19 Lug 2017

Contromano, un film che racconta la Torino in bicicletta

Scritto da: Alessia Canzian

Siamo nella “capitale” piemontese, città da sempre associata all’automobilismo, forse anche perché culla natale della “Fabbrica Italiana Automobili Torino”. In […]

Siamo nella “capitale” piemontese, città da sempre associata all’automobilismo, forse anche perché culla natale della “Fabbrica Italiana Automobili Torino”. In questa città, un po’ decadente e un po’ barocca, un po’ misteriosa e un po’ malinconica, la bellezza arriva all’improvviso, si può cogliere in uno scorcio rubato da un cancello aperto, ti balza davanti in un baleno mentre si passeggia per le vie del centro.

 

 

Tutto meraviglioso, a parte uno strato sottile di smog che, in alcuni giorni, impedisce ai torinesi di vedere il cielo. Basti ricordare alcuni titoli del quotidiano di casa, La Stampa, che lo scorso inverno rimproveravano alla città il triste primato di aver raggiunto “un inquinamento fuori legge”, in riferimento alla procedura di infrazione che la Commissione europea stava infliggendo all’Italia per aver superato i limiti di inquinamento per il biossido di azoto.

 

Una storia che dura anni e che non ha portato solo il famoso “operaio della F.I.A.T.” cantato da Rino Gaetano ad “odiare la 128”, ma tutti gli abitanti di Torino, in particolare Stefano Gabbiani ed Elisabetta Michienzi.

 

“Contromano”, afferma Stefano, regista e sceneggiatore, “nasce da una motivazione personale. Il mio intento era di capire se c’era la possibilità di immaginare uno stile di vita diverso per una città che da sempre è stata associata all’automobile. Quindi, la bicicletta come simbolo per contrassegnare la distanza dal modello di vita passato. Un modello di vita basato sull’automobile”.

contromano-film-torino-bicicletta-1500022236

C’era una città, c’era un modello di vita e c’era l’esigenza di andare in un’altra direzione, appunto Contromano. L’unico ingrediente mancante era una chiave di lettura.

 

“Avevo già lavorato con Stefano”, ci racconta Elisabetta, direttrice della fotografia, “piccoli lavori, ma sempre con una forte attenzione al sociale. Per questo quando Stefano mi ha parlato di questo progetto, mi ha colpito molto il contrasto TORINO-BICI. Tuttavia, la ricerca dei soggetti non è stata facile. Stefano ha incontrato molte realtà e poi abbiamo deciso di focalizzarci sulle ciclofficine” (…).

 

Continua a leggere l’articolo su Piemonte che Cambia 

 

 

Articoli simili
Cargo bike e Parking day: la settimana europea della mobilità arriva anche a Torino!
Cargo bike e Parking day: la settimana europea della mobilità arriva anche a Torino!

Al via la campagna di Moversi per creare la community di condivisione dell’auto privata
Al via la campagna di Moversi per creare la community di condivisione dell’auto privata

Zone a basse emissioni: ecco come eliminare dalle città le auto e l’inquinamento che producono
Zone a basse emissioni: ecco come eliminare dalle città le auto e l’inquinamento che producono

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Oggi “sciopero creativo” per il clima e per il futuro!

|

La Sicilia Che Cambia: vi raccontiamo cosa sta succedendo sull’isola!

|

Retake scende in campo per il World Cleanup Day: milioni di persone puliscono il territorio

|

Zō trasforma Catania in un centro internazionale della rivoluzione artistica e musicale

|

Andrea di Nebraie: “Sono tornato in val Borbera per far rinascere il territorio”

|

Impresa che cambia: scopriamo gli esempi virtuosi insieme ai loro protagonisti

|

Italia Che Cambia si presenta! Un viaggio lungo dieci anni per raccontare il cambiamento