenta gestione delle risorse, l’orientamento alla sufficienza e una riduzione della produzione e dei consumi nel Nord Globale. Forme decisionali più democratiche per consentire un’autentica partecipazione politica e per ridurre le strutture globali di dominio e sfruttamento, come il razzismo, il sessismo e il neocolonialismo, in modo che tutti possano effettivamente partecipare alla bella vita. Sono tanti gli obiettivi prefissati, ma non impossibili.

Tra gli appuntamenti importanti della giornata del 4 giugno spicca il webinar “Decrescita e giustizia climatica: un dibattito con i movimenti emergenti”. Un Degrowth Talks tra relatori della decrescita, Fridays for Future, Extinction Rebellion e alcuni movimenti per il clima del sud del mondo. Qui le informazioni per poter seguire l’incontro. Nella pagina facebook potrete pubblicare le foto degli eventi a cui parteciperete o che avete organizzato usando l’hashtag #GlobalDegrowthDay2022.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Capire la Cina contemporanea, con Gabriele Battaglia
Capire la Cina contemporanea, con Gabriele Battaglia

Al via il racconto quotidiano della Sicilia che Cambia
Al via il racconto quotidiano della Sicilia che Cambia

Libri, film e profili da seguire per saperne di più sulla guerra (e sulla pace)
Libri, film e profili da seguire per saperne di più sulla guerra (e sulla pace)

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Frana a Ischia, tragedia annunciata?

|

Remedia: erbe medicinali e alberi per la cura del corpo e per una vita più consapevole – Dove eravamo rimasti #6

|

Al suo esordio Dalen canta Crotone, le sue alluvioni e l’urgenza di non tacere

|

Sopravvivere alla crisi della democrazia (e creare alternative) – A tu per tu + #1

|

Ricominciare con i piedi per terra: la storia di due amiche e della loro Zollamania

|

I molti volti del concetto di “guerra” sui corpi delle donne

|

Guatemala: l’emancipazione femminile per vincere il neo-colonialismo

|

Gli studenti portano in scena la “loro” Roma per imparare a diventarne cittadini consapevoli