6 Apr 2016

Cammina la Storia… in Primavera

Scritto da: Daniela Bartolini

Ridare senso ai luoghi con passeggiate in compagnia di abitanti ed esperti. Le nuove date del fortunato format dell'Ecomuseo del Casentino!

Con la primavera si torna a camminare lungo i sentieri della storia, quella con la “S” maiuscola ma anche le storie apparentemente piccole di chi i luoghi li ha vissuti o li abita contribuendo a costruire quel tassello di paesaggio. In quest’ottica ogni parte del territorio diventa interessante, significativa, degna di essere scoperta.

Cammina la storia, progetto dell’Ecomuseo del Casentino dell’Unione dei Comuni Montani del Casentino, parte dall’idea che il miglior modo di conoscere e riappropriarsi della storia di un territorio sia quello di camminarci dentro. Camminarci con i suoi abitanti, conoscitori privilegiati di quella parte di territorio, e con guide ambientali e storici che insieme permettono di riscoprire i segni del passato, di comprende il sistema di relazioni che legavano e ancora rimandano un luogo al suo contesto, di trasmettere i valori e le vicende in esso racchiusi.
Un turismo lento, un modo per riappropriarsi del paesaggio, per saperlo leggere e per prendersi cura del territorio.

Il primo appuntamento di questa primavera si terrà all’interno del Mercatale della Vallesanta, domenica 24 aprile con ritrovo a Corezzo alle ore 9,30 e sarà dedicato alla “nuova qualità della vita: dai paesaggi dell’abbandono a quelli del ritorno alla montagna”, lungo il sentiero I della carta “Una valle in Cammino”, la carta turistico-culturale della valle.

Domenica 22 maggio Cammina la storia propone un viaggio intorno all’acqua nel 50° anniversario della Grande Alluvione. Lungo le acque dell’Arno, da Borgo alla Collina a Romena per declinare il tema dell’acqua nelle sue diverse accezioni naturalistiche, storiche e antropologiche: da mezzo di trasporto per la fluitazione dei legnami a simbolo sacro e rituale, da elemento indispensabile nella quotidianità a riferimento letterario. Il percorso prevede la visita alla chiesa che accoglie la tomba del celebre umanista Cristoforo Landino a Borgo alla Collina, la discesa all’oratorio di Orgi che custodisce il crocifisso invocato contro il mal tempo e le piene dell’Arno per poi risalire lungo l’Arno fino all’antica pieve battesimale di San Pietro a Romena, gioiello di architettura romanica e a Fonte Branda, cantata da Dante dell’Inferno. Il percorso sarà accompagnato da una guida ambientale, da uno storico e da un archeologo. Ritrovo presso la piazza di Borgo alla Collina alle ore 9,30. Al termine servizio navetta per gli autisti per riprendere le auto.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Da Quota a Raggiolo sarà l’itinerario proposto sabato 4 giugno. Una passeggiata, insieme agli abitanti dei due borghi, dedicata ai paesaggi di mezzacosta e al loro particolare valore culturale ed ecologico. Una camminata anche gastronomica che prevede degustazioni di prodotti locali e con gioco dedicato ai bambini per imparare divertendosi a leggere ed interpretare il paesaggio. Alle ore 17 presso l’EcoMuseo della Castagna di Raggiolo sarà presentato il manuale “Pietra su Pietra Costruire, mantenere, recuperare i muri in pietra a secco” con la partecipazione dell’autrice Donatella Murtas, presidente dell’Associazione Italiana Paesaggi Terrazzati.

Vuoi cambiare la situazione
del viaggiare in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
5 febbraio 2013, una giornata a Panta Rei (Umbria)

Camminare fa bene: ecco perché scegliere i viaggi a piedi

M’illumino d’immenso: l’alba al Monte Penna
M’illumino d’immenso: l’alba al Monte Penna

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Condannati ad estinguerci (ma è davvero così?) – #424

|

Al via le proteste di Extinction Rebellion Italia per chiedere giustizia climatica

|

A testa alta: “Vaccini e green-pass qual è la verità?” Un appello al mondo della scuola

|

#59 – Sant’Anna di Valdieri: il borgo recuperato dalle donne che credono nella montagna

|

Viviamo il capodanno 2022 in stile comunitario, progettando un ecovillaggio?

|

Alberi autoctoni da ripiantare dopo le feste per un Natale sostenibile

|

La terra dei Piripkura incontattati invasa e distrutta per la produzione di carne

|

L’abete rosso sacrificato per il Natale del Vaticano sta morendo ma “parla” ancora