21 Lug 2017

Decreto vaccini approvato dal Senato. Ecco cosa prevede

Scritto da: Redazione

Con 171 favorevoli, 63 contrari e 19 astenuti il decreto Lorenzin sulle vaccinazioni obbligatorie ha superato il voto in Senato. Entro pochi giorni passerà alla Camera, dove dovrà essere approvato entro il 6 agosto. Ecco i punti salienti del provvedimento.

La novità principale è quella relativa al numero dei vaccini obbligatori, che passano da 12 a 10. Si tratta di anti-difterica, anti-tetanica, anti-epatite B, anti-pertosse e anti-Haemophilus influenzae tipo b e di anti-morbillo, anti-rosolia, anti-parotite e anti-varicella. Se ne aggiungono altri quattro facoltativi e gratuiti (anti-meningococcica B, anti-meningococcica C, anti-pneumococcica e anti-rotavirus).

lorenzin1I due gruppi di vaccinazioni obbligatorie vengono elencati separatamente nel testo del decreto perché saranno somministrati con due iniezioni, una esavalente e una tetravalente. Va sottolineato che uno degli emendamenti più significativi è quello che prevede la possibilità di somministrazione di vaccini in formulazione monocomponente, anche se “di norma e comunque nei limiti delle disponibilità del Servizio sanitario nazionale”.

 

Il passaggio è fondamentale perché chi ha già contratto la patologia in maniera naturale può essere esonerato dalla vaccinazione e quindi deve poter usufruire di dosi singole e non combinate, che re-inoculerebbero lo stesso antigene. Purtroppo, come sottolineato anche dalla senatrice a vita Elena Cattaneo, l’ultima parola ce l’avranno le case farmaceutiche, produttrici dei vaccini. Vale la pena di ricordare che il TAR dell’Emilia Romagna è in attesa di esprimersi in merito alla legge regionale sui vaccini proprio perché molte ASL non disponevano delle dosi singole e i genitori, per essere in regola con la norma, erano costretti a ricorrere all’esavalente, contenente sia gli obbligatori che i consigliati.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

 

Un ruolo centrale viene attribuito all’AIFA, l’agenzia italiana del farmaco, che avrà il compito di pubblicare annualmente sul proprio sito istituzionale i dati relativi alla disponibilità dei vaccini in formulazione monocomponente e parzialmente combinati. Anche le farmacie saranno chiamate in causa, no per somministrare direttamente il vaccino come aveva chiesto il presidente dell’Ordine dei farmacisti Andrea Mandelli, ma per effettuare le prenotazioni tramite CUP.

Baby-Vaccine-Shot-2

Le procedure sono infatti a rischio ingorgo, poiché la documentazione vaccinale utile all’iscrizione ai servizi educativi e scolastici deve essere presentata entro il prossimo 10 settembre o 31 ottobre, a seconda del tipo di servizio, oppure entro il 10 marzo del 2018 nel caso in cui a settembre si presenti un’autocertificazione. Parlando di scuola, va detto che in caso di inadempienza all’obbligo vaccinale sarà solo la fascia 0-6 anni a non poter accedere ai servizi, mentre ai frequentanti della scuola dell’obbligo l’iscrizione non potrà essere rifiutata, così come agli homeschoolers non potrà essere negato l’accesso agli esami.

 

All’articolo 2, comma 1, troviamo un passaggio che interessa la vaccinazione del personale sanitario italiano, che – contrariamente ai bambini da 0 a 16 anni, che invece vengono obbligati – viene invitato a una “adesione volontaria e consapevole alle vaccinazioni previste dal Piano nazionale di prevenzione vaccinale”. Naturalmente, previo consulto con le rispettive rappresentanze ordinistiche e sindacali.

 

Venendo alle sanzioni, il passaggio in Senato ha provocato una netta diminuzione delle multe previste per chi non vaccina i propri figli, che sono passate a un minimo di 100 euro e a un massimo di 500 euro. È stata inoltre eliminata la possibilità di perdita della patria podestà per gli inadempienti.

 

Qui potete consultare il testo ufficiale pubblicato in Gazzetta.

 

Vuoi cambiare la situazione di salute e alimentazione in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Una vacanza detox al Centro Ecologico Autosufficienza per equilibrare il proprio essere
Una vacanza detox al Centro Ecologico Autosufficienza per equilibrare il proprio essere

Vaccini e farmaci: ecco la proposta di medici e ricercatori per fermare l’oligopolio delle case farmaceutiche
Vaccini e farmaci: ecco la proposta di medici e ricercatori per fermare l’oligopolio delle case farmaceutiche

Vaccini Covid, tutto quello che c’è da sapere
Vaccini Covid, tutto quello che c’è da sapere

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Cosa succedeva nel 2012? Dieci cose che sono cambiate (in meglio) negli ultimi dieci anni

|

Da psicologa a Torino a operatrice olistica in val di Vara: la storia di Fulvia

|

Incendi dolosi per spendere poco e fare in fretta: gli speculatori fanno strage di ulivi del Salento

|

Nasce la Scuola Nazionale di Pastorizia per un rilancio delle aree interne e montane

|

Vi spieghiamo la filosofia di NaturaSì, dalla biodinamica al giusto prezzo per i contadini – Io Faccio Così #341

|

Parti con noi alla scoperta della Palermo che Cambia

|

Acqua bene comune, pubblico e sicuro: è ora di agire, prima che sia troppo tardi