Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
16 Ott 2012

Viaggio nell’Italia che cambia: il Veneto

Scritto da: Daniel Tarozzi

Dopo qualche settimana riprendono le cronache dal Viaggio nell’Italia che cambia! Tra i continui spostamenti e le sempre nuove esperienze mi sono […]

Dopo qualche settimana riprendono le cronache dal Viaggio nell’Italia che cambia! Tra i continui spostamenti e le sempre nuove esperienze mi sono perso un po’ di pezzi. Con oggi comincio a rimettere le cose a posto.
Alex ZanotelliCominciamo là dove ci eravamo fermati, in Veneto (mentre scrivo mi trovo in Camper in Sardegna). Vi ho raccontato della conferenza internazionale sulla decrescita a Venezia. Tra i tanti incontri, oltre a quelli che vi ho già segnalato, vorrei citare Alex Zanotelli, Paolo Cacciari, Gianni Tamino, Don Fazzini, i ragazzi di Spiazzi Verdi (se passate da Venezia andate a trovarli!), Saverio, un artigiano che costruisce a mano, con le tecniche dei suoi avi, le gondole e Michela Scibilia, una donna che ha fatto del cambiamento il suo status quo.
Impossibile, qui, approfondirli tutti. Vi trasmetterò quindi qualche sensazione di getto, rimandandovi al futuro libro per gli approfondimenti. La sensazione che mi è rimasta più impressa di Venezia è il forte desiderio di partecipazione e di riappropriazione degli spazi pubblici unito ad una grandefrustrazione per una città, percepita da tutti quelli con cui ho parlato, come decadente. La popolazione, ridottasi da 150.000 a 50.000 in pochi anni, è via via fuggita verso Mestre o verso “altri lidi”. Le case si sono svuotate, diventando seconde abitazioni o vuote. Eppure Venezia, per citar Michela Scibilia, potrebbe essere la città del futuro. Per sua storia e conformazione, infatti, è una città pedonale, bellissima, con un tessuto sociale fortissimo e delle tradizioni altrettanto forti.
Della conferenza ho già detto. Vorrei solo aggiungere che l’organizzazione è stata davvero eccellente,la coerenza altissima (i pasti erano serviti in piatti di porcellana, l’usa e getta ridotto ai minimi termini, la raccolta differenziata ovunque), la partecipazione agli incontri alta e appassionata. Ho trovato un po’ “scontato” il programma ufficiale della conferenza, ma credo questo sia dipeso dal tentativo di creare un programma che fosse allo stesso tempo adatto sia ad un pubblico generalista che ad un pubblico esperto (da qui i tanti workshop). Comunque, dopo anni che partecipo ad eventi del genere, devo dire che è stato quello che ho trovato meglio organizzato.
[…]
Continua a leggere sul FattoQuotidiano.it

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

I tanti perché dell’attentato di Nizza – Io Non Mi Rassegno #242

|

Castagnatura ai tempi del Covid: la Festa del borgo di Raggiolo si sposta sul web

|

Chiude la cultura: le voci dei lavoratori dello spettacolo, tra sipari calati, sforzi vani e incertezze

|

L’appello di Laura, sorda dalla nascita: “Usate le mascherine trasparenti!”

|

La buona politica esiste! Marco Boschini e la rete dei Comuni Virtuosi

|

Gelso, la sartoria sociale che fa moda etica creando nuove opportunità di lavoro

|

Cittadini sostenibili: “Diffondiamo in città azioni e soluzioni concrete per vivere consapevolmente” – Io faccio così #305

|

Caccia: milioni di uccelli morti ogni anno per avvelenamento da piombo