18 Dic 2015

La Monsanto sarà processata per crimini contro l'umanità e l'ambiente

Scritto da: Veronica Tarozzi

La Monsanto subirà un processo esemplare ad ottobre del 2016. La multinazionale americana verrà processata da un gruppo internazionale di giuristi. Il procedimento sarà un’occasione per accertare le violazioni dell’azienda sull’ambiente e sulla salute delle persone.

A riprova di quanto le azioni parlino più forte delle parole, nonostante le costanti operazioni di lobbying e l’evidente “greenwashing” della famigerata multinazionale statunitense (anche solo un’occhiata veloce al suo sito  sarà sufficiente per incappare innumerevoli volte nelle parole: “rispetto, condivisione, trasparenza, sostenibilità”), la Monsanto per gli attivisti e gli ambientalisti del mondo intero rimane per antonomasia, la multinazionale meno rispettosa delle persone e dell’ambiente!

 

monsantosign_feature-750

Ne è senz’altro convinta l’attivista, ricercatrice ed ambientalista indiana di fama mondiale, già premiata nel 1993 con il Right Livelihood Award, (il “Premio Nobel Alternativo”) Vandana Shiva, che insieme a numerose altre personalità ed organizzazioni ambientaliste è promotrice di un’iniziativa esemplare: l’istituzione del “Monsanto Tribunal” .

 

Il Tribunale Monsanto opererà a L’Aja, dal 12 al 16 ottobre 2016 per valutare gli eventuali crimini commessi dalla multinazionale americana contro l’umanità e l’ambiente.

 

Da oltre cent’anni la multinazionale statunitense con sede a St. Louis produce biotecnologie per il settore agrario ed è presente in 66 paesi. Ma cosa fa esattamente questo colosso da allarmare un numero sempre crescente di persone ben informate?

 

Ebbene tra i tanti scheletri nell’armadio di questa multinazionale  troviamo l’agente arancio, “un defoliante, tossico per l’uomo, usato durante la Guerra del Vietnam dall’esercito statunitense, il quale provocò e provoca ancora oggi gravi danni alle popolazioni locali, creando modificazioni strutturali e malformazioni, non favorevoli alla vita […]”.

 

Ma la Monsanto è anche famosa per la produzione di sementi geneticamente modificate (OGM) e brevettate, che come ci ricordano numerose campagne di Vandana Shiva, costituiscono un evidente rischio per la sovranità alimentare, e per la biodiversità. Tra le sementi brevettate vi è quella del mais OGM MON 863 che da studi scientifici indipendenti  è risultato “non adatto al consumo”.

 

Maize_copyright Monsanto

 

Il colosso della biogenetica, secondo numerose ONG ed organizzazioni per i diritti umani è anche responsabile per lo sfruttamento minorile in numerose fabbriche indiane.

 

Sfortunatamente la lista potrebbe continuare a lungo con prodotti altamente tossici immessi nel mercato da Monsanto che hanno inquinato ed inquinano tuttora l’ambiente e causano malattie e morte a migliaia di persone nel mondo.

“I promotori del Tribunale Monsanto lanciano un appello alla società civile, a tutti i cittadini e a tutte le cittadine del mondo, a partecipare al finanziamento  di questa iniziativa esemplare, attraverso la più grande piattaforma di crowdfunding internazionale mai realizzata fino ad oggi” affinché venga dato un messaggio chiaro e deciso che le logiche del profitto non potranno più avere la meglio rispetto a quelle per il rispetto della vita in tutte le sue forme!

Vuoi unirti anche tu?

 

Vuoi cambiare la situazione
dell'agricoltura in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Siamo alla frutta: la natura non è una catena di montaggio!
Siamo alla frutta: la natura non è una catena di montaggio!

Colombia: olio di cacay contro povertà e deforestazione

Sgombero di XM24: a rischio la casa di CampiAperti

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Ulivi malati e biodiversità in pericolo: la Puglia non si avvelena!

|

Stagione di caccia: nessuno stop nonostante gli incendi abbiano decimato gli animali

|

La Foresta in Testa: musica e natura per far emergere i talenti

|

Buddies, i nuovi dog sitter migranti che combattono l’abbandono degli animali

|

Amore, sesso, relazioni. Cosa sta succedendo in Italia? Ne parliamo il 25 settembre

|

Non Siamo Atlantide: il mito rivive in un evento dedicato alla sostenibilità

|

Matteo Saudino: “Vi parlo della filosofia, bella proprio perché apparentemente inutile”