26 Lug 2016

Trame d'Italia: (ri)scoprire il territorio con il turismo esperienziale

Scritto da: Roberto Vietti

Più di 70 tra direttori e operatori museali di tutto il mondo hanno preso parte alla visita al Santuario di Crea e a Casale Monferrato, organizzata nell'ambito del progetto proposto dalla Fondazione Italiana Accenture per ricostruire la trama di un territorio tramite il turismo esperienziale.

Serralunga di Crea (AL) – Siamo appena giunti nella piazza del Santuario di Crea. La vista del paesaggio circostante è meravigliose tra le colline e i suoi vitigni. Siamo in visita, insieme a 70 rappresentanti del mondo museali mondiale, di questo piccolo e grazioso borgo. L’evento rientra nel più importante progetto Trame di Monferrato, proposto e organizzato dalla Fondazione Italiana Accenture.

 

Ci accoglie, con simpatia e competenza, Elisa, la referente territoriale. La giornata trascorre piacevolmente, in cammino in mattinata a Serralunga fino alla Cappella del Paradiso e nel pomeriggio nella sinagoga di Casale, senza dimenticarsi del pranzo nella favolosa cornice del Palazzo Treville.

 

IMG_7616 (Large)

L’obiettivo della Fondazione Italiana Accenture è quello di favorire la crescita di individui consapevoli attraverso l’esperienza del viaggio in Italia e la conoscenza dei suoi luoghi, creando valore dal patrimonio culturale e ambientale diffuso. Il tutto per attrarre più viaggiatori, per più giorni, in territori con valore culturale e ambientale parzialmente inespresso e generare nuova occupazione, a impatto sociale, economicamente sostenibile, con un modello scalabile e replicabile. Sono nati quindi due progetti paralleli, Trame di Monferrato e Trame di Lunigiana.

 

La Fondazione promuove così un turismo esperienziale: il viaggiatore compie tale esperienza vivendo momenti di vita quotidiana, partecipando attivamente e in prima persona alle attività che vi si svolgono, scavando nelle tradizioni, negli usi e nei costumi di una località. Egli partecipa direttamente alla vitalità del territorio e alla scoperta delle proprie radici con la popolazione locale.

 
https://youtu.be/Sv6qsy58Kys
 

Veniamo dunque a parlare del progetto Trame di Monferrato e di Lunigiana. Perché questo nome? Per ricostruire la trama di un territorio attraverso la storia, l’arte, la cultura, l’artigianato, l’attività produttiva, l’alimentazione e per comunicare attraverso le connessioni che legano tutti questi aspetti nella loro storia passata e nella loro realtà presente, coniugando un approccio culturale ad un alto livello di accessibilità. Un altro aspetto interessante del progetto è che intende, ovunque sia possibile, non reinventare componenti già esistenti, ma integrarle e portarle a sistema e promuoverle in un contesto unitario.

 

Infine, l’impegno della Fondazione è quello di agire come piattaforma abilitante, concettuale e digitale nell’ambito della valorizzazione del patrimonio culturale, della social innovation e della sharing economy, trasferendo competenze e tecnologie, facilitando sinergie e aggregazione di soggetti, risorse, modelli e processi allo scopo di generare coesione e sviluppo economico sostenibile. Non ci resta dunque che attendere lo sviluppo della trama.

 

 

Vuoi cambiare la situazione
del viaggiare in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Cosmic Fest: cibo, salute e salvaguardia del pianeta

|

Il Mare Colore dei Libri, la Sicilia celebra la natura e la cultura

|

Altravia, da Torino a Savona un viaggio lento per scoprire terre inesplorate

|

énostra: l’impresa di comunità dalla parte dell’ambiente

|

Alleniamoci ad ascoltare gli altri per creare un mondo migliore

|

Il benessere? Secondo Lara Lucaccioni e Matteo Ficara è questione di energia

|

Sea-ty e le reti fantasma: “Liberiamo i fondali dalle attrezzature da pesca abbandonate”