Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
29 Giu 2015

Cammina la Storia alla scoperta della Stonehenge del Casentino

Scritto da: Daniela Bartolini

Parte domenica 5 Luglio alla scoperta del "Sasso del Regio" il calendario estivo di Cammina la Storia. Conoscere un territorio camminandoci dentro.

“Il miglior modo per conoscere un territorio è camminarci dentro”, è questa la filosofia di Cammina la Storia, un progetto culturale e didattico ufficialmente mappato da Casentino che cambia.
E’ da qui che prendono il via le iniziative estive dell’Ecomuseo del Casentino di cui Cammina la storia è un progetto speciale dal 2014.

Percorsi all’interno del territorio casentinese rivolti a tutti, a chi un territorio lo abita, per conoscerlo da un nuovo punto di vista, scoprirne o riscoprirne segni, memoria, storia e per chi questo territorio lo percorre da visitatore, perché la visita diventi viaggio, scoperta.

Vuoi cambiare la situazione
dell'educazione in italia?

ATTIVATI

Una guida ambientale e uno storico per leggere insieme il paesaggio e l’impronta del passato su di essa. Un modo anche per coinvolgere la comunità nella salvaguardia del territorio, per prendersi a cuore, avere cura del territorio nel presente.

Solo pochi giorni fa trentamila persone hanno atteso il sorgere del sole a Stonehenge, uno dei siti archeoastronomici più conosciuti al mondo. Anche il Casentino ha la sua piccola Stonehenge: il “Sasso del Regio” un petroglifo poco lontano dal paese di Stia, nell’Alto Casentino. Scoperto anni fa e oggetto di una recente pubblicazione da parte di Stefano Carboni, giovane fisico appassionato di archeoastronomia, il Sasso del Regio è secondo i suoi studi un calendario luni-solare, reperto antico che ci rimanda ai culti pagani precristiani.

Domenica 5 luglio Cammina la Storia ci porta da Porciano a Santa Maria delle Grazie attraverso il misterioso Sasso del Regio ed è solo la prima tappa di un ricco calendario estivo che condurrà lungo i sentieri della linea gotica, dei contrabbandieri del Casentino, tra chiese dimenticate e borghi abbandonati.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

La truffa della neutralità climatica – Io Non Mi Rassegno #322

|

La produzione di energia – Io rifaccio casa così #4

|

Donne in cammino: nasce il Festival delle Ragazze in Gamba

|

Cannistrà, il piccolo borgo trasformato in bene comune dai cittadini

|

TuttiConnessi, la raccolta solidale che rigenera e dona PC agli studenti

|

Un garante del verde per difendere gli alberi delle città italiane

|

Imprenditori Sovversivi: l’errore più grande è lavorare troppo – Io faccio così #321

|

Antichi Sentieri Liguri: “Puliamo i sentieri per riscoprire il territorio”