Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
20 Gen 2014

Noi parliamo di Jacopo Fo e delle rivolte di Rosarno. Intanto Panorama e Feedbooks parlano di noi…

Lasciate alle spalle le vacanze natalizie l’Italia che Cambia è tornata a viaggiare a regime. Jacopo Fo è stato il […]

Lasciate alle spalle le vacanze natalizie l’Italia che Cambia è tornata a viaggiare a regime. Jacopo Fo è stato il protagonista della nostra storia della settimana, che racconta il suo percorso tutto particolare che l’ha portato dalle cruente lotte di classe degli anni Settanta a trovare rifugio nella pace del suo ecovillaggio solare.
jacopo fo
La puntata del settimanale radio Terranave racconta una bella storia proveniente da Rosarno.  In occasione del quarto anniversario della rivolta che vide coinvolti alcuni migranti braccianti sfruttati e che portò ad un vero e proprio scontro di piazza, la trasmissione racconta un progetto coraggioso portato avanti proprio da chi ha vissuto in prima persona quella dolorosa esperienza. Si tratta di sei ragazzi provenienti dal Senegal e dal Mali che adesso vivono a Roma e hanno deciso di mettersi in proprio nella produzione dello yogurt.
Ma veniamo a chi ha parlato di noi. Il 14 gennaio il sito Feedbooks.it ha pubblicato una lunga intervista a Daniel Tarozzi. L’autrice dell’intervista, Veronica Fantini, definisce Io faccio così “un inno al cambiamento, una doverosa presentazione di molte di quelle persone che hanno deciso di rallentare, di guardarsi alle spalle e iniziare una nuova vita, ma anche di storie di solidarietà, di collaborazione, di condivisione.”
Venerdì 17 è toccato invece ad Andrea Degl’Innocenti e al suo Islanda chiama Italia comparire fra le pagine di Panorama. Il settimanale si è occupato del caso Islanda con un articolo dal titolo “L’Islanda dimostra che è possibile uscire dalla crisi senza l’austerità”, scritto dallo stesso Andrea Degl’Innocenti.
islandaitalia

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Sgomberato il Cinema Palazzo! – Io Non Mi Rassegno #262

|

Il sogno di due giovani del Casentino diventa esempio virtuoso per le acquacolture nel mondo

|

L’aranceto di La Spezia che valorizza una tradizione dimenticata

|

Il Piemonte propone una tassa ai colossi del web per aiutare le piccole attività

|

I soldi danno la felicità

|

I ripopolanti della Val Taverone danno vita a una nuova comunità nella natura

|

Felcerossa, la casa di paglia dove si sperimenta il vivere sostenibile in autosufficienza – Io faccio così #308

|

Come potrebbero diventare l’Italia e il mondo dopo la pandemia?