Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
17 Lug 2015

Mucche da latte: la maternità spezzata

Scritto da: Tamara Mastroiaco

Questa settimana, l’organizzazione Free From Harms  che si occupa degli animali considerati da “reddito”, ha pubblicato un video  in cui […]

Questa settimana, l’organizzazione Free From Harms  che si occupa degli animali considerati da “reddito”, ha pubblicato un video  in cui vediamo come vengono smaltite le teste delle mucche da latte. Negli Stati Uniti, in Canada, nel Regno Unito e in Europa i sottoprodotti di origine animale, quali corpi interi (o parti) di animali o prodotti di origine animale, compresi ovuli, embrioni, tonsille, occhi, cranio, cervello, ecc. non devono entrare nella catena alimentare per evitare la propagazione di malattie come l’encefalopatia spongiforme bovina, nota al grande pubblico come morbo della mucca pazza.

 

 

Foto di Agnes Cseke, Toronto Cow Save

Foto di Agnes Cseke, Toronto Cow Save

Tali “materie” devono essere eliminate o in diversi casi possono essere riutilizzate in numerosi settori, tra cui il settore cosmetico o farmaceutico come da Regolamento (CE) n. 1774/2002 del Parlamento europeo e del Consiglio  del 3 ottobre 2002, “recante norme sanitarie relative ai sottoprodotti di origine animale non destinati al consumo umano”.

 

Le mucche da latte vengono inviate al macello quando hanno appena tre-cinque anni (potrebbero vivere sino anche 20/25 anni), perché i loro corpi “usurati” dalle gravidanze continue – vengono ingravidate nuovamente con l’inseminazione artificiale subito dopo il parto – non producono più latte a sufficienza. Gravidanze e mungiture continue causano dolorose zoppie, infiammazioni agli zoccoli, mastiti croniche (processi infiammatori delle ghiandole mammarie).

 

Lo scopo dell’associazione, che ha realizzato il video dedicato allo smaltimento delle teste, non è quello di scioccare le persone, ma di far tornare a parlare di quanto il settore lattiero caseario sia intriso di violenza. Molti di noi potrebbero pensare, che le mucche da latte allevate negli allevamenti biologici abbiano una vita migliore, e che ai vitellini non sia riservato lo stesso destino dei loro simili allevati negli allevamenti intensivi. Non è così. In entrambi i casi, ci troviamo di fronte a una madre alla quale è stata negata, violata, distrutta la maternità, e a un cucciolo separato dalla propria mamma appena nato. Due esseri senzienti ai quali non è stato permesso formare una famiglia.

 

 

Foto di Agnes Cseke, Toronto Cow Save

Foto di Agnes Cseke, Toronto Cow Save

Le mucche soffrono quando perdono i loro i vitellini? La risposta è sì. Le mucche hanno una gamma completa di emozioni proprio come gli esseri umani. Si guardano intorno, cercano il piccolo, cominciano ad agitarsi appena realizzano di averlo perso, si arrabbiano e piangono proprio come farebbero le madri della nostra specie. I piccoli vitelli, invece, oltre a avere una grande paura per essere rimasti soli, non ricevono amore e le cure parentali di cui avrebbero bisogno; isolati in piccoli box, hanno un unico destino: essere macellati al raggiungimento dei quattro/cinque mesi. Oltre alla dolorosa separazione, le mucche adulte, prima di morire, subiscono spesso vessazioni da parte degli allevatori. Ci sono investigazioni che mostrano quanto affermo.

 

Nel mese di giugno dello scorso anno, l’associazione Mercy for Animals ha diffuso un video  nel quale abbiamo visto ogni sorta di maltrattamento, abuso, tortura alle mucche da latte allevate nel più grande allevamento del Canada. Nel 2012, Striscia la Notizia ha dedicato un servizio  al vergognoso fenomeno delle vacche a terra; abbiamo visto operatori violare la legge, commettere abusi che in Italia costituiscono violazione del codice penale, in base alle norme vigenti.

 

Ne sa qualcosa l’allevatore-trasportatore che è stato condannato dalla Corte di Cassazione, il 14 luglio 2015, per il reato di maltrattamento. L’uomo, nel 2008, davanti al macello di Inalca di Ospedaletto Lodigiano, aveva massacrato una mucca da latte ferita e non deambulante, percuotendola e trascinandola per farla scendere dal camion. La mucca fu sottoposta a eutanasia perché era in fin di vita, in una pozza di sangue.

 

 

Foto di Reno Vegans

Foto di Reno Vegans

 

La Cassazione, nel confermare la condanna per maltrattamento, ha rinviato alla Corte di Appello di Milano, la verifica della sussistenza dell’aggravante della morte: “siamo fiduciosi che questa nuova pronuncia non potrà che confermare la gravità del reato. Si tratta del secondo caso in un solo mese in cui la Corte di Cassazione conferma una condanna per i maltrattamenti inflitti ad animali durante il trasporto verso il macello: una pronuncia destinata a fare giurisprudenza. Esprimiamo soddisfazione per la decisione dei Supremi Giudici, nella parte in cui conferma l’orientamento già emerso nell’analogo caso della mucca Doris. Con questa nuova pronuncia, infatti, la Cassazione ha ribadito, senza alcun dubbio, che trascinare una mucca “da latte”, o qualsiasi altro animale, seppure destinato alla macellazione, costituisce un reato e che simili prassi devono essere perseguite come dei veri e propri delitti” dichiara la Lega Antivivisezione (LAV).

 

Nel caso della mucca Doris, la Corte di Cassazione, il 25 giugno 2015, ha confermato la sentenza nei confronti dei sei imputati (trasportatori e addetti alle pulizie), condannati per maltrattamento, poiché avevano inflitto sevizie a una mucca non in grado di camminare. Le immagini, realizzate durante l’investigazione e diffuse in rete con un video  dalle associazioni Animal’s Angels e LAV, sono rimaste impresse nelle menti di tantissime persone, che reagirono con rabbia. “Oggi quell’indignazione ha avuto una risposta forte: comportamenti che la zootecnia industriale intensiva chiamava ‘pratiche zootecniche’ sono stati confermati a tutti gli effetti delitti puniti dal codice penale”, conclude Roberto Bennati, vicepresidente LAV.

 

Le persone, spesso, mi chiedono perché da vegetariana sono diventata vegana, vedendo questa mia ultima scelta come una forma di estremismo. Se siete onnivori o ancora vegetariani, vi invito a guardare i video di questo articolo. Sono immagini forti, adatte a un pubblico adulto, ma servono a far capire che consumare latte e derivati non è poi così diverso dal consumare carne!

 

 

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

L’accelerazione del riscaldamento globale – Io Non Mi Rassegno #289

|

Grande Ulivo: «Da discarica a luogo di armonia, didattica e accoglienza»

|

Come tutto ebbe inizio – Io rifaccio casa così #1

|

Irene e il suo forno di comunità: “Torno nella mia città per fare il pane e creare relazioni”

|

La comunità di Porto di Terra: vivere la montagna della Sicilia tra permacultura e transizione – Io faccio così #314

|

Risate e positività per trasmettere buonumore ai tempi dell’infodemia da Covid-19

|

Le risorse non bastano per tutti, ma davvero è solo un problema di sovrappopolamento?

|

Cinque amiche creano una community per supportare le donne nel mondo del lavoro