Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
16 Ott 2012

Ma quindi non ci hai raccontato che hai combinato in Veneto!

Scritto da: Daniel Tarozzi

E’ vero! Tra i continui spostamenti e le sempre nuove esperienze mi sono perso un po’ di pezzi. Con oggi cominicio a rimettere le cose apposto. Cominciamo là dove ci eravamo fermati, in Veneto (mentre scrivo mi trovo in Camper in Sardegna). Vi ho raccontato della conferenza internazionale sulla Decrescita a Venezia. Tra i tanti […]

E’ vero! Tra i continui spostamenti e le sempre nuove esperienze mi sono perso un po’ di pezzi. Con oggi cominicio a rimettere le cose apposto.
Cominciamo là dove ci eravamo fermati, in Veneto (mentre scrivo mi trovo in Camper in Sardegna). Vi ho raccontato della conferenza internazionale sulla Decrescita a Venezia. Tra i tanti incontri, oltre a quelli che vi ho già segnalato, vorrei citare Zanotelli, Paolo Cacciari, Gianni Tamino, Don Fazzini, i ragazzi di Spiazzi Verdi (se passate da Venezia andate a trovarli!), Saverio, un artigiano che costruisce a mano, con le tecniche dei suoi avi, le gondole e Michela Scibilia, una donna che ha fatto del Cambiamento il suo staus quo.
CONTINUA SUL FATTO QUOTIDIANO
Qui sotto l’itinerario percorso in queste settimane. Vi saluto che un nuovo incontro mi aspetta!

Visualizzazione ingrandita della mappa

#IoNonMiRassegno 17/2/2020

|

Arredi ecologici per le città: l’efficienza energetica cambia gli spazi urbani

|

Imparare facendo nella Libera Università del Bosco

|

Un tour musicale in bicicletta dall’Inghilterra alle Marche

|

Giovani ed economia circolare: la rivoluzione dell’impresa parte da qui

|

La storia di Fabio: “Giro il mondo in bici per combattere la sclerosi multipla”

|

Bar papà, la community di padri che si raccontano e supportano

|

Un centro ecologico e olistico immerso nella natura della Calabria

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l'editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.