Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
9 Giu 2015

Libri bene comune, un viaggio da Palermo a Trento

Scritto da: Redazione

Qual è il panorama delle biblioteche italiane, importantissimo patrimonio del nostro paese? Al centro della puntata di oggi di Terranave […]

Qual è il panorama delle biblioteche italiane, importantissimo patrimonio del nostro paese? Al centro della puntata di oggi di Terranave una fotografia dell’Italia dei libri, da Palermo a Trento.

 

 

People-reading-book

 

In questi giorni Booq  ha festeggiato un anno di attività. Situata nel cuore di Palermo, la biblioteca “Bibliofficina” è anche un luogo culturale di confronto e aggregazione.

Booq sorge all’interno di un locale di proprietà del Comune che verteva da anni in stato di abbandono, una risposta dal basso alla carenza di servizi dedicati alla lettura della città. Chiavi indiscutibili per combattere la crisi e rilanciare lo sviluppo, nonché modelli culturali realmente alternativi, le biblioteche sono luoghi di cruciale importanza per le città.

 

Delle 65.000 biblioteche di pubblica lettura di tutta Europa, quasi 6.000 si trovano nel nostro Paese, un patrimonio enorme che spesso però non riesce a rispondere alle esigenze della comunità, come a Palermo, dove chi vuole leggere un libro senza comprarlo si trova a dover frequentare gli angoli bar delle grandi librerie.

 

 

Secondo studiosi come Tullio De Mauro il 70% della popolazione  italiana è affetto da “analfabetismo funzionale”: persone capaci di leggere un cartello stradale ma che sono in difficoltà di fronte a un libro. Nel Rapporto di Promozione alla lettura del 2013 è sottolineato come questa forma di analfabetismo tocca molto da vicino le biblioteche:” esiste un’ovvia e forte correlazione tra la competenza alfabetica funzionale e abitudini specifiche come frequentare una biblioteca o una libreria. Forse è anche per via di questo fattore che nel nostro Paese leggere è un’abitudine solo per una ristretta minoranza di persone”.

 

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Il bene e il male esistono? Indagine di due tipi curiosi (che conosciamo bene) – Io Non Mi Rassegno Speciale

|

Piero Manzotti: “Questa crisi sia un’opportunità per trasformare l’economia”

|

Non bastano le proroghe, serve uno stop definitivo alle trivelle

|

NATworking: la rete dedicata a chi vuole lavorare in natura

|

Il bene e il male esistono?

|

Carol e Francesco: la cucina naturale che nasce da una storia d’amore

|

Corazoncitos: la scuola outdoor dove si impara facendo – Io faccio così #320

|

Nel respiro del creato