9 Mag 2023

A Ivrea i candidati sindaco parlano con i bambini e i ragazzi per costruire gentilezza

Per prepararsi alle votazioni comunali, a Ivrea il progetto Costruiamo Gentilezza ha ideato un evento che vede protagonisti i giovani: bambini e ragazzi hanno incontrato i candidati sindaco per porre loro domande su come intendono guidare la città, per prendersi cura del territorio e delle generazioni più giovani. Un’idea per rendere più accessibili il mondo e il linguaggio della politica, diffondendo il senso di comunità.

Salva nei preferiti

Torino - È possibile fare politica in modo diverso, coinvolgendo sempre più bambini e ragazzi, rendendoli più partecipi alla vita della comunità? La risposta è sì e la recente esperienza virtuosa della città di Ivrea lo conferma. La città infatti si sta infatti preparando alle prossime votazioni, che si terranno il prossimo 14 e 15 maggio.

Per l’occasione, lo scorso 3 maggio nella città piemontese si é svolto il primo “confronto preelettorale gentile” in Italia, che ha coinvolto i bambini e i ragazzi che si sono confrontati con i candidati a sindaco della città. Comunemente il sondaggio pre-elettorale è uno strumento di ricerca che precede le elezioni, attraverso il quale avviene l’interrogazione diretta dei cittadini che consente di avviare un dialogo collettivo per conoscere i temi dei programmi elettorali.

Costruiamo Gentilezza

Questa volta a confrontarsi con i candidati sindaco sono stati 16 bambini e ragazzi che frequentano le scuole elementari e le medie, oltre ai consigli comunali delle ragazze e dei ragazzi del territorio. È questa una delle tante iniziative promosse dal progetto nazionale Costruiamo Gentilezza e organizzata dalle associazioni Cor et Amor e Radio Spazio Ivrea.

Da diversi anni il progetto promuove pratiche gentili per il bene comune, mettendo al centro bambini e ragazzi affinché la gentilezza diventi un’abitudine diffusa. Ne sono esempio gli assessori alla gentilezza diffusi in tutta Italia o i consigli comunali presieduti da giovani. Così le buone pratiche di gentilezza diventano uno strumento per diffondere una buona educazione, il rispetto verso il prossimo e per rafforzare lo spirito di una comunità verso il concetto di bene comune.

L’INIZIATIVA: L’INCONTRO CON I CANDIDATI SINDACO

«Come pensa di aiutare i cittadini in difficoltà nell’ambito sia sociale che economico?» oppure «è possibile creare punti per l’affitto delle bici in più punti della città, completando la pista ciclabile?». Sono queste alcune delle domande che gli studenti hanno rivolto ai 4 candidati a sindaco presenti: Cadigia Perini, Carlo Bravi, Matteo Chiantore, Stefano Sertoli. Sono state in tutto 69 le domande preparate, ideate e condivise a scuola durante alcuni laboratori dedicati: le domande sono state inserite in un’ampolla e ogni candidato, a rotazione, ne ha sorteggiata una e l’ha passata a un giovane che l’ha letta ad alta voce al microfono, dopodiché ha avuto due minuti per rispondere.

Per comunicare con i bambini e i ragazzi hanno dovuto impiegare un approccio e un linguaggio diverso rispetto a quello usato abitualmente con gli adulti

L’incontro si è svolto presso un’aula della facoltà di infermieristica locale, situata nelle Officine della ex Olivetti, dove i bambini e i ragazzi si sono seduti dietro la cattedra e hanno “interrogato” i candidati. A introdurre l’incontro e a monitorare lo scandire del tempo affiancando i giovani é stata la giornalista Rita Cola: ognuno dei candidati per rispondere alle domande ha posto le spalle al pubblico e si è rivolto verso i ragazzi. Così per l’occasione i ruoli si sono invertiti, a indicare l’importanza che può e deve rivestire il protagonismo giovanile.

«Per i candidati rispondere alle domande non é stato affatto banale in quanto per comunicare con i bambini e i ragazzi hanno dovuto impiegare un approccio e un linguaggio diverso rispetto a quello usato abitualmente con gli adulti», racconta Luca Nardi, Presidente dell’associazione Cor et Amor. Il riscontro da parte di tutti i candidati é stato molto positivo e in questa occasione i bambini e i ragazzi sono stati messi al centro della comunità.

Costruiamo Gentilezza4
UN “CONFRONTO GENTILE” CHE DIVENTA PRATICA DIFFUSA

Per rendere ancora più partecipato e inclusivo l’evento, il pubblico ha potuto seguire l’intero momento di dialogo sia in presenza che tramite la web radio Spazio Ivrea: a conclusione dell’iniziativa é stato poi generato il podcast, oggi a disposizione sul sito della radio per tutti coloro che vorranno ascoltarlo in differita.

«Il confronto gentile proposto a Ivrea, nell’ambito del progetto nazionale Costruiamo Gentilezza, é diventato una buona pratica condivisa, con l’auspicio che altre associazioni in Italia possano riproporla localmente, contribuendo a dare voce e attenzione a bambini e ragazzi anche nelle scelte importanti che riguardano la comunità».

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Inaugurata la bibliocabina con cassetta delle lettere, tra cultura e introspezione
Inaugurata la bibliocabina con cassetta delle lettere, tra cultura e introspezione

Festival delle Cose Belle 2024: “asimmetrie” per ridefinire i paradigmi di perfezione
Festival delle Cose Belle 2024: “asimmetrie” per ridefinire i paradigmi di perfezione

Terranostra: l’esperienza di autogestione che ha portato alla rinascita di uno spazio verde abbandonato
Terranostra: l’esperienza di autogestione che ha portato alla rinascita di uno spazio verde abbandonato

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Dalle crepe nel modello standard alla teoria delle stringhe. La scienza è in crisi? – #967

|

Kalabria Eco Fest ed Economia del Bene Comune: fare impresa etica in Calabria è possibile?

|

Inaugurata la bibliocabina con cassetta delle lettere, tra cultura e introspezione

|

Il video racconto da Selargius, tra chi ha lasciato tutto per presidiare e chi fra gli ulivi ha trovato comunità

|

PFAS e i cantieri TAV: tutte le acque contaminate, dal Veneto alla Val di Susa

|

Change!, la mostra che parla di Po, siccità e crisi climatica

|

Il volontariato che fa scoprire il mondo: la storia di Emily, giovane wwoofer

|

Open Accessible Cooking, il progetto di Elena e Andrea per una cucina accessibile

string(8) "piemonte"