23 Ott 2015

Un anno di Centro Creativo Casentino

Scritto da: Daniela Bartolini

Domenica 25 ottobre dalle ore 16,00 si festeggia il compleanno del Centro creativo Casentino, un'occasione per raccontare l'esperienza di questo primo anno e scoprire novità e proposte.

E’ passato poco più di un anno dall’inaugurazione del Centro Creativo Casentino di Bibbiena, a pochi giorni dalla Festa di Compleanno che si terrà domenica 25 ottobre dalle ore 16,00, abbiamo fatto il punto insieme a Carlotta, Claudia e Annalisa, solo alcune delle persone che quotidianamente animano questo centro.

Il Centro Creativo Casentino è nato con l’intento di promuovere la Conoscenza del passato, la Comprensione del presente e la Costruzione del futuro, tre punti che caratterizzano il nome e il logo “C3”. Il Centro non è dunque solo un centro giovanile?
Sicuramente il C3 vuole essere il punto di riferimento per i giovani in Casentino. Un luogo che oltre ad aggregare ed offrire uno spazio da condividere, per lo studio e per il co-working, sia un punto di informazione e di scambio, prima di tutto sulle opportunità sia locali che internazionali a livello formativo e lavorativo per i giovani. Al centro ha sede lo sportello Eurodesk del Casentino, uno strumento molto utile per far conoscere soprattutto ai giovani le opportunità che l’Europa offre, con particolare riferimento ad Erasmus+. Inoltre siamo in stretto contatto con la Regione Toscana con la quale organizziamo giornate di approfondimento sul servizio Giovanisì.
In questo è importante avere un immagine ed un nome comune che renda facile la comunicazione e il riconoscimento da parte dei giovani. E’ per questo che a breve sarà aperta una sede anche nel Comune di Pratovecchio-Stia con obiettivi comuni e nome condiviso. Sarà una realtà associata alla nostra con cui potremo programmare ancora meglio gli interventi nel territorio, scambiare esperienze e far crescere progetti sempre più condivisi e partecipati.
Alla base di tutto c’è la comunità, adulti compresi. Vogliamo sviluppare socialità e creatività ed in questo senso sono importanti anche i momenti ludico-ricreativi che creano relazioni umane e quindi comunità. In questo anno abbiamo attivato molti laboratori manuali e creativi rivolti anche specificatamente agli adulti, dalla musica, al cucito, alla decorazione floreale, che hanno riscosso un notevole successo. Eventi dedicati ad approfondimenti culturali, presentazioni di libri, serate di beneficienza, di musica, sport.Accanto a questo abbiamo attivato corsi di vario tipo: dalla lingua inglese al web marketing. La conoscenza e all’approfondimento delle lingue straniere è per noi un punto importantissimo, fondamentale per pensare anche oltre i confini territoriali e importante anche nell’ottica turistica. L’anno scorso abbiamo promosso corsi di lingua inglese per adulti, lo “speaking corner”, proiezioni di film in lingua originale e un corso intensivo estivo rivolto ai bambini. Per questo nuovo anno attiveremo anche percorsi per la lingua tedesca e spagnola.
Insomma cerchiamo di offrire un variegato pacchetto di offerte e di opportunità, siamo sempre aperti alle proposte del territorio e dei nostri soci, tutto questo ha portato a coinvolgere già 700 soci e crediamo che possa creare il presupposto per allargare la partecipazione e far diventare il centro un sempre più valido riferimento, un luogo di aggregazione e di incontro.

Il centro è diventato a fine luglio anche Agenzia Formativa riconosciuta dalla Regione Toscana, come si inserisce questo nelle vostre attività e finalità?
Inanzitutto vogliamo offrire un servizio al territorio e fare in modo che chi abita in Casentino non si debba spostare per seguire i corsi obbligatori per legge. Vorremmo poi attivare corsi di formazione con varie qualifiche collegate alle vocazioni professionali del territorio. In questo senso l’agenzia formativa diventa un altra opportunità per sostenere il futuro del nostro territorio. Insieme alla provincia di Arezzo, Firenze e Grosseto abbiamo partecipato come partner ad un progetto europeo che prevede la formazione agli imprenditori e ai dipendenti del comparto tessile e l’attivazione di percorsi formativi di tecnici qualificati.

Il centro è anche sede di altre associazioni e realtà del territorio, come Casentino che Cambia.
Sì, tra gli scopi che il Centro si è prefissato fin dall’inizio c’era anche il dialogo e la collaborazione con le realtà del territorio, al fine di ottimizzare risorse ed energie ed anche questo scopo è stato raggiunto perché la struttura è diventata sede delle associazioni : “Prospettiva Casentino”, “Casentino che Cambia” e “Casentino senza frontiere”, oltre collaborare con tante altre realtà territoriali.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Domenica durante la festa presenterete il programma delle attività dei prossimi mesi, quali sono le novità?
Ci sono nuovi corsi, conferenze, collaborazioni con professionisti del territorio ma una cosa a cui teniamo particolarmente è il corso di formazione per operatori e conduttori in pet therapy che formerà due figure professionali distinte : l’operatore in IAA (Interventi Assistiti dagli Animali) e il conduttore di cani in IAA. Gli interventi assistiti dagli animali rappresentano la costruzione di una relazione tra uomo e animale condotta con professionalità specifiche e multidisciplinari al fine di avviare, facilitare o potenziare un interventro terapeutico, educativo o di socializzazione volto a migliorare il benessere psicofisico dell’utenza nel pieno rispetto dell’animale.

Vuoi cambiare la situazione
dell'imprenditoria in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Restart Cafè: a Torino gli studenti si incontrano per riparare gli oggetti rotti

Samarcanda: il taxi solidale, etico e sostenibile

Coppula Tisa: a testa alta, contro la speculazione e per la bellezza – Io faccio così #288
Coppula Tisa: a testa alta, contro la speculazione e per la bellezza – Io faccio così #288

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Le “relazioni pericolose” di Cingolani – Io Non Mi Rassegno #525

|

La finanza etica può contrastare l’economia di guerra? Secondo Anna Fasano sì. Ecco come…

|

Stavolta tocca a noi. Emerging Communities sbarca a Mantova per scoprire Italia che Cambia

|

Dalle multinazionali alla terra, il ritorno di Nella De Vita in Calabria – Io Faccio Così #354

|

Vivere in barca vela con tre figli e un cane. Insieme nel bene e nel mare

|

Alla Piccola Ghianda Magica si gioca e si impara immersi in un bosco di tigli

|

“Non possiamo solo prendere”: quali passi per salvare la terra e il clima?

|

Una chitarra e zaino in spalla: il viaggio di Mosè, giovane musicista che promuove il cammino lento