15 Mag 2017

Bologna, una nuova scuola per gli adolescenti

Scritto da: Redazione

È stato presentato il 5 maggio a Bologna un nuovo progetto educativo per gli adolescenti che si ispira alla non-scuola Artademia di Milano e con il sostegno di Italia che cambia. Gli Agenti del Cambiamento promotori del progetto ci raccontano come si è svolto l'incontro e quali sono i prossimi passi in programma.

Venerdì 5 maggio si è svolta la presentazione di un nuovo progetto educativo a Bologna: un percorso innovativo molto esperienziale e poco frontale rivolto soprattutto ai giovani tra i 14 e i 19 anni che abbandonano la scuola pubblica.

 

Costanza Nadalini, Daniele Quattrocchi e Valeria La Pietra, promotori del progetto, hanno raccontato come è nata l’idea sulla base dell’esperienza della non-scuola Artademia di Milano e con il supporto della rete degli agenti del cambiamento di Italia che cambia.

 

unnamed (1)

Circa 50 persone tra giovani, educatori, genitori e realtà associative bolognesi hanno partecipato all’evento che comprendeva un collegamento skype con Silvia Pagani, fondatrice di Artademia e un laboratorio partecipativo.

 

Silvia Pagani ha raccontato la sua storia e risposto a diverse domande sull’approccio didattico completamente diverso da quello tradizionale. Poi, con l’aiuto di Mavi Gianni dell’associazione Zoè Teatri, ci si è divisi in gruppi per lavorare in maniera interattiva su tre tematiche principali: come troviamo i soldi, come troviamo la sede, come troviamo il nome.

 

Coinvolgendo le persone presenti, il team intendeva mantenere un filo conduttore collaborativo nello spirito del progetto, che nasce da un’idea di alcuni ma si sviluppa mantenendo una struttura aperta e inclusiva.

Daniele Quattrocchi, tra i promotori del nuovo progetto educativo di Bologna

Daniele Quattrocchi, tra i promotori del nuovo progetto educativo di Bologna


Tutto è avvenuto in un clima molto positivo e accogliente che ha messo in luce il grande interesse che si sta diffondendo verso iniziative che puntano a colmare il disagio sociale dei giovani che non riescono a sviluppare i propri talenti e a trovare una vocazione nella vita.

 

Le prossime tappe saranno la costruzione dell’identità attraverso il nome, un sito web e una pagina Facebook e culmineranno nel prossimo appuntamento di giugno: un evento di raccolta fondi.

 

 

Articoli simili
Ecco perché è fondamentale coltivare l’immaginazione, soprattutto nei bambini
Ecco perché è fondamentale coltivare l’immaginazione, soprattutto nei bambini

Sfide, negligenze, vittorie e sogni: la missione educativa in un piccolo borgo colpito dal terremoto
Sfide, negligenze, vittorie e sogni: la missione educativa in un piccolo borgo colpito dal terremoto

Giocolibrio, il parco dove si incontrano outdoor education e neuroscienze
Giocolibrio, il parco dove si incontrano outdoor education e neuroscienze

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

No, la Cina non ha voltato le spalle alla Russia – Io Non Mi Rassegno #590

|

Salute e sostenibilità, al Parlamento Europeo si gettano le basi per un modello a misura di persona e di ambiente

|

Ti mangio il cuore: la storia di una donna e della sua battaglia con la quarta mafia

|

In val di Vara uno storico mulino del settecento tornerà a macinare castagne e cereali

|

Scegliere: la piccola rivoluzione di chi decide come vuole costruire la propria vita

|

La storia di Roberta, da Genova alla val Borbera: “La mia nuova vita circondata dalla lavanda”

|

Dal kintsugi al boro sashiko, le arti giapponesi che insegnano a ricomporre gli oggetti rotti valorizzandoli

|

Decennale di Italia Che Cambia: le emozioni di una settimana speciale