23 Giu 2015

Cyclolenti in Turchia: i dervisci rotanti

Scritto da: CycloLenti

Taha e Seyitan, i ragazzi che ci ospitano a Konya, ci raggiungono per guidarci fino a casa. Ci catapultiamo immediatamente […]

Taha e Seyitan, i ragazzi che ci ospitano a Konya, ci raggiungono per guidarci fino a casa. Ci catapultiamo immediatamente nella loro vita da studenti, ringiovaniamo di un colpo. Passiamo una giornata al parco, in programma : pallavolo, barbecue, tè e un po’ di gossip tutti seduti su un gran tappeto che non dimenticano mai di portare per queste occasioni. Impariamo a mangiare i cekirdek o citcit (semi di girasole tostati), c’è una tecnica fatta apposta : tre morsetti per rompere il guscio poi si preme con la punta delle dita e il seme cade sulla lingua.

 

 

8225441_orig

 

Marco lo fa con così tanta disinvoltura che tutti dicono che è un turco! Hanno portato anche delle prugne…verdi, croccanti, acerbe praticamente, ma le mangiano così con un po’ di sale per spezzare l’amaro, non male. Parlo con le ragazze, curiose si apprestano a guardare prontamente tutte le mie foto su facebook dai loro smartphone e mi pongono tantissime domande. Hanno tra i 19 e 23 anni, non portano il velo, sebbene siano credenti, ma ci sono delle regole da rispettare : mi riprendono perchè la mia maglietta un po’ corta lascia intravedere una parte della mia schiena quando mi siedo.

 

A quanto pare non si fa, eppure porto dei vestiti larghi al contrario delle loro magliettine e pantaloni aderenti…ah lalallaa quindi quello che conta è non far vedere la pelle ? Tutte le sere alle 21h devono rientrare, il padre le aspetta a casa, non si scherza. Queste regole però non valgono per i ragazzi, solo per le ragazze.

5590346_orig

 

Konya è un « importante luogo di misticismo sufi », come mi scrive mio nonno in un messaggio. È la città in cui Mevlana Rümi fonda la confraternita dei dervisci rotanti nel 13esimo secolo. Sacchettini di plastica sulle scarpe per tutti e velo per le donne, stiamo per entrare nella moschea dove è custodita la tomba di Rümi. Per tutto il museo varie stanze riproducono con oggetti e statue i vari momenti di vita quotidiana dei dervisci.

 

Essi sono celebri per la loro preghiera meditativa che prende forma di danza : al suono di flauto, girano su se stessi simbolizzando, con movimenti circolari, i pianeti, gli atomi e i pensieri che a loro volta per sussistere devono ruotare. Rappresentano il ciclo della vita. Il palmo della mano destra rivolta verso il cielo con lo scopo di ricevere i doni di Allah e la sinistra rivolta a terra per dispensarli a tutti. Una guida turistica con la quale abbiamo parlato ci dà la sua interpretazione : la mano destra rivolta verso il cielo per ricevere ciò che la natura ci dà e la sinistra verso la terra per condividere tale ricchezza, perché senza condivisione non c’è felicità.

 

9077864_orig

 

Degli studenti ci fermano per assolvere un compito in classe, siamo chiamati a rispondere ad alcune domande davanti ad un obiettivo. Poi leggiamo in turco una delle sette frasi famose del poeta, ma la nostra preferita è un’altra: “Uomo! Viaggia da te stesso in te stesso!”.

 

 

Vuoi cambiare la situazione
del viaggiare in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
“Lascio un lavoro che mi rende infelice e parto per il giro del mondo a piedi”
“Lascio un lavoro che mi rende infelice e parto per il giro del mondo a piedi”

#biellesechecambia 21 – Da Sostegno a Cossato

Ammappa l’Italia, la mappa collettiva dei cammini a piedi

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Scuola, salute, green pass, crisi ambientale: ecco le soluzioni possibili

|

Green pass obbligatorio: l’Italia è in fermento – Aspettando Io Non Mi Rassegno #3

|

Oggi si celebrano le contadine, le donne che stanno rilanciando l’agricoltura

|

Da Giulia che pianta alberi a Rosa Maria, alfiera delle minoranze: arrivano i giovani changemakers

|

Ci trasferiamo in un paese del Sud Italia? Qualcosa sta avvenendo a Civita, in Calabria

|

Università in cammino: la scuola senza voti che torna alle origini dell’insegnamento

|

Terre del Magra, la cooperativa di comunità che valorizza il territorio e supporta gli abitanti