9 Giu 2015

Quali proposte per un Ecofuturo? In Senato la presentazione del “Libro Bianco" sulle ecotecnologie

Scritto da: Redazione

Dopo l’evento di marzo  alla Camera dei Deputati, il 16 giugno anche l’Italia che Cambia ritorna in Parlamento, questa volta al Senato, […]

Dopo l’evento di marzo  alla Camera dei Deputati, il 16 giugno anche l’Italia che Cambia ritorna in Parlamento, questa volta al Senato, per la presentazione del “Libro Bianco” con le proposte di eco-tecnologie emerse dal Festival “EcoFuturo”, che ha unito le migliori esperienze dell’ecologismo italiano.

 libro_bianco_eco

 

Come è possibile risparmiare 200 miliardi di euro, creare milioni di posti di lavoro, difendere salute e ambiente, promuovere pace e diritti umani: ecco quanto illustra il “Libro Bianco” che propone soluzioni ecotecnologiche in vari settori. Le cifre in campo sono enormi:

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

• oltre 100 miliardi di euro di risparmi possibili nelle abitazioni, con un incremento
occupazionale pari alla perdita di posti di questi ultimi anni di crisi.

• il settore dei trasporti pubblici e privati può fare economie per almeno
20 miliardi l’anno.

• il settore dei rifiuti urbani, sanitari e speciali 20 miliardi.

• il settore della distribuzione e della depurazione del ciclo idrico altri 20 miliardi.

• il settore dell’energia rinnovabile ha margini da 50 miliardi.

• e rimangono ancora il settore del movimento terra e dei dragaggi, quello della mobilità navale e della portualità, quello dell’agricoltura biologica…

 

“A queste sfide, noi che abbiamo organizzato il Festival Ecofuturo siamo abituati da tempo! Perché ci occupiamo di nuove tecnologie da decenni. Siamo fra quelli che hanno creduto nel fotovoltaico quando sembrava potesse produrre energia solo per i giocattoli e poi l’hanno visto applicato su oltre 600.000 abitazioni ed in molte altre ecoinnovazioni che stanno entrando nella nostra società.

 

Abbiamo inoltre una visione corroborata da un importante Comitato Scientifico e da un dialogo in rete che coinvolge tutti i Centri di ricerca italiani e alcuni istituti internazionali. E abbiamo lavorato in questi anni per creare una ‘rete di reti’ che coinvolge l’ecologismo nelle sue varie articolazioni: associazionismo, imprese, amministrazioni virtuose, mondo dell’informazione e della ricerca…

 

Reti di persone che in ambienti diversi, con scelte e stili di vita estremamente variegati, hanno però in comune la ricerca di percorsi possibili verso un mondo che non si giochi il proprio futuro.

 

L’Italia, come sappiamo, pur essendo un centro manifatturiero ed energivoro, non ha risorse fossili significative. Per questo ogni Kw di energia termica o elettrica risparmiata oppure spostata verso le rinnovabili si traduce in un aumento di autosufficienza energetica e in un importante miglioramento della bilancia dei pagamenti”.

 

Alla presentazione del Libro Bianco che si terrà martedì 16 giugno dalle 14 alle 16 presso la Sala Nassiriya del Senato della Repubblica (Palazzo Madama, Roma) interverranno:

 

Jacopo Fo e Michele Dotti, promotori del Festival EcoFuturo

Fabio Roggiolani, coordinamento FREE (Fonti Rinnovabili ed Efficienza Energetica)

Marco Boschini, Coordinatore Associazione dei Comuni Virtuosi

Sergio Ferraris, FIMA (Federazione Italiana Media Ambientali)

Gianpietro Zonta e Daniela Raccanello, Movimento Energitismo

Daniel Tarozzi e Andrea degli Innocenti, Italia che Cambia

Giuliano Gabbani, Dipart. di Scienze della Terra – Università di Firenze

Maurizio Fauri, Dipart. di Ingegneria Civile Ambientale e Meccanica- Università di Tre
(membri del Comitato Scientifico di EcoFuturo)

 

Alla presentazione sono invitati esponenti di ogni forza politica, in modo assolutamente trasversale!

 

 

info. tel. 075-9229938 – mail: elena@alcatraz.it

 

 

Vuoi cambiare la situazione
dell'energia in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Decarbonizzare è un’esigenza immediata: quali soluzioni in Piemonte?
Decarbonizzare è un’esigenza immediata: quali soluzioni in Piemonte?

La comunità energetica di Caltanissetta apripista della transizione ecologica in Sicilia
La comunità energetica di Caltanissetta apripista della transizione ecologica in Sicilia

Comunità energetiche in Sardegna: ecco cosa succede sull’isola
Comunità energetiche in Sardegna: ecco cosa succede sull’isola

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

La transizione di Biden svanisce fra petrolio e trivelle? – #554

|

Modicaltra, i cittadini si mettono insieme per rigenerare la città e fermare il consumo di suolo

|

Quanto costa la nostra energia al pianeta? Tra fonti fossili e rinnovabili, ecco i rifiuti che produciamo

|

Guglielmo Rapino si racconta a I(n)spira-Azioni: “Da anni viaggio per il mondo per difendere i diritti umani” – #13

|

Comunicazione nonviolenta, Covid, Ucraina: in cerca di dialogo in tempo di polarizzazione sociale

|

Eugenio: “Vi racconto la mia esperienza di vita in val Borbera”

|

Wagner Group: cosa sappiamo della milizia privata che combatte fra le fila russe (e non solo)?

|

Francesca Cinquemani torna al sud per coltivare lavanda e rilanciare la sua terra