23 Dic 2015

Idee e riflessioni per un Natale sostenibile

Scritto da: Veronica Tarozzi

Allontanandosi dal suo significato originario, con il tempo il Natale si è trasformato in un vero e proprio inno al consumo fino a se stesso. Eppure, mettendo in pratica alcuni accorgimenti è possibile trascorrere un Natale diverso, più ecologico e meno dispendioso, che ci permetta di essere ugualmente felici consumando meno e meglio.

Feste di Natale sfarzose, con doni costosi (e spesso inutili) per amici e parenti e banchetti da mille e una notte, non necessariamente con la propria famiglia. Il Natale, con il tempo, sembra essersi allontanato dal suo significato più profondo per trasformarsi, in molti casi e progressivamente nel trionfo del consumismo fine a se stesso.

 

shutterstock_161696162

 

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Per fortuna ci ha pensato la crisi a farci rinsavire: per almeno 1 italiano su 2 il Natale rappresenta oggi un’occasione per tornare alla sobrietà di un tempo.

Attenzione però che pare ci sia un’altra metà di Paese  che invece non sembra affatto curarsi degli sprechi e desidera ostentare il più possibile quanto si può permettere di spendere e… a volte persino quanto non potrebbe permettersi!

 

Chissà che la luna piena attesa proprio per la notte di Natale, come non accadeva da 38 anni, non illumini anche chi non sembra rendersi conto del fatto che gli sprechi non aiutino proprio nessuno: non aiutano le persone (piuttosto che ingozzarci o peggio ancora buttare la metà del cibo nel cassonetto, compriamo il giusto ammontare di cibo o regaliamo un pasto a quanti non se lo possono permettere) e non aiutano certo l’ambiente (non dimentichiamoci che ogni prodotto che compriamo, sia esso cibo o oggetti di vario tipo è costato energia e risorse rubate all’ambiente).

 

Christmas-Earth-Africa-12-11-12

 

A proposito di ambiente: in vista del cenone di Natale il WWF lancia lo spot della campagna europea “Fish Forward”  per sollevare l’attenzione sul pesce, chiedendo al consumatore di preferire pesce ottenuto con tipologie di pesca o di acquacoltura “sostenibili” o ricercando i relativi loghi come MSC o ASC.

 

A dirla tutta, secondo un numero sempre crescente di scienziati, la pesca (così come i consumi di carne) non sarebbe più in alcun modo sostenibile, a causa del fatto che il sovrasfuttamento delle risorse ittiche in tutti i mari e gli oceani del mondo avrebbe danneggiato irriversibilmente l’ambiente marino, senza possibilità di rigenerarsi, almeno per molto tempo a venire. (Per un approfondimento sull’argomento, si veda l’ottima iniziativa del M5S  di mercoledì scorso con proiezione del documentario “Cowspiracy” di Kip Andersen e Keegan Kuhn in Parlamento e successivo dibattito).

 

Ma torniamo più specificamente alla festa di Natale: perché sia una vera festa per le persone e per l’ambiente, il consiglio è quello di fare solo regali davvero utili, magari utilizzando semplici accorgimenti come scatole in latta riciclabili al posto della carta da regalo ed eliminare o almeno ridurre gli sprechi a tavola (anche al ristorante non sentiamoci imbarazzati a chiedere la “family bag”, nel caso avanzasse qualcosa ) e i prodotti di origine animale, ad ogni modo meglio scegliere come sempre prodotti biologici e a filiera corta.

 

Se poi avrete voglia di devolvere il vostro tempo a favore dei più disagiati, sono tante le associazioni che organizzano mense per i poveri e non solo questo e ricercano volontari (1)  e tanti i possibili regali solidali (2).

 

Passiamo un Natale all’insegna della sobrietà in compagnia dei nostri cari: ne beneficieremo noi ed anche l’ambiente!

 

Buone feste!

 

  1. http://www.volontariperungiorno.it/vpug/activityview.php?Id=193
         http://www.volontariperungiorno.it/vpug/activityview.php?Id=193
         http://associazione.terre.it/?idm=2&idn=76
         http://associazione.terre.it/?idm=2&idn=76
    2. http://desideri.savethechildren.it/?&&gclid=Cj0KEQiAhuSzBRDBoZfG56bK9-YBEiQARiPcZQroPxUwK678l-lJmapQp4wMITjztD3FcuIIDVA86yYaAsqG8P8HAQ
        http://regali.unicef.it/
        http://bottegasolidale.medicisenzafrontiere.it/categoria-prodotto/prodotti-solidali/

 

 

Vuoi cambiare la situazione di salute e alimentazione in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
RePoPP: la lotta allo spreco alimentare diventa un modello per tutta la città
RePoPP: la lotta allo spreco alimentare diventa un modello per tutta la città

Il murale che depura l’aria contro spreco alimentare e cambiamento climatico
Il murale che depura l’aria contro spreco alimentare e cambiamento climatico

Foodbusters, gli acchiappa-cibo in prima linea contro lo spreco alimentare
Foodbusters, gli acchiappa-cibo in prima linea contro lo spreco alimentare

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

La nuova Costituzione “dal basso” cilena è pronta! – #552

|

Homers: con il co-housing la rigenerazione urbana si fa comunità – Io Faccio Così #358

|

È nata Robin Food, la cooperativa di rider sostenibile che vuole rivoluzionare il mondo delle consegne

|

Sikanamente, il gruppo di ragazzi che sono tornati nel borgo d’origine per farlo rivivere

|

Stop alle armi nucleari: Etica Sgr lancia un manifesto per proporre il disinvestimento finanziario

|

“Siccità è crisi climatica”: la protesta degli attivisti di Extinction Rebellion contro le scelte della politica

|

Il Fuoco, l’elemento sacro di consapevolezza per sé stessi e per il mondo

|

Ecoistituto Siciliano, valorizzare il territorio e le comunità locali attraverso la cultura della sostenibilità