Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
18 Set 2012

Stop and go!

Scritto da: Daniel Tarozzi

Oggi una giornata di pausa. Dopo una settimana spericolata su e giù per il Piemonte mi sono fermato per un’intera […]

Oggi una giornata di pausa. Dopo una settimana spericolata su e giù per il Piemonte mi sono fermato per un’intera giornata in un campeggio vicino alla cittadina di Alba (Provincia di Cuneo). Qui ho organizzato le prossime tappe e smaltito una serie di lavori arretrati.
In serata sono ripartito e mi sono spostato alle porte di Verona. Sono arrivato da poco. E’ l’una e mezzo, la stanchezza è tanta, ma prima di dormire voglio fissare alcune emozioni, prima che sfuggano come i sogni della notte.
Come potete vedere dalla mappa qui sotto, questa prima settimana di viaggio è stata molto intensa!


Abbiamo incontrato la comunità di Damanhur, ci siamo confrontati con l’ingegnere che ha sviluppato la tecnologia del Kitegen, abbiamo incontrato i ragazzi dell’Università del Gusto inaugurata qualche anno fa da Slow Food e ci siamo fermati una notte nel Comune di Rivalta. Abbiamo conversato con Maurizio Pallante e con Alberto Guggino, che ci ha mostrato la sua casa passiva e invitato nel suo ristorante proprio due giorni prima di chiuderlo e cambiare  vita per la seconda volta (a proposito, in bocca al lupo!). Abbiamo osservato la straordinaria casa di paglia di Nicola e Noemi, auto-costruita in pochi mesi e con pochi soldi. Siamo stati in Val di Susa, dove abbiamo avuto la possibilità di vedere da vicino cosa sta accadendo, abbiamo conosciuto molti attivisti e abbiamo partecipato al battesimo del S.U.S.A., conversando poi con Michelangelo Pistoletto e con Rossana Beccarelli. Il week end, infine, lo abbiamo trascorso nei monti del cuneese, prima andando a trovare Marta e Giorgio e il loro allevamento di capre e poi incontrando il nostro amico Gianni Davico che, insieme alla sua famiglia, ci ha raccontato le gioie di una vita dal “tempo liberato”.

[Michelangelo Pistoletto, noi e il battesimo del S.U.S.A.]
“Ci siamo trovi così, quasi per caso, di fronte al battesimo del S.U.S.A., Sentiero Umano di Solidarietà Ambientale. Ed eccoci a comporre, simbolicamente, i primi metri della catena umana che il 21 dicembre unirà Torino a Susa”.

Già con questa prima settimana, quindi, avrei materiale per scrivere un intero libro. E non scherzo. La tentazione di fermarmi,di restare in ogni luogo più e più giorni, è fortissima. Ma questo non è il compito che mi sono prefissato. Ci sono molti testi e molti video che raccontano le singole storie e molti altri ne usciranno nei prossimi mesi e nei prossimi anni.
Il mio obiettivo, lo ripeto ancora una volta a voi, ma soprattutto a me stesso, è costruire un mosaico, uno straordinario puzzle le cui tessere sono i volti e le esperienze dei tanti italiani e delle tante italiane che vivono, lottano, cambiano, conquistano, perdono, ripartono. Costantemente, indefessamente, convinti che – nonostante tutto – la strada del cambiamento, della costruzione di un nuovo modello di vita, di recupero di senso nel vivere e nell’agire, sia la strada da percorrere. Anche quando il sentiero è in salita. Anche quando arrivano le ruspe e l’esercito a strappare gli alberi secolari e i luoghi in cui si andava a pregare. Anche quando l’inverno è lungo e la neve sommerge i tuoi sogni insieme ai luoghi che ami. Alla fine dell’inverno c’è sempre una Primavera e con essa la terra torna a germogliare. A questo in tanti stanno lavorando. Ed è per incontrare loro che non posso permettermi di aspettare, di fermarmi ogni qual volta lo desidero.
Il Veneto chiama. Domani una nuova regione, nuovi territori, diversi dialetti, modi di vivere, di pensare. Questa è l’Italia. Anche questa. Un paese le cui differenze possono essere le basi per divisioni, lotte, razzismi. O possono essere ingredienti fondamentali per creare una straordinaria biodiversità umana.
Ci vediamo a Venezia!

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Lo stallo israeliano e i rischi dell’accordo Ue-Mercosur – Io Non Mi Rassegno #172

|

Sette produttori locali si uniscono e danno vita a un negozio-laboratorio a Km0

|

Il Filo di Paglia, la prima casa in paglia della Liguria

|

Movement Medicine: affidarsi alla danza per scoprire se stessi

|

IC3 Modena: la scuola digitale in cui luci e colori risvegliano l’anima – Scuola Che Cambia #6

|

Cambiare vita e lavoro, un viaggio responsabile e coraggioso verso la felicità

|

Mille alberi piantati dai cittadini per difendere il territorio

|

Verso un’economia post-covid per il bene comune