Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
30 Mar 2015

"Sogno e son desto!": a Roma il teatro-proposta di Michele Dotti

Scritto da: Redazione

Il 13 Aprile 2015 alle ore 21:00 c/o il Teatro Ambra di Garbatella a Roma, va in scena “Sogno e […]

locandina-sogno-e-son-destoIl 13 Aprile 2015 alle ore 21:00 c/o il Teatro Ambra di Garbatella a Roma, va in scena “Sogno e son desto! Stavo cambiando il mondo e…ho dimenticato la pentola sul fuoco”, di e con Michele Dotti, organizzato dalla Cooperativa Sociale BeFree e dall’Associazione Io Sono con il patrocinio del Municipio VIII di Roma.

 

Si aprono le porte allo spettacolo che sta facendo il giro d’Italia, nelle scuole, nei teatri, nelle piazze, uno spettacolo innovativo nel suo genere. “Sogno e son desto!” Vuole essere uno spettacolo-formativo, ironico e profondo, per riflettere su alcuni dei temi centrali per la nostra qualità di vita.

 

Un Viaggio immaginario nel tempo e nello spazio, in una prospettiva interculturale, per capire come i diritti umani, la sostenibilità ambientale, l’occupazione e la giustizia sociale non siano in antitesi tra loro ma possano camminare insieme.

 

Un Viaggio metaforico, dentro alla crisi e dentro noi stessi, attraverso immagini, poesie, provocazioni e ironia, per scoprire come i nuovi stili di vita possano aiutarci a risolvere alcune delle grandi sfide del presente, per guardare al domani con fiducia e rinnovata speranza.

 

Una sorta di “teatro-proposta” (l’altra faccia del teatro-denuncia) che si presta a molteplici sviluppi interdisciplinari possibili e ci suggerisce alcune piccole-grandi scelte che possiamo compiere per contribuire a creare un mondo migliore.

 

La mattina dello stesso giorno lo spettacolo è aperto ai Licei di Roma. Stiamo provvedendo in questi giorni a raccogliere le prenotazioni delle Scuole e relative classi interessate alla visione.

 

Per info e prenotazioni: info@associazioneiosono.it

+39 393.4059503

 

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Lo stallo israeliano e i rischi dell’accordo Ue-Mercosur – Io Non Mi Rassegno #172

|

Sette produttori locali si uniscono e danno vita a un negozio-laboratorio a Km0

|

Il Filo di Paglia, la prima casa in paglia della Liguria

|

Movement Medicine: affidarsi alla danza per scoprire se stessi

|

IC3 Modena: la scuola digitale in cui luci e colori risvegliano l’anima – Scuola Che Cambia #6

|

Cambiare vita e lavoro, un viaggio responsabile e coraggioso verso la felicità

|

Mille alberi piantati dai cittadini per difendere il territorio

|

Verso un’economia post-covid per il bene comune