17 Mag 2014

Un lago che non si è accorto di essere mare

La porta in fondo alla stanza, che dà accesso al bagno è sghemba. Rompe l’equilibrio geometrico di un’architettura altrimenti perfetta […]

IMG-20140515-WA0005
La porta in fondo alla stanza, che dà accesso al bagno è sghemba. Rompe l’equilibrio geometrico di un’architettura altrimenti perfetta e ricorda all’osservatore che esistono varie inclinazioni da cui guardare il mondo.
Siamo a Puegnago, un paesino nel bresciano arroccato in cima a una collina che guarda il lago di Garda. Laura Marsadri ci ha accompagnato in macchina fin sulla soglia del magnifico palazzo della Fondazione Vittorio Leonesio. Strade troppo strette e ripide per il camper, che ci attende parcheggiato di fronte alla Libreria Bacco, una graziosa enoteca letteraria che Laura gestisce col marito e la figlia.
Arrivati in cima alla colle, nel cuore di Puegnago, scendiamo dalla macchina. Il portone che affaccia sulla via custodisce gelosamente il suo tesoro dietro a una serratura antica, e come ogni scrigno si apre girando una grossa chiave in ferro. Siamo partiti da soli sei giorni ma sembra molto di più. Entriamo. Oltre l’ombra del porticato interno ci investe il profumo intenso del gelsomino e una folata di verde che abbacina gli occhi. Resto quasi intimorito di fronte a quest’invasione di bellezza che per un istante spazza via tutto il resto.
20140515_180752-1
All’interno, il palazzo è affrescato e ha dei bellissimi soffitti in legno decorato. Ha un aspetto nobiliare ma non austero: conserva un’atmosfera bucolica e un po’ contadina che rende tutto più familiare. Nella sala principale tutto è pronto per la presentazione. Anche la porta sghemba in fondo, che sembra messa lì apposta.
Mentre salivamo fin lì, osservavamo il lago dall’alto e le sue acque mosse che sembravano mare. “È alto” ci ha detto Laura. Si dice così per un lago, quando è mosso. Nessuno, guardandolo dalla riva, con le creste bianche in lontananza, penserebbe mai di trovarsi di fronte ad un lago. Ora, che mentre scrivo lo osservo dal basso, mi chiedo se anche per gli attori silenziosi di questa Italia che cambia non valga la stessa cosa. Se anche loro, tutti assieme, non siano un lago che non si è ancora accorto di essere mare.
IMG_6006
Andrea Degl’Innocenti
 

Vuoi cambiare la situazione
del viaggiare in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Lasciare il lavoro per un sogno: il Sud America zaino in spalla
Lasciare il lavoro per un sogno: il Sud America zaino in spalla

Mollare tutto per viaggiare… in salita

Vostok100k: un vecchio camper a caccia di storie straordinarie

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Il Green Deal parte dalla Sicilia: approvata la legge sull’Agroecologia

|

La biofilia e l’educazione in Natura negli spazi educativi all’aperto

|

1000 Metri: Un hotel abbandonato rivive per far ripartire la montagna

|

Cosmic Fest: cibo, salute e salvaguardia del pianeta

|

Il Mare Colore dei Libri, la Sicilia celebra la natura e la cultura

|

Altravia, da Torino a Savona un viaggio lento per scoprire terre inesplorate

|

énostra: l’impresa di comunità dalla parte dell’ambiente