13 Gen 2023

Percorsi Spericolati: la parola ai giovani per raccontare la bellezza delle aree interne e montane

Scritto da: Redazione

La seconda edizione di Percorsi Spericolati apre le candidature ai giovani under 30 appassionati del mondo della montagna, interessati ai temi della rigenerazione territoriale e delle aree interne. L'obiettivo è formare una squadra di narratori che sappia valorizzare le bellezze e le risorse di questi angoli d'Italia ormai troppo spesso dimenticati.

Friuli Venezia Giulia - Raccontare la montagna e le aree interne, saperne raccontare le valli, le vette, le luci e le ombre, avere la capacità di riaccendere l’interesse che la narrazione mainstream ha progressivamente spento rispetto a questi angoli d’Italia tanto preziosi quanto dimenticati. Sono queste le abilità da trasmettere ai giovani che vogliono narrare le storie della montagna, delle aree interne e di chi ne ha fatto una scelta di vita e di lavoro.

Percorsi Spericolati è un progetto rivolto ai giovani under 30 e promosso dalla Fondazione Pietro Pittini, insieme ai partner meraki-desideri culturali, Rob de Matt e grazie al supporto della Coop. Sociale Cramars, di Avanzi e della Rete Rifai. L’obbiettivo di questo percorso è favorire uno scambio generativo tra realtà imprenditoriali innovative presenti nelle aree interne del Friuli-Venezia Giulia e un gruppo di giovani formati e pronti a sperimentarsi come “agenti di valorizzazione territoriale”.

c638cd37 48b8 4e44 b98e 86f7ca600e14

L’edizione di quest’anno, le cui iscrizioni chiudono domenica 22 gennaio 2023, prevede una formazione multidisciplinare su competenze chiave per imparare a promuovere e valorizzare realtà e territori e approfondire i linguaggi e le potenzialità dei social media e degli strumenti di comunicazione e racconto, dalla comunicazione allo storytelling, dal social media management alla progettazione, dal service design al community engagement.

«La prima edizione del progetto – sottolinea la Presidente della Fondazione, Marina Pittini – ha coinvolto 22 giovani provenienti da 9 regioni italiane diverse, 10 imprese partner e ha offerto l’erogazione di oltre 90 ore di attività e formazione gratuita. La call di selezione che lanciamo ora intende selezionare un gruppo di giovani under 30 desiderosi di intraprendere insieme a noi questo ambizioso percorso: un’esplorazione collettiva attraverso la conoscenza di luoghi e attività imprenditoriali, culturali e di comunità, un tentativo di connessione tra generazioni, professionalità e scelte di vita».

LA RICERCA SULLE AREE INTERNE E MONTANE

Percorsi Spericolati – che ha esordito lo scorso anno con la sua prima edizione nasce in risposta ad alcuni bisogni emersi dalla ricerca sugli imprenditori e sulle imprenditrici delle aree interne e della montagna friulana che la Fondazione ha commissionato nel 2020 al professor Giovanni Carrosio dell’Università degli Studi di Trieste e a Vanni Treu della Cooperativa Sociale Cramars di Tolmezzo, in provincia di Udine. 

L’indagine ha prodotto un censimento degli imprenditori resilienti di queste aree del Friuli, racchiuse a nord dalle Dolomiti Friulane, dalla Carnia, dal Canal del Ferro e a est dai monti delle Valli del Natisone, restituendo una fotografia dei bisogni e delle caratteristiche del vivere e lavorare in montagna, con tratti molto comuni alle altre aree interne nazionali individuate dalla Strategia Nazionale (SNAI). 

Percorsi Spericolati nasce in risposta ad alcuni bisogni emersi dalla ricerca sugli imprenditori e sulle imprenditrici delle aree interne e della montagna friulana

MODALITÀ DI SVOLGIMENTO E PARTECIPAZIONE

Per partecipare alla selezione è necessario compilare il questionario che si può trovare a questo link allegando anche il proprio curriculum vitae entro il 22 gennaio 2023. I risultati della selezione saranno comunicati entro l’inizio di febbraio 2023, mentre il 12 marzo prenderà il via il primo momento formativo con una settimana di workshop residenziali gratuiti. Le attività si concluderanno a maggio 2023, con un nuovo momento residenziale in Friuli, lo Spring camp, della durata di quattro giorni, in cui i progetti di valorizzazione verranno finalizzati e presentati pubblicamente alle realtà locali e al territorio.

Il progetto prevede attività da remoto da fine marzo a metà maggio e momenti residenziali in presenza. La call di selezione è rivolta ai giovani e alle giovani di tutta Italia impegnati ancora negli studi o in cerca di lavoro, appassionati del mondo della montagna e delle aree interne, interessati ai temi della rigenerazione territoriale. Componente fondamentale è il lavoro di squadra, dato si creerà un team affiatato ed eterogeneo fra tutti i partecipanti.

Per informazioni e contatti: percorsispericolati@gmail.com

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Come rivitalizzare un borgo: la storia di Caterina e Michele
Come rivitalizzare un borgo: la storia di Caterina e Michele

Greta e Natascia, le gemelle casare che hanno recuperato un vecchio mestiere di montagna – Io Faccio Così #351
Greta e Natascia, le gemelle casare che hanno recuperato un vecchio mestiere di montagna – Io Faccio Così #351

Una “Woodstock dell’Appennino” per mettere in rete e valorizzare la montagna italiana
Una “Woodstock dell’Appennino” per mettere in rete e valorizzare la montagna italiana

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Usa e Germania inviano i carri armati: cosa succede? – #660

|

Stato Bradipo: nell’era della fast fashion, un progetto di moda lenta, etica ed ecologica

|

Associazione vittime dell’uranio impoverito: “Con le esercitazioni Nato in Sardegna è in atto un massacro”

|

Dall’Australia a Mussomeli. Danny McCubbin con The Good Kitchen prepara pasti gratis per chi ne ha bisogno

|

L’endocrinologo Giovanni Frajese: i vaccini a mRNA influiscono sul sistema ormonale?

|

Wakhan, il corridoio che collega Cina e Afghanistan dove le minoranze vengono sacrificate

|

Veronica Saetti racconta Buy Nothing, il modello economico fondato sul dono e sulle relazioni

|

Kukì e il canto del fiume