6 Giu 2023

Festival dello scarto 2023, a Ragusa una festa collettiva per diffondere la cultura del riciclo

Sicilia che cambia e il circuito Carato organizzano, il 9 e 10 giugno, una due giorni per promuovere e divulgare una visione virtuosa dei rifiuti considerati come risorsa e opportunità e non come problema da risolvere e "spazzatura" da smaltire. Tante associazioni e tante esperienze da condividere per ispirare cambiamento e divulgare i principi dell'economia circolare.

Salva nei preferiti

Ragusa - Una due giorni per promuovere e divulgare la cultura del riciclo e dell’economia circolare. Sicilia che Cambia e il circuito Carato organizzano venerdì 9 e sabato 10 giugno a Ragusa il Festival dello Scarto 2023, seconda edizione del piccolo, grande evento concepito per diffondere una visione attuale e virtuosa dei rifiuti, da considerare come risorse preziose e non come scarti da smaltire.

Dopo il successo della prima edizione, il Festival dello Scarto, quest’anno, sarà ospitato nello spazio Arte&Orti Proxima e coinvolgerà più di venti associazioni locali – non solo quelle aderenti al circuito Carato, rete fluida di associazioni e persone che si occupano di rigenerazione urbana, presidi in natura, battaglie per l’ambiente, cura del territorio e della persona – nonché imprese del territorio e singoli cittadini, uniti nel comune intento di proporre il tema dello scarto-risorsa in varie declinazioni.

LA DUE GIORNI DEL FESTIVAL DELLO SCARTO 2023 PER RIVOLUZIONARE LA VISIONE DEI RIFIUTI

Dal pomeriggio di venerdì alla mattinata inoltrata del sabato si avvicenderanno varie formule e attività per dimostrare come lo scarto sia, a vari livelli, qualcosa di prezioso. Tra Human Library, Swap, workshop, passeggiate fitoalimurgiche nonché area ristoro e area baratto, ci saranno tanti momenti – diversi ma complementari – che come in un grande puzzle restituiranno un’immagine diversa del rifiuto inteso come parte di una catena circolare in cui trova una seconda e nuova vita.

festival dello scarto 2023
festival dello scarto 2023

«Dopo il successo, quasi inaspettato dell’anno scorso, abbiamo deciso di replicare con nuovi protagonisti e nuove storie per veicolare, attraverso una festa e un format divertente e un linguaggio non serioso, un messaggio tanto importante quale quello del rifiuto come risorsa», racconta Gaia Nicastro di Carato. Attraverso workshop, passeggiate, laboratori cerchiamo di offrire spunti su come ridurre gli sprechi, su come ripensare ed evitare gli imballaggi, su come riutilizzare quelle parti di cibo che siamo soliti considerare bucce o scarti.

«Grande importanza, come l’anno scorso, avranno le esperienze reali e i racconti nelle human library: veri e propri libri umani da cui apprendere storie e modalità. In particolare, quest’anno l’Istituto d’Istruzione Superiore G.B. Vico – Umberto I – R. Gagliardi di Ragusa racconterà il suo progetto di educazione civica “La città che vorrei” e le buone pratiche cui hanno pensato anche rispetto al trattamento e alla re-immissione in circolo dei rifiuti. Tante storie reali, dall’esperienza del GAS a quella della food forest, che sicuramente possono stimolare curiosità in chi non conosce certe realtà e ispirare chi è già pronto a provarci e aspetta solo un esempio da seguire».

Anche in questa seconda edizione, il Festival dello Scarto si presenta come un’occasione per scambiare opinioni, proposte e mettere i campo idee e proposte. Oltre a riflettere e imparare nuove tecniche di upcycling – di tessuti, alimenti, oggetti – sarà anche un’occasione per conoscere chi ha già avviato un cambiamento e messo in moto una piccola grande rivoluzione e magari prenderne spunto per innescare la propria trasformazione.

Il Festival dello Scarto è un’occasione per conoscere chi ha già avviato un cambiamento e messo in moto una piccola grande rivoluzione

I PROTAGONISTI DEL FESTIVAL DELLO SCARTO

Le associazioni coinvolte nel Festival dello Scarto 2023 sono tante e tanti sono gli spunti possibili: Plastic free coordinamento Sicilia Sud Orientale, RagusaAttiva, Collettivo Ocra, Orti Sociali e Sartoria Sociale Proxima, Food Forest Inferno, Mecca Melchita, Vo.Cri, Rimboschiamo, Puliamo Chiaramonte. Tra le imprese ci saranno Foz e Frantoi Cutrera e hanno aderito anche Natalia Cecera e le Cuoche A Km Zen.

