17 Giu 2022

SanremoBio: il consumo consapevole passa attraverso l’alimentazione, il sociale e la cultura

Scritto da: Emanuela Sabidussi

A Sanremo dal 2014 un negozio apparentemente normale sta apportando un grande contributo al diffondersi del consumo consapevole e della cultura del biologico, proponendo prodotti naturali a km0. Ma non solo: unisce infatti i temi della salute e dell'alimentazione all'aspetto sociale, offrendo percorsi lavorativi a persone con difficoltà, come ex carcerati o disabili. Vi raccontiamo da vicino la loro esperienza.

Imperia - Biologico: se ne parla da molti anni. C’è chi fa ancora fatica ad accettarlo completamente, chi invece è andato oltre, promuovendo metodologie come la biodinamica o l’agricoltura rigenerativa. Ma soprattutto in contesti dove la situazione dello sfruttamento delle terre pare inarrestabile e l’inquinamento di conseguenza, il biologico rappresenta ancora un primo importante passo per riuscire a iniziare a parlare di salute.

FederBio ha dichiarato che le superfici coltivate in maniera biologica in Italia sono in costante crescita rispetto agli anni passati, ma se questi dati vengono messi a confronto con quelli di altri Paesi europei il trend di crescita risulta essere particolarmente a rilento. Le motivazioni sono molte e toccano diversi aspetti, da quello economico, a quello culturale e sociale.

10659017 368818079936132 3252194586586136446 o
Foto: © Said El Moussaddide

Credo vi siano però dei segnali che diano speranza che questo cambiamento in atto nel nostro paese, possa accelerare nei prossimi anni, permettendo alla maggior parte – se non alla totalità – dei terreni di poter subire una pulizia profonda da pesticidi e fertilizzanti chimici. Uno di questi segnali l’ho trovato proprio a Sanremo, località conosciuta per la diffusione di orticoltura e florovivaismo in serra.

In questi ultimi decenni infatti la grande quantità di produzione massiva ha inquinato molto i terreni e di conseguenza l’aria e le acque. Ma proprio qui da otto anni è presente SanremoBio: un negozio che è diventato nel tempo il punto di riferimento per l’acquisto di prodotti biologici in provincia di Imperia.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

UN NON SEMPLICE NEGOZIO

SanremoBio è stato ideato e concretizzato dai soci di Terre Solidali, un’organizzazione di solidarietà internazionale senza fini di lucro fondata nel 2002, che realizza progetti di sviluppo in diversi settori nei paesi del sud del Mondo, con l’obiettivo principale di rafforzarne la società civile.

10562568 367383223412951 2246002914969149391 o

«I soci fondatori – raccontano essi stessi – ispirati ai valori dell’umanesimo e convinti della necessità di costruire cose belle hanno dato inizio alla storia di SanremoBio a cui hanno contribuito giovani studenti e disoccupati, impiegati e professionisti, operai e dottori, contadini e artigiani, casalinghe e pensionati».

Terre Solidali è una cooperativa sociale all’interno della quale lavorano persone con abilità diverse e pensieri diversi, ciò permette di incontrare all’interno nel negozio oltre ai cinque collaboratori fissi, anche alcuni beneficiari delle borse lavoro affidate dalle amministrazioni locali. Ma non solo: anche chi svolge i lavori di pubblica utilità alternativi al carcere, o persone con disabilità psicosifica.

«La sfida è riuscire a portare avanti un’attività commerciale, attraverso um’impresa sociale, ovvero garantendo il lavoro a persone cosiddette svantaggiate, sia per problematiche psicofisiche, che per disagi sociali. Qui a Sanremo ben poche persone sembrano essersi accorti di ciò, probabilmente non sono tematiche di interesse ai più, quindi è difficile riuscire ad influenzare l’apertura delle persone verso queste tematiche. Ma i nostri successi arrivano dalle conseguenze personali: ragazzi che prima erano in terapia psichiatrica, ed oggi portano avanti un lavoro in totale auotonomia, ex carcerati che hanno cambiato la loro vita».

Bio è Vita, è risveglio alla vita e SanremoBio è dentro questo flusso di pensieri e di energie ed è parte di un grande movimento: il ritorno al naturale

IL BIOLOGICO

E se nel campo sociale si fa fatica a far cambiare l’immaginario collettivo, con l’alimentazione sembra essere tutto più semplice. I soci di SanremoBio sono convinti infatti che il nutrirsi di alimenti coltivati nel rispetto dell’ambiente sia vitale per un ritorno al naturale: è solo attraverso una cura di se stessi e del mondo possiamo avere la garanzia di avere davanti a noi un futuro per il nostro pianeta e una grande speranza per le nuove generazioni. Ed è con questo pensiero che vengono selezionati i prodotti da vendere all’interno del negozio.

vegetables g5bd55e4db 1280

«Abbiamo in dotazione diversi reparti: uno di fresco, uno con i prodotti tipici della zona e uno di fitoterapia e rimedi naturali, dai fiori di Bach agli integratori di vario genere. Proponiamo anche alternative per coloro che soffrono di intolleranze, ma anche prodotti macrobiotici ed equosolidali, cosmesi naturale. Cerchiamo sempre di coniugare una buona alimentazione, una buona salute e buone pratiche sociali per una società più equa».

Con i suoi 150 metri quadri di superficie espositiva e gli oltre 3500 mila articoli SanremoBio è lì per ricordarci che il futuro inizia oggi e se vogliamo fare scelte rivoluzionarie per noi stessi e chi ci sta accanto, un primo importante passo è scegliere con cura e attenzione ciò che acquistiamo e dove lo facciamo, perché ciò determina conseguenze non visibili ma reali: inquinamento, salute e inclusione sociale.

Vuoi cambiare la situazione di salute e alimentazione in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Bagni di foresta nella Basilicata selvaggia: vi raccontiamo la nostra esperienza
Bagni di foresta nella Basilicata selvaggia: vi raccontiamo la nostra esperienza

In Liguria due ostetriche guidano i genitori verso nascite “positive” e percorsi consapevoli
In Liguria due ostetriche guidano i genitori verso nascite “positive” e percorsi consapevoli

Un festival del ciclo mestruale per confrontarsi e rompere i tabù
Un festival del ciclo mestruale per confrontarsi e rompere i tabù

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Tremendo terremoto in Afghanistan – #548

|

Parte The Climate Route: oggi i primi passi della spedizione che vuole testimoniare il cambiamento climatico

|

Riabitare un borgo abruzzese: NEO lancia l’appello per nuove esperienze ospitali

|

Siccità: il Piemonte ha sete e chiede lo stato di calamità

|

Ripopolare i borghi: oltre l’utopia ci sono litigi, problemi e possibili soluzioni

|

In Puglia insieme alla Fondazione Vincenzo Casillo alla scoperta del territorio che cambia

|

Cuoche combattenti, il laboratorio culinario dove le donne vittime di violenza riprendono in mano la loro vita

|

L’Ucraina, l’Italia e l’informazione malata. Intervista alla giornalista ucraina Olga Tokariuk