17 Mag 2014

Un lago che non si è accorto di essere mare

La porta in fondo alla stanza, che dà accesso al bagno è sghemba. Rompe l’equilibrio geometrico di un’architettura altrimenti perfetta […]

IMG-20140515-WA0005
La porta in fondo alla stanza, che dà accesso al bagno è sghemba. Rompe l’equilibrio geometrico di un’architettura altrimenti perfetta e ricorda all’osservatore che esistono varie inclinazioni da cui guardare il mondo.
Siamo a Puegnago, un paesino nel bresciano arroccato in cima a una collina che guarda il lago di Garda. Laura Marsadri ci ha accompagnato in macchina fin sulla soglia del magnifico palazzo della Fondazione Vittorio Leonesio. Strade troppo strette e ripide per il camper, che ci attende parcheggiato di fronte alla Libreria Bacco, una graziosa enoteca letteraria che Laura gestisce col marito e la figlia.
Arrivati in cima alla colle, nel cuore di Puegnago, scendiamo dalla macchina. Il portone che affaccia sulla via custodisce gelosamente il suo tesoro dietro a una serratura antica, e come ogni scrigno si apre girando una grossa chiave in ferro. Siamo partiti da soli sei giorni ma sembra molto di più. Entriamo. Oltre l’ombra del porticato interno ci investe il profumo intenso del gelsomino e una folata di verde che abbacina gli occhi. Resto quasi intimorito di fronte a quest’invasione di bellezza che per un istante spazza via tutto il resto.
20140515_180752-1
All’interno, il palazzo è affrescato e ha dei bellissimi soffitti in legno decorato. Ha un aspetto nobiliare ma non austero: conserva un’atmosfera bucolica e un po’ contadina che rende tutto più familiare. Nella sala principale tutto è pronto per la presentazione. Anche la porta sghemba in fondo, che sembra messa lì apposta.
Mentre salivamo fin lì, osservavamo il lago dall’alto e le sue acque mosse che sembravano mare. “È alto” ci ha detto Laura. Si dice così per un lago, quando è mosso. Nessuno, guardandolo dalla riva, con le creste bianche in lontananza, penserebbe mai di trovarsi di fronte ad un lago. Ora, che mentre scrivo lo osservo dal basso, mi chiedo se anche per gli attori silenziosi di questa Italia che cambia non valga la stessa cosa. Se anche loro, tutti assieme, non siano un lago che non si è ancora accorto di essere mare.
IMG_6006
Andrea Degl’Innocenti
 

Vuoi cambiare la situazione
del viaggiare in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Articoli simili
Un modo nuovo di viaggiare: ispirati!

Parte da Bologna il Festival del Turismo responsabile

Cyclolenti in Turchia: i dervisci rotanti

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Le contraddizioni della transizione ecologica nella voce degli indigeni – #418

|

Migliaia di partecipanti e un manifesto del turismo responsabile: ecco IT.A.CÀ 2021

|

Avete passato un buon Black Friday? Ecco a cosa è servita la vostra “felicità”

|

SUQ, il bazar dei popoli dove l’arte si intreccia con le culture del mondo – #10

|

Mondeggi, la fattoria senza padroni, chiama a raccolta il mondo della permacultura per riprogettarsi

|

Il diritto dei bambini all’aria pulita: le strade scolastiche come antidoto a traffico e inquinamento

|

Fuga dalla città. Una seconda vita sulle colline piacentine

|

Assamil: una delle comunità più giovani d’Italia cresce e cerca una nuova casa