16 Giu 2015

Decrescita, sostenibilità e salute: il resoconto della conferenza di Torino

Scritto da: Redazione

Sabato 13 Giugno si è svolta a Torino la “2a Conferenza Nazionale Decrescita, Sostenibilità e Salute. Dalla carta di Bologna […]

IMG-20150615-WA0007Sabato 13 Giugno si è svolta a Torino la “2a Conferenza Nazionale Decrescita, Sostenibilità e Salute. Dalla carta di Bologna al TTIP: la parola ai cittadini” , organizzata dalla Rete Sostenibilità e Salute.

 

La Rete Sostenibilità e Salute (RSS) è  un  insieme di associazioni  che si riconoscono nel manifesto firmato il 14 Giugno 2014 chiamato “Carta di Bologna per la Sostenibilità e la Salute”  e attualmente conta 23 associazioni aderenti.

 

A più di un anno dalla sua fondazione la Rete ha deciso di incontrare i cittadini, promuovendo un evento pubblico nazionale, per fare il punto sul lavoro fatto fin qui e rilanciare le nuove attività e proposte.


La scelta del luogo non è stata casule, infatti la conferenza si è tenuta presso La Cavallerizza Reale , luogo patrimonio dell’Unesco occupato e restituito alla cittadinanza dall’Assemblea Cavallerizza 14:45. Il Comune, infatti, dopo anni di abbandono e incuria, avaeva deciso di farne spazi commerciali. Supporto logistico all’assemblea è stato inoltre fornito da da: Circolo per la Decrescita di Torino, Assemblea Cavalerizza, Collettivo Medici Senza Bandiera, Comitato STOP TTIP Torino e si inseriva nell’ambito del Festival della Complessità.

 

Il programma dell’evento è stato denso e l’assemblea è stata partecipata. In tutto si sono  registrati più di cento partecipanti e quindici relatori. La Conferenza è stata inoltre videoregistrata, sarà disponibile a breve on line insieme ai materiali forniti dai relatori.

 

La Conferenza è stata organizzata in due parti. La prima parte (con i relatori Adriano Cattaneo, ReteSS e Osservatorio Italiano Salute Globale, e  Alessandro Mostaccio, StopTTIP italia) riguardava il TTIP e il suo impatto sulla Salute. La Rete ha infatti recentemente preso posizione contro l’approvazione del TTIP e ha prodotto un documento nel quale si denuncia http://www.sostenibilitaesalute.org/?p=571 il possibile impatto negativo dell’accordo sulla salute.

 

La seconda parte dell’incontro è stata invece dedicata alla presentazione della Carta di Bologna.
La Carta descrive, in otto punti più un’introduzione, una sintesi dei principi che uniscono e muovono la Rete e le associazioni che ne fanno parte.

I relatori hanno man mano approfondito e toccato ogni punto della Carta presentandola ai cittadini.
– Jean-Louis Aillon ha parlato dell’impatto dell’attuale modello di sviluppo sulla salute e ha sottolineato, presentando la decrescita, l’urgenza di pensare un nuovo paradigma.
– Chiara Bofini ha parlato di Determinanti di salute/Determinazione della salute e di Salute intesa come bene comune
– Silvia Landra ha parlato di Complessità della salute nei nuovi modelli sanitari, riportando l’esempio della Casa della Carità di Milano.
– Rossana Beccarelli ha esposto l’importanza di una medicina centrata sulla persona e di un approccio integrativo con le medicine non convenzionali
– Sandra Vernero ha sancito l’importanza dell’appropriatezza in medicina con l’esempio di Slow Medicine “fare di più non significa fare meglio” e la campagna “choosing wisely” http://www.slowmedicine.it/fare-di-piu-non-significa-fare-meglio/la-storia-di-choosing-wisely.html
– Giovanni Peronato ha parlato della pericolosità dei conflitti di interesse economici nella salute e nella sanità
– Antonio Muscolino ha presentato l’importanza di un sistema sanitario nazionale universale adeguatamente finanziato che garantisca cure primarie e copertura universale.

 

di Michel Cardito (Movimento per la Decrescita Felice)

 

Articoli simili
Anche Roma sta cambiando grazie ai principi della decrescita felice
Anche Roma sta cambiando grazie ai principi della decrescita felice

Giornata Mondiale della Decrescita: una buona vita per tuttə!
Giornata Mondiale della Decrescita: una buona vita per tuttə!

Demercificare e rilocalizzare: così la decrescita felice può diventare realtà
Demercificare e rilocalizzare: così la decrescita felice può diventare realtà

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Rimonta Bolsonaro, sarà testa a testa con Lula al ballottaggio – #591

|

Da Albenga a Capo Nord in bici: ecco il viaggio di Emanuele Mei

|

We Africans United, il progetto di giovani narratori che vogliono ribaltare l’immaginario sull’Africa

|

Sognitudo, in Puglia avanza il cambiamento all’insegna di sostenibilità e consapevolezza

|

Marika, Andrea e il campera4zampe: “Vivere in camper si può, anche con sei animali”

|

Mediblei, la prima cooperativa di comunità per scoprire l’area iblea

|

Salute e sostenibilità, al Parlamento Europeo si gettano le basi per un modello a misura di persona e di ambiente

|

Ti mangio il cuore: la storia di una donna e della sua battaglia con la quarta mafia