13 Gen 2015

Api a rischio e miele scarso: si chiude un anno nero per la biodiversità

Scritto da: Redazione

Cambiamenti climatici e inquinamento ambientale minacciano la produzione del miele e, in questo senso, il 2014 è stato un anno […]

Cambiamenti climatici e inquinamento ambientale minacciano la produzione del miele e, in questo senso, il 2014 è stato un anno particolarmente critico. È stata, insomma, un’annata nera per la biodiversità italiana, come sottolinea l’ultima puntata della trasmissione radiofonica Terranave che ha dato voce a diversi interlocutori, dalla Calabria a Bolzano, passando per la Toscana.

 

Emiliano Terreni è un apicoltore del Chianti. Nel territorio in cui vive, come racconta, i trattamenti massicci di insetticidi e prodotti chimici utilizzati in viticoltora e olivicoltura hanno messo in pericolo l’esistenza delle sue api e sterminato interi apiari. All’inquinamento chimico causato dalle grandi aziende si aggiunge il cambio climatico a cui stiamo assistendo: nel 2014 l’inverno praticamente assente e l’estate insolitamente piovosa hanno stravolto i cicli vitali di piante e insetti gettando in confusione le api.

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

 

 

o-BEES-facebook

 

La tropicalizzazione del clima ha inoltre favorito il prolificarsi di parassiti esotici, come l’Aethina tumida, coleottero che si impianta nel favo, cibandosi della cera delle api. In Calabria, nell’area della Piana di Gioia Tauro, è stato ordinato il rogo degli apiari considerati a rischio, ma gli apicoltori locali hanno denunciato l’inutilità di questa pratica, che lì dove è stata messa in atto non ha portato alla eradicazione del parassita. “Il danno non è solo per noi apicoltori – spiega Gaetano Mercatante, apicoltore calabrese – ma per la biodiversità tutta. Perché un territorio senza api diventa a breve un’area desertica”.

 

Per saperne di più:

Il sito del network Amisnet: amisnet.org
L’archivio delle puntate di Terranave: www.italiachecambia.org/categoria/terranave/

 

 

Articoli simili
Queen of Sheba: una coppia di naturalisti sulle tracce di una rara orchidea australiana
Queen of Sheba: una coppia di naturalisti sulle tracce di una rara orchidea australiana

Aspromonte e incendi: cosa si può fare per difendere la montagna?
Aspromonte e incendi: cosa si può fare per difendere la montagna?

Adotta un alveare: la proposta di 3Bee per proteggere le api grazie alla tecnologia
Adotta un alveare: la proposta di 3Bee per proteggere le api grazie alla tecnologia

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Cosa succedeva nel 2012? Dieci cose che sono cambiate (in meglio) negli ultimi dieci anni

|

Da psicologa a Torino a operatrice olistica in val di Vara: la storia di Fulvia

|

Incendi dolosi per spendere poco e fare in fretta: gli speculatori fanno strage di ulivi del Salento

|

Nasce la Scuola Nazionale di Pastorizia per un rilancio delle aree interne e montane

|

Vi spieghiamo la filosofia di NaturaSì, dalla biodinamica al giusto prezzo per i contadini – Io Faccio Così #341

|

Parti con noi alla scoperta della Palermo che Cambia

|

Acqua bene comune, pubblico e sicuro: è ora di agire, prima che sia troppo tardi