Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
9 Mar 2013

Sesto giro di boa

Scritto da: Daniel Tarozzi

Sembra impossibile, eppure siamo all’ultimo giro di boa. Sei mesi e sedici regioni fa il mitico Camper chiamato Alba lasciava […]

Sembra impossibile, eppure siamo all’ultimo giro di boa. Sei mesi e sedici regioni fa il mitico Camper chiamato Alba lasciava il porto di Alto (Cuneo) per avventurarsi nei meandri della misteriosa Italia che Cambia. Ora, all’orizzione, comincia a scorgersi la destinazione finale. La Sicilia, infatti, è proprio là, dietro Puglia, Basilicata e Calabria. Per ora non voglio pensarci. Troppo intense le giornate che stiamo vivendo e troppo sorprendenti le sorprese che incontriamo in ogni territorio per poterci proiettare nel futuro. In questi giorni siamo stati in Campania, tra il casertano e Napoli. Ho appena scritto un post per il Fatto Quotidiano. Intanto ne approfitto per salutare Giulia Rosoni e Elisa Nicoli che ci hanno accompagnato per alcuni giorni rispettivamente nelle Marche e in Molise. Qui sotto qualche scatto (in alto Elisa e sotto Giulia).

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

La repressione cinese degli Uiguri – Io Non Mi Rassegno #217

|

Largo all’immaginazione e alla libera creatività: le scuole steineriane di Vallebona

|

Gli assorbenti lavabili e solidali che promuovono l’integrazione e la salute di tutte le donne

|

Sebastiano, il giovane contadino che per cambiare il mondo coltiva la terra

|

In Italia si mappano i borghi per chi vuole vivere e lavorare in montagna

|

Comunità energetiche rinnovabili: una via per la transizione? – A tu per tu #6

|

Diffondere informazione positiva e gentilezza: arriva il Festival Mezzopieno!

|

Lucia Cuffaro e l’autoproduzione, la ricetta quotidiana per una società più giusta e resiliente