29 Lug 2016

"Estate per gli animali": le proposte di Agire Ora

Scritto da: Tamara Mastroiaco

L'attivismo per gli animali non si ferma mai, neanche d'estate. Al mare, in montagna, nelle città d’arte, durante un evento o una cena, ogni momento e luogo può essere utile per popolare quest’estate di azioni per gli animali. Ecco le proposte di Agire Ora, network nato per informare, stimolare e fornire gli strumenti per l’attivismo animalista.

Il 21 luglio Agire Ora Network ha lanciato la campagna “Estate per gli animali”  proponendo alcune attività adatte alla stagione estiva da svolgersi on-line, fuori casa, in vacanza, da soli o in gruppo. L’obiettivo è reclutare nuovi attivisti che si impegnino ad attirare l’attenzione su tematiche animaliste.

 

Agire Ora Network non è un’associazione, non fa tesseramento, non richiede quote di iscrizione e tutte le persone che lavorano per la rete lo fanno a titolo gratuito. Gli scopi del network sono: informare, stimolare e fornire gli strumenti per l’attivismo animalista. E anche nel caso di questa specifica campagna, i coordinatori hanno rispettato l’anima del progetto, selezionando piccole attività alla portata di tutti suddivise in tre livelli: First Steps, Everyday Heros e Animal Defenders.

 

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

bigstock-Friends-47313049

 

First Steps  è il primo livello, il più semplice, che richiede solo pochi minuti e attuabile anche nei momenti di svago. Se partiamo per le vacanze, per esempio, possiamo portare con noi qualche copia dell’opuscolo Menù Vegan da donare ai gestori dei ristoranti per spingerli a inserire nella lista delle vivande piatti vegani. Monica, un’attivista, ha inviato ad Agire Ora la sua testimonianza: “Nella mia settimana di vacanza al mare ho portato con me 20 opuscoli e li ho proposti ad altrettanti locali. Bar, ristoranti, birrerie. In alcuni casi sono riuscita a scambiare due parole col gestore, in altri ho solo lasciato l’opuscolo. In almeno tre casi sono abbastanza certa che verranno inserite presto delle ottime opzioni vegan!” Siamo stati così fortunati da scovare anche nel paesino sperduto un locale vegan-friendly? Se non è già inserito nella lista di VeganHome, possiamo aggiungerlo come nuovo locale, recensendolo e aggiornando così la pagina del sito a disposizione di tutti. L’ultima attività di First Steps si può davvero fare in qualsiasi luogo, basta avere una connessione internet; il nostro impegno consiste nel partecipare per 14 giorni alle tre proteste proposte da Agire Ora ogni settimana, inviando una mail, spesso precompilata, in forma di petizione.

 

Il secondo livello, Everyday Heroes, richiede invece maggior impegno: 2-3 ore la settimana oppure mezza giornata 1-2 volte al mese. Possiamo distribuire i volantini informativi nelle buche delle lettere, ai negozi o posizionarci all’entrata di un evento, un concerto, una manifestazione estiva; se poi siamo titolari di un’attività, è possibile richiedere ad Agire Ora il materiale gratuito da lasciare ai clienti. Con un pacchetto di circa 300 volantini possiamo risvegliare l’interesse di decine di persone su un tema animalista a nostra scelta. Elena racconta la sua esperienza: “Con il circo che stava per arrivare in città, volevo dare un messaggio ai miei concittadini, ‘NO al circo con animali, boicottatelo!’. Due amiche hanno accettato di condividere con me questa impresa… Ho usato i volantini formato cartolina ‘Nato libero’ e in 3 abbiamo distribuito in un sabato pomeriggio (circa 3 ore) 1200 volantini. Se anche solo 1 su 10 ci riflette su, sono 120 persone che eviteranno il circo con animali e per 3 ore di lavoro mi sembra un buon risultato!”.

 

ele9

 

L’ultimo livello, Animal Defenders, è un attivismo più impegnativo da condividere con almeno tre persone, sempre compatibile comunque con i nostri impegni lavorativi e familiari. Si possono organizzare tavoli informativi in occasione di mercatini, fiere, festival, eventi oppure mostrare in piazza, i video delle investigazioni, un’azione di grande impatto per tutti coloro che passano. Simone partecipa come Animal Defenders da diversi mesi e ha inviato la sua testimonianza al network: “Con altri 2 amici organizziamo da circa 8 mesi dei tavoli informativi una volta al mese. All’inizio ci abbiamo messo del tempo a capire come funzionava la burocrazia e a procurarci il tavolo e tutto l’occorrente, ma ora siamo ben organizzati e quindi il tempo che ci occorre è solo quello di montare il tavolo e stare lì, solitamente per un pomeriggio. A volte tutto il giorno, quando partecipiamo a qualche mercatino. Questi funzionano bene, specie quelli nei paesi invece che in città, si fermano diverse persone a chiedere informazioni”.

 

Ora che abbiamo scoperto in quanti modi possiamo essere utili agli animali non ci resta che scegliere un’attività tra quelle suggerite, scrivere a info@agireora.org per comunicare il nostro “impegno a partecipare”, svolgerlo e, infine, inviare la nostra testimonianza di poche righe, sarà aggiunta a quella degli altri attivisti della community. Chissà che il nostro commento non finisca per ispirare nuovi iscritti. “Con il tuo impegno, unito a quello degli altri, potrai rappresentare la differenza tra la vita e la morte per innumerevoli animali!” commenta Agire Ora.

 

 

Articoli simili
3BEE: un’arnia tecnologica per salvare le api

Nasce Ecosportello Animali, l’app per aiutare animali feriti o in difficoltà
Nasce Ecosportello Animali, l’app per aiutare animali feriti o in difficoltà

Un milione di specie animali rischia l'estinzione

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Le contraddizioni della transizione ecologica nella voce degli indigeni – #418

|

Migliaia di partecipanti e un manifesto del turismo responsabile: ecco IT.A.CÀ 2021

|

Avete passato un buon Black Friday? Ecco a cosa è servita la vostra “felicità”

|

SUQ, il bazar dei popoli dove l’arte si intreccia con le culture del mondo – #10

|

Mondeggi, la fattoria senza padroni, chiama a raccolta il mondo della permacultura per riprogettarsi

|

Il diritto dei bambini all’aria pulita: le strade scolastiche come antidoto a traffico e inquinamento

|

Fuga dalla città. Una seconda vita sulle colline piacentine

|

Assamil: una delle comunità più giovani d’Italia cresce e cerca una nuova casa