9 Giu 2015

Libri bene comune, un viaggio da Palermo a Trento

Scritto da: Redazione

Qual è il panorama delle biblioteche italiane, importantissimo patrimonio del nostro paese? Al centro della puntata di oggi di Terranave […]

Qual è il panorama delle biblioteche italiane, importantissimo patrimonio del nostro paese? Al centro della puntata di oggi di Terranave una fotografia dell’Italia dei libri, da Palermo a Trento.

 

 

People-reading-book

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

 

In questi giorni Booq  ha festeggiato un anno di attività. Situata nel cuore di Palermo, la biblioteca “Bibliofficina” è anche un luogo culturale di confronto e aggregazione.

Booq sorge all’interno di un locale di proprietà del Comune che verteva da anni in stato di abbandono, una risposta dal basso alla carenza di servizi dedicati alla lettura della città. Chiavi indiscutibili per combattere la crisi e rilanciare lo sviluppo, nonché modelli culturali realmente alternativi, le biblioteche sono luoghi di cruciale importanza per le città.

 

Delle 65.000 biblioteche di pubblica lettura di tutta Europa, quasi 6.000 si trovano nel nostro Paese, un patrimonio enorme che spesso però non riesce a rispondere alle esigenze della comunità, come a Palermo, dove chi vuole leggere un libro senza comprarlo si trova a dover frequentare gli angoli bar delle grandi librerie.

 

 

Secondo studiosi come Tullio De Mauro il 70% della popolazione  italiana è affetto da “analfabetismo funzionale”: persone capaci di leggere un cartello stradale ma che sono in difficoltà di fronte a un libro. Nel Rapporto di Promozione alla lettura del 2013 è sottolineato come questa forma di analfabetismo tocca molto da vicino le biblioteche:” esiste un’ovvia e forte correlazione tra la competenza alfabetica funzionale e abitudini specifiche come frequentare una biblioteca o una libreria. Forse è anche per via di questo fattore che nel nostro Paese leggere è un’abitudine solo per una ristretta minoranza di persone”.

 

Articoli simili
Città di Circo: l'arte circense tra innovazione e libertà

Cinema e Musica alla XIV Sagra del Cinema!
Cinema e Musica alla XIV Sagra del Cinema!

L'archeologo dei giocattoli, Terranave nel laboratorio di Roberto Papetti

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Criptofollie – #422

|

Torino incontra gli innovatori sociali che cambiano il mondo con la forza dei loro sogni

|

Domenico Chionetti: “Le mie giornate al G8 al fianco dei disobbedienti”

|

Scienza e religione: dopo secoli di conflitto siamo giunti a un nuovo connubio?

|

Ecco i mobility manager, per unire aziende e istituzioni nel nome di una mobilità sostenibile

|

La nuova vita di Nicola in Madagascar: “Tsiryparma sostiene le foreste e i loro abitanti”

|

CreativeMornings Ancona: incontrarsi a colazione e parlare di… – Io Faccio Così #336

|

La Dog Therapy arriva tra i banchi di scuola per donare il sorriso ai bambini