Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
18 Feb 2016

L'Albania vieta il taglio delle foreste

Scritto da: Redazione

Per poter frenare 'una vera e propria catastrofe', il parlamento albanese ha approvato una moratoria di dieci anni contro i tagli delle foreste. Dal 2002 al 2012 la superficie delle foreste in Albania si e' ridotta del 14 per cento a causa di uno sfruttamento senza criteri e dei tagli illeciti.

Vietato in Albania il taglio delle foreste. Il parlamento albanese ha approvato una moratoria di dieci anni contro i tagli delle foreste.

wood-nature-sunny-forest

Vuoi cambiare la situazione
dell'ambiente in italia?

ATTIVATI

Il ministro dell’Ambiente di Tirana, Lefter Koka, ha dichiarato che tale decisione “è stata inevitabile per poter frenare una vera e propria catastrofe“. Il ministro ha parlato di “uno sfruttamento incontrollato dei boschi negli anni, tanto che a breve l’Albania avrebbe rischiato di rimanere privata delle superfici verdi”.

Dal 2002 al 2012 la superficie delle foreste in Albania si e’ ridotta del 14 per cento a causa di uno sfruttamento senza criteri e dei tagli illeciti. Solo nel periodo 2007-2013 sono oltre 216 mila ettari di boschi distrutti.
“A questi ritmi – ha ribadito il ministro – molto presto avremo avuto un’Albania spogliata del verde”.

 

“Le ripetute inondazioni in varie zone del paese sono dovute anche allo sfruttamento incontrollato delle foreste”. La moratoria prevede che gli unici tagli saranno quelli per garantire la legna per riscaldamento alle popolazioni nelle aree rurali. 

 

“Sarà un processo controllato dai comuni che provvederanno anche alla distribuzione, mentre gli incassi dalla vendita saranno reinvestiti per seminare nuovi alberi”, ha precisato il ministro.

 

 

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Disastro ambientale in Israele! – Io Non Mi Rassegno #317

|

Quali opportunità in una scuola parentale? – A tu x tu #11

|

Il Seme di Chico: “Facciamo a gara a chi pianta più alberi?”

|

Sesso, famiglia, relazioni: tabù addio (?)

|

Oltre le restrizioni, il Teatro alla Finestra! Per la gioia dei bambini

|

“Coltivo lavanda per riscoprire la vita a contatto con la Natura”

|

Lucy, l’ape che vinse le nubi grigie

|

Semi liberi: far germogliare la libertà oltre le sbarre