Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
23 Dic 2015

Idee e riflessioni per un Natale sostenibile

Scritto da: Veronica Tarozzi

Allontanandosi dal suo significato originario, con il tempo il Natale si è trasformato in un vero e proprio inno al consumo fino a se stesso. Eppure, mettendo in pratica alcuni accorgimenti è possibile trascorrere un Natale diverso, più ecologico e meno dispendioso, che ci permetta di essere ugualmente felici consumando meno e meglio.

Feste di Natale sfarzose, con doni costosi (e spesso inutili) per amici e parenti e banchetti da mille e una notte, non necessariamente con la propria famiglia. Il Natale, con il tempo, sembra essersi allontanato dal suo significato più profondo per trasformarsi, in molti casi e progressivamente nel trionfo del consumismo fine a se stesso.

 

shutterstock_161696162

 

Per fortuna ci ha pensato la crisi a farci rinsavire: per almeno 1 italiano su 2 il Natale rappresenta oggi un’occasione per tornare alla sobrietà di un tempo.

Attenzione però che pare ci sia un’altra metà di Paese  che invece non sembra affatto curarsi degli sprechi e desidera ostentare il più possibile quanto si può permettere di spendere e… a volte persino quanto non potrebbe permettersi!

 

Chissà che la luna piena attesa proprio per la notte di Natale, come non accadeva da 38 anni, non illumini anche chi non sembra rendersi conto del fatto che gli sprechi non aiutino proprio nessuno: non aiutano le persone (piuttosto che ingozzarci o peggio ancora buttare la metà del cibo nel cassonetto, compriamo il giusto ammontare di cibo o regaliamo un pasto a quanti non se lo possono permettere) e non aiutano certo l’ambiente (non dimentichiamoci che ogni prodotto che compriamo, sia esso cibo o oggetti di vario tipo è costato energia e risorse rubate all’ambiente).

 

Christmas-Earth-Africa-12-11-12

 

A proposito di ambiente: in vista del cenone di Natale il WWF lancia lo spot della campagna europea “Fish Forward”  per sollevare l’attenzione sul pesce, chiedendo al consumatore di preferire pesce ottenuto con tipologie di pesca o di acquacoltura “sostenibili” o ricercando i relativi loghi come MSC o ASC.

 

A dirla tutta, secondo un numero sempre crescente di scienziati, la pesca (così come i consumi di carne) non sarebbe più in alcun modo sostenibile, a causa del fatto che il sovrasfuttamento delle risorse ittiche in tutti i mari e gli oceani del mondo avrebbe danneggiato irriversibilmente l’ambiente marino, senza possibilità di rigenerarsi, almeno per molto tempo a venire. (Per un approfondimento sull’argomento, si veda l’ottima iniziativa del M5S  di mercoledì scorso con proiezione del documentario “Cowspiracy” di Kip Andersen e Keegan Kuhn in Parlamento e successivo dibattito).

 

Ma torniamo più specificamente alla festa di Natale: perché sia una vera festa per le persone e per l’ambiente, il consiglio è quello di fare solo regali davvero utili, magari utilizzando semplici accorgimenti come scatole in latta riciclabili al posto della carta da regalo ed eliminare o almeno ridurre gli sprechi a tavola (anche al ristorante non sentiamoci imbarazzati a chiedere la “family bag”, nel caso avanzasse qualcosa ) e i prodotti di origine animale, ad ogni modo meglio scegliere come sempre prodotti biologici e a filiera corta.

 

Se poi avrete voglia di devolvere il vostro tempo a favore dei più disagiati, sono tante le associazioni che organizzano mense per i poveri e non solo questo e ricercano volontari (1)  e tanti i possibili regali solidali (2).

 

Passiamo un Natale all’insegna della sobrietà in compagnia dei nostri cari: ne beneficieremo noi ed anche l’ambiente!

 

Buone feste!

 

1. http://www.volontariperungiorno.it/vpug/activityview.php?Id=193
     http://www.volontariperungiorno.it/vpug/activityview.php?Id=193
     http://associazione.terre.it/?idm=2&idn=76
     http://associazione.terre.it/?idm=2&idn=76
2. http://desideri.savethechildren.it/?&&gclid=Cj0KEQiAhuSzBRDBoZfG56bK9-YBEiQARiPcZQroPxUwK678l-lJmapQp4wMITjztD3FcuIIDVA86yYaAsqG8P8HAQ
    http://regali.unicef.it/
    http://bottegasolidale.medicisenzafrontiere.it/categoria-prodotto/prodotti-solidali/

 

 

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

La Cina verso la grande transizione? – Io Non Mi Rassegno #239

|

La paura di Lise

|

Il Boschetto: da spazio abbandonato a orto dove si coltivano insieme frutta, verdura e tempo!

|

Covid, scuola e DAD: un sostegno agli studenti in difficoltà per non lasciare indietro nessuno

|

Tre artisti si esibiscono nella natura per promuovere l’economia circolare

|

Una rete di famiglie genovesi condivide oggetti, vestiti e buone pratiche per bimbi “a basso impatto”

|

Murales, sartoria sociale, turismo e orti urbani: così rinasce la periferia degradata di Lecce

|

Altro denaro, molto altro denaro