23 Giu 2015

Cyclolenti in Turchia: i dervisci rotanti

Scritto da: CycloLenti

Taha e Seyitan, i ragazzi che ci ospitano a Konya, ci raggiungono per guidarci fino a casa. Ci catapultiamo immediatamente […]

Taha e Seyitan, i ragazzi che ci ospitano a Konya, ci raggiungono per guidarci fino a casa. Ci catapultiamo immediatamente nella loro vita da studenti, ringiovaniamo di un colpo. Passiamo una giornata al parco, in programma : pallavolo, barbecue, tè e un po’ di gossip tutti seduti su un gran tappeto che non dimenticano mai di portare per queste occasioni. Impariamo a mangiare i cekirdek o citcit (semi di girasole tostati), c’è una tecnica fatta apposta : tre morsetti per rompere il guscio poi si preme con la punta delle dita e il seme cade sulla lingua.

 

 

8225441_orig

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

 

Marco lo fa con così tanta disinvoltura che tutti dicono che è un turco! Hanno portato anche delle prugne…verdi, croccanti, acerbe praticamente, ma le mangiano così con un po’ di sale per spezzare l’amaro, non male. Parlo con le ragazze, curiose si apprestano a guardare prontamente tutte le mie foto su facebook dai loro smartphone e mi pongono tantissime domande. Hanno tra i 19 e 23 anni, non portano il velo, sebbene siano credenti, ma ci sono delle regole da rispettare : mi riprendono perchè la mia maglietta un po’ corta lascia intravedere una parte della mia schiena quando mi siedo.

 

A quanto pare non si fa, eppure porto dei vestiti larghi al contrario delle loro magliettine e pantaloni aderenti…ah lalallaa quindi quello che conta è non far vedere la pelle ? Tutte le sere alle 21h devono rientrare, il padre le aspetta a casa, non si scherza. Queste regole però non valgono per i ragazzi, solo per le ragazze.

5590346_orig

 

Konya è un « importante luogo di misticismo sufi », come mi scrive mio nonno in un messaggio. È la città in cui Mevlana Rümi fonda la confraternita dei dervisci rotanti nel 13esimo secolo. Sacchettini di plastica sulle scarpe per tutti e velo per le donne, stiamo per entrare nella moschea dove è custodita la tomba di Rümi. Per tutto il museo varie stanze riproducono con oggetti e statue i vari momenti di vita quotidiana dei dervisci.

 

Essi sono celebri per la loro preghiera meditativa che prende forma di danza : al suono di flauto, girano su se stessi simbolizzando, con movimenti circolari, i pianeti, gli atomi e i pensieri che a loro volta per sussistere devono ruotare. Rappresentano il ciclo della vita. Il palmo della mano destra rivolta verso il cielo con lo scopo di ricevere i doni di Allah e la sinistra rivolta a terra per dispensarli a tutti. Una guida turistica con la quale abbiamo parlato ci dà la sua interpretazione : la mano destra rivolta verso il cielo per ricevere ciò che la natura ci dà e la sinistra verso la terra per condividere tale ricchezza, perché senza condivisione non c’è felicità.

 

9077864_orig

 

Degli studenti ci fermano per assolvere un compito in classe, siamo chiamati a rispondere ad alcune domande davanti ad un obiettivo. Poi leggiamo in turco una delle sette frasi famose del poeta, ma la nostra preferita è un’altra: “Uomo! Viaggia da te stesso in te stesso!”.

 

 

Vuoi cambiare la situazione
del viaggiare in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Parti con noi alla scoperta della Palermo che Cambia
Parti con noi alla scoperta della Palermo che Cambia

Il Treno dei Bimbi: il villaggio dove le carrozze dismesse riprendono vita e creano ospitalità
Il Treno dei Bimbi: il villaggio dove le carrozze dismesse riprendono vita e creano ospitalità

Sororitè Bike Ride: 2000 chilometri in bicicletta per osare, rischiare e sensibilizzare
Sororitè Bike Ride: 2000 chilometri in bicicletta per osare, rischiare e sensibilizzare

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Cosa succedeva nel 2012? Dieci cose che sono cambiate (in meglio) negli ultimi dieci anni

|

Da psicologa a Torino a operatrice olistica in val di Vara: la storia di Fulvia

|

Incendi dolosi per spendere poco e fare in fretta: gli speculatori fanno strage di ulivi del Salento

|

Nasce la Scuola Nazionale di Pastorizia per un rilancio delle aree interne e montane

|

Vi spieghiamo la filosofia di NaturaSì, dalla biodinamica al giusto prezzo per i contadini – Io Faccio Così #341

|

Parti con noi alla scoperta della Palermo che Cambia

|

Acqua bene comune, pubblico e sicuro: è ora di agire, prima che sia troppo tardi