9 Mar 2013

Sesto giro di boa

Scritto da: Daniel Tarozzi

Sembra impossibile, eppure siamo all’ultimo giro di boa. Sei mesi e sedici regioni fa il mitico Camper chiamato Alba lasciava […]

Sembra impossibile, eppure siamo all’ultimo giro di boa. Sei mesi e sedici regioni fa il mitico Camper chiamato Alba lasciava il porto di Alto (Cuneo) per avventurarsi nei meandri della misteriosa Italia che Cambia. Ora, all’orizzione, comincia a scorgersi la destinazione finale. La Sicilia, infatti, è proprio là, dietro Puglia, Basilicata e Calabria. Per ora non voglio pensarci. Troppo intense le giornate che stiamo vivendo e troppo sorprendenti le sorprese che incontriamo in ogni territorio per poterci proiettare nel futuro. In questi giorni siamo stati in Campania, tra il casertano e Napoli. Ho appena scritto un post per il Fatto Quotidiano. Intanto ne approfitto per salutare Giulia Rosoni e Elisa Nicoli che ci hanno accompagnato per alcuni giorni rispettivamente nelle Marche e in Molise. Qui sotto qualche scatto (in alto Elisa e sotto Giulia).

Vuoi cambiare la situazione
del viaggiare in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Cinque anni dopo… Un nuovo giro di boa!

Se non ti interessa questo articolo, non ti interessa l'Italia che Cambia

In viaggio, sono sempre in viaggio!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Sea-ty e le reti fantasma: “Liberiamo i fondali dalle attrezzature da pesca abbandonate”

|

Nasce il Badante agricolo di comunità che aiuta le persone anziane nella cura dell’orto

|

L’apprendimento non va in vacanza: cronaca di un’estate da homeschooler

|

Caltanissetta ricorda i “carusi di Sicilia”, i piccoli schiavi delle miniere di zolfo

|

Paolo Rumiz: i viaggi e la riscoperta dei monti naviganti

|

Sensuability: per uscire vivi, gioiosi e gaudenti dalla morsa dei tabù – Amore Che Cambia #18

|

Alla facoltà di infermieristica gli studenti imparano la gentilezza