10 Apr 2015

Foreste europee a rischio: cinque passi per salvaguardarle

Calore, siccità, incendi, urbanizzazione e inquinamenti. Sono questi i fattori che minacciano le foreste europee per le quali si prospetta […]

Calore, siccità, incendi, urbanizzazione e inquinamenti. Sono questi i fattori che minacciano le foreste europee per le quali si prospetta un “futuro incerto”. Tuttavia, tutelare le foreste europee non è impossibile.
Secondo un team di ricercatori del Consiglio per la ricerca e la sperimentazione in agricoltura (Cra), dell’università della Tuscia e dell’European Forest Institute, basterebbero cinque mosse.

 

Tangerine-forest

 

Nella ricerca pubblicata sulla rivista Nature vengono evidenziate “cinque azioni fondamentali per tutelare le foreste del Vecchio Continente, pesantemente esposte agli effetti del cambiamento climatico, dell’inquinamento e dell’urbanizzazione”.

Secondo i ricercatori il primo passo da compiere è selezionare tramite interventi selvicolturali le specie arboree in relazione alle loro capacità di adattamento alle condizioni climatiche e ai disturbi ambientali, quindi favorire l’assorbimento di carbonio, aumentando l’intensità dei diradamenti e dei tagli, inoltre assecondare l’espansione di boschi con variabilità genetica in grado di contrastare attacchi patogeni. Per salvare le foreste europee, è necessario inoltre porre maggiore impegno nell’utilizzo della biomassa forestale, incentivando i consumi di energia da fonti rinnovabili e considerare come si possa agevolmente raggiungere un buon livello di protezione ambientale in armonia con lo sviluppo socio-economico del territorio.

 

Come spiegano gli studiosi, queste cinque azioni “oltre a favorire una gestione sostenibile delle aree forestali, garantirebbero altri benefici conseguenziali come la prevenzione del dissesto idrogeologico, la conservazione della biodiversità, la salvaguardia del paesaggio, il contrasto e la mitigazione dei cambiamenti climatici fornendo anche un valido contrasto agli incendi”.

 

Le foreste ricoprono il 40% della superficie europea e contribuiscono ad arginare il cambiamento climatico assorbendo il 9% del carbonio prodotto dall’uomo ogni anno. Dopo gli oceani, le foreste sono il più grande raccoglitore di CO2. Il carbonio che imprigionano equivale a circa il 10% delle emissioni globali previste per la prima metà di questo secolo, mentre la deforestazione rappresenta il 17% delle emissioni causate dall’uomo. Circa 1,6 miliardi di persone, incluse duemila culture indigene, dipendono dalle foreste per cibo, carburante, alloggi e reddito. Inoltre, i tre quarti dell’acqua dolce del Pianeta vengono dai bacini delle foreste, che prevengono anche frane ed erosioni.

 

Come ha sottolineato l’Onu in occasione della Giornata internazionale delle foreste, che si è celebrata il 21 marzo, “sostenere le foreste e mitigare il cambiamento climatico sono due facce della stessa medaglia”.

 

Articoli simili
A Torino nascerà un bosco urbano per migliorare la vivibilità in città
A Torino nascerà un bosco urbano per migliorare la vivibilità in città

“Salviamo i parchi liguri”: confermato il dietrofront della giunta Toti
“Salviamo i parchi liguri”: confermato il dietrofront della giunta Toti

“Stop al taglio indiscriminato delle alberature stradali!”
“Stop al taglio indiscriminato delle alberature stradali!”

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

énostra: l’impresa di comunità dalla parte dell’ambiente

|

Alleniamoci ad ascoltare gli altri per creare un mondo migliore

|

Il benessere? Secondo Lara Lucaccioni e Matteo Ficara è questione di energia

|

Sea-ty e le reti fantasma: “Liberiamo i fondali dalle attrezzature da pesca abbandonate”

|

Nasce il Badante agricolo di comunità che aiuta le persone anziane nella cura dell’orto

|

L’apprendimento non va in vacanza: cronaca di un’estate da homeschooler

|

Caltanissetta ricorda i “carusi di Sicilia”, i piccoli schiavi delle miniere di zolfo