Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
21 Mar 2017

Giangilberto Monti: Dario Fo, il cantautorato francese, il teatro, la scrittura e tanto altro Meme #4

Scritto da: Roberto Vietti

Abbiamo avuto il piacere di incontrare l’eclettico Giangilberto Monti presso lo studio Freakone di Torino e nel pomeriggio al Circolo dei lettori in centro città. Tanti gli anedotti, le curiosità e le peculiarità del mondo dello spettacolo che ci ha raccontato…

TORINO – La primavera si avvicine e il Sole inizia a scaldarci con insistenza. Ci ritroviamo presso lo studio di registrazione Freakone, ed è un piacere incontrare Giangilberto Monti. Difficile dargli un’etichetta. Così, dopo un buon caffè, facciamo che chiederlo direttamente a lui.

Giangilberto, innanzitutto grazie di aver accettato il nostro invito per questa intervista. Solitamente, prima di iniziarla ufficialmente premendo il tasto REC sulla videocamera, chiediamo all’intervistato cosa mettere nel cosiddetto sottopancia del video. Dovremmo definirti in una parola. Artista, cantante, teatrante, comico, musicista o canzoniere. Quale parola reputi più adatta? Data la tua esperienza, pare difficile farlo.

Io ho iniziato la mia carriera come cantautore. Studiando teatro e cabaret ho scoperto che la mia dimensione era più da cantante-interprete. Dato che, però, scrivevo canzoni e continuo a scriverle, la parola chansonier, che è un termine francese – anche un po’ desueto – credo sia la definizione più adatta. Dopodiché ho iniziato anche a scrivere libri, adesso mi definisco chansonier scrittore. Però non sono un cabarettista e neanche un comico.

Hai collaborato con artisti di altissimo calibro, nel mondo musicale. Ti vorremmo chiedere due nomi. O anche solo uno, se coincidente. Ci puoi dire chi ti ha più colpito dal punto di vista umano e chi dal punto di vista artistico?

Ho avuto tanti incontri, anche abbastanza curiosi e anomali, che non hanno abbracciato solo il mondo della musica. Parlando di musica, però, mi vengono subito in mente due nomi: la prima è Anna Oxa. È stata, e lo è ancora, una grande cantante. Mi sono molto divertito con lei. Andavo in giro a fare concerti, ero l’ospite del suo spettacolo musicale. E cantavamo in duetto la canzone che avevamo inciso nel mio disco “Guardie e ladri”.

La cosa divertente era tutto il circo che c’era attorno, questa enorme massa di persone, che la seguiva fino alla serata finale. Era un mondo pop ed era molto divertente viverlo. Lei, sulla scena, era veramente brava.

Il secondo – forse il più assurdo – è stato l’incontro con il Banco del Mutuo Soccorso e Francesco Di Giacomo. Andavo a Roma ed ero ospite a casa sua. La cosa divertente era tutto il mondo che ruotava attorno Francesco Di Giacomo: il rock progressivo, i fonici, gli impresari, un mondo che aveva alle spalle un’enorme barcata di denaro. Era esattamente identico all’altro, solo che erano vestiti in modo completamente diverso e parlavano in un modo completamente diverso. Due circhi diversi con lo stesso risultato. Dal parrucchiere al poeta del Banco, era un mondo folle ma particolarmente interessante. È stata per me un’educazione particolare, sentimentale e umana. Adesso la mia sensazione è che sia tutto un po’ più finto, penso che mi divertirei molto meno.

Leggi l’intervista completa su Italia che cambia.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

La crisi del petrolio e la potenza degli oceani – Io Non Mi Rassegno #110

|

Stop agli attendismi: d’inquinamento e di traffico si muore!

|

Un modello di produzione e distribuzione alimentare sostenibile e resiliente

|

Coronavirus e sostegno economico a lavoratori, stagisti e imprese: facciamo il punto!

|

“La salute non è in vendita”: sei richieste per salvare la sanità pubblica

|

“La condivisione ci salverà!”: Gabriele e tutti i volontari dell’emergenza coronavirus

|

Una app per rimettere in pista le piccole botteghe verso una nuova economia

|

Ashoka: la rete degli imprenditori sociali che stanno trasformando il mondo – Io faccio così #285

Copy link
Powered by Social Snap