«L’avvio del festival – spiega Gaia – sarà venerdì 9 giugno alle ore 16 negli spazi agli orti sociali Proxima. Dopo l’accoglienza si partirà per un’attività di plogging con Ragusa Attiva e Plastic free e sarà anche un’occasione per fare il punto sul paradosso della zona dove convivono u vero e proprio paradiso di sostenibilità come gli orti di Proxima e il continuo accumulo di rifiuti da parte degli avventori del fast food che si trova proprio di fronte».

«Ci sarà  – continua – poi un momento di merenda, con il cibo raccolto dal banco alimentare, mentre con i rifiuti raccolti durante il plogging, il Collettivo Ocra terrà un laboratorio creativo e a seguire ce ne sarà un altro di cucito a cura di Sartoria Sociale Proxima. A chiudere la serata ci sarà la Human Library con le storie ispiratrici di tante associazioni e attori del cambiamento».

Il giorno dopo, si riprende alle 10 passeggiata, sempre nello spazio Arte&Orti Proxima e dopo un minitour di tra gli orti sinergici e una dimostrazione dal vivo delle tecnica dell’acquaponica, ci sarà un picnic tutti insieme, ovviamente zero waste. «L’anno scorso – sottolinea Gaia – in tre giorni siamo riusciti a produrre solo un sacchetto di rifiuti indifferenziati. Abbiamo fatto di tutto per usare solo borracce e stoviglie riutilizzabili e il festival è stato un successo anche dal punto di vista dell’impatto ambientale. Per cui quest’anno puntiamo a fare lo stesso se non meglio».

Festival dello scarto 2023
Nello Spazio Arte&Orti Proxima, si trova il corner con le shopper a tema “riciclo”
IL FESTIVAL E SICILIA CHE CAMBIA

Il Festival dello Scarto mira a diventare un evento replicabile e diffuso da proporre e organizzare in altre città siciliane, coinvolgendo le tante realtà che fanno già parte della mappa di Sicilia che Cambia e magari tante altre che ancora non conosciamo ma che stanno contribuendo, con le loro attività, a disegnare u uovo paradigma dell’isola che possono cambiare profondamente la nostra società civile.

IL PROGRAMMA DEL FESTIVAL DELLO SCARTO

VENERDÌ 9 GIUGNO h 16-20

h 16 Accoglienza

h 16.15 Plogging

h 17 Merenda per tutti

h 18 Lab adulti e bambini

h 19 Human Library

SABATO 10 GIUGNO h:10-14

h 10 Accoglienza

h 10.15 Tour fitoalimurgico

h 11 Tour acquaponica

h 12 Lab adulti e bambini

h 13 Picnic

Per tutta la durata del festival mattinata saranno aperti il banchetto Plastic Free, l’Area Swap, il Corner Sicilia che Cambia.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Zero Waste Italy: unire le forze per chiedere una legge per incentivare riparazione e riuso
Zero Waste Italy: unire le forze per chiedere una legge per incentivare riparazione e riuso

La sostenibilità in mostra: a Palma Campania Naturae trasforma la spazzatura in arte
La sostenibilità in mostra: a Palma Campania Naturae trasforma la spazzatura in arte

L’economia circolare di Relicta: pellicole biodegradabili che si sciolgono in acqua – Io Faccio Così #397
L’economia circolare di Relicta: pellicole biodegradabili che si sciolgono in acqua – Io Faccio Così #397

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Gaza, la strage continua ma cresce il movimento pro-Palestina – #933

|

Zero Waste Italy: unire le forze per chiedere una legge per incentivare riparazione e riuso

|

Animago: due libri per esplorare il mondo a mente scalza

|

Greenatural, il marchio che unisce domanda e offerta di prodotti etici ed ecologici

|

Casa nome collettivo: parlare di Palestina, riflettere sulla guerra per chiedere la pace

|

Giorgio Cremaschi: “Su Gaza l’occidente usa un doppio standard”

|

Bombe di semi e draghi: è in partenza un cammino per seminare vita in nome di Fukuoka

|

I gelsi e la talpa, l’azienda agricola che vende “siciliano” e promuove il consumo critico

string(7) "sicilia"