19 Lug 2017

Mercato circolare, la prima app per trovare le imprese a impatto zero

Scritto da: Redazione

L’associazione Pop Economix ha deciso di realizzare Mercato Circolare, la prima app al mondo che permette a ogni cittadino di trovare prodotti o servizi dell’economia circolare via smartphone. Pop Economix sta poi portando in scena la conferenza spettacolo “Blue Revolution. L’economia ai tempi dell’usa e getta”.

C’è chi realizza vestiti con la caseina, scarto della lavorazione del latte. C’è chi coltiva funghi con i fondi del caffè. C’è chi produce un isolante per le abitazioni con gli avanzi delle tosature. E c’è chi ha scelto di mettere sul mercato prodotti realizzati interamente con materiale biodegradabile.

In Italia non mancano ormai numerosi esempi di economia circolare. Sono frutto del lavoro di chi – tenacemente – sta facendo impresa puntando alla massima riduzione degli scarti, recuperando i rifiuti di altre lavorazioni o producendo con sostanze biodegradabili. Un mondo vivace e ricco di inventiva e potenzialità, ma ancora poco conosciuto e che invece può crescere e contribuire alla crescita economica del Paese senza alimentare il danno ambientale, anzi contribuendo a ridurlo.

Non mancano ottime esperienze di racconto di queste aziende. Ma è difficile, per il consumatore così come le imprese, riconoscere in queste realtà il nascente mercato dell’economia circolare. Per colmare questo vuoto, l’associazione Pop Economix, che si occupa di diffusione della cultura economica, ha deciso di realizzare Mercato Circolare, attualmente la prima app al mondo che permette a ogni cittadino e consumatore di trovare prodotti o servizi dell’economia circolare via smartphone.

E per far conoscere i benefici e diffondere la cultura dell’economia circolare Pop Economix ha prodotto e sta mettendo in scena la conferenza spettacolo “Blue Revolution. L’economia ai tempi dell’usa e getta”, che racconta la tragedia dell’inquinamento da plastiche nei mari, ma anche la possibile salvezza che arriva da un modo diverso di fare impresa.

Queste due realtà, la app e lo spettacolo, sono i contenuti cardine di Blue Revolution Tour, un progetto culturale che è anche un crowdfunding ospitato da Produzioni dal Basso quale vincitore del terzo bando IMPATTO+ – lanciato da Banca Popolare Etica in collaborazione con Produzioni dal Basso – per iniziative culturali che promuovono nuove forme di cittadinanza attiva e sostenibilità sociale e ambientale.

“La nostra proposta – spiega Nadia Lambiase, presidente di Pop Economix – è sicuramente originale. Per la scelta di abbinare uno spettacolo e una applicazione digitale rivolta ai consumatori, certo. Ma soprattutto per i particolari contenuti della app Mercato Circolare e dello spettacolo”.

Fabrizio Stasia nella conferenza spettacolo Blue Revolution (Foto di Antonio Colucci)

Fabrizio Stasia nella conferenza spettacolo Blue Revolution
(Foto di Antonio Colucci)

Mercato Circolare – disponibile gratuitamente negli store Apple e Android – è un’applicazione che censisce già 170 attività (il 95% in Italia) che propongono beni e servizi a impatto minimo o zero. Permette all’utente di scoprire dove acquistare il prodotto che gli serve, ma anche di navigare tra le imprese più “circolari” del Belpaese. “La app è utile a chi deve fare una spesa più sostenibile – continua Nadia Lambiase – ma anche alle imprese che cerchino fornitori o clienti che pratichino i principi della cosiddetta blue economy”.

Realizzata in collaborazione con l’agenzia torinese The Connective, Mercato Circolare è in continua crescita: la lista dei soggetti censiti, verificati dal team di Pop Economix, si amplia continuamente non solo grazie al lavoro di implementazione della redazione, ma anche al contributo di ogni utente, che può segnalare con un semplice gesto aziende e prodotti.

Alla app si affianca la nuova conferenza-spettacolo “Blue Revolution. L’economia ai tempi dell’usa e getta”, che si muove con leggerezza a cavallo degli ultimi tre secoli per raccontare la lenta morte degli oceani soffocati dalla plastica, ma anche l’azione di chi ha saputo denunciare il fenomeno e di chi prova a rispondere costruendo un’economia differente, come il giovane imprenditore canadese Tom Szaky (e tanti altri in giro per il mondo). In scena Fabrizio Stasia, per una proposta che nasce da un’idea di Nadia Lambiase, Paolo Piacenza e Alberto Pagliarino, (testo di Alberto Pagliarino, ricerca storica e drammaturgica di Nadia Lambiase e Paolo Piacenza). Le prime tre rappresentazioni, a Torino, il 31 marzo, a Milano il 1 aprile e a Padova il 25 giugno, hanno registrato un grande successo.

La prima buona ragione per sostenere l'economia circolare

La prima buona ragione per sostenere l’economia circolare

A cosa serve dunque il crowdfunding Blue Revolution Tour? “La nostra è una piccola associazione senza scopo di lucro – spiega Nadia Lambiase –. Crediamo in questo progetto e abbiamo autofinanziato la nascita della app e dello spettacolo, ma per crescere c’è bisogno del sostegno di tutti, in particolare di chi sa che è necessario un nuovo modello di economia che abbini crescita e riduzione dell’impatto sull’ambiente“.

L’Associazione Pop Economix è nata a Padova nel 2013 a partire dall’ideazione dello spettacolo Pop Economix Live Show, che racconta la crisi economica scaturita dal fallimento di Lehman Brothers e il suo impatto sulla vita di tutti (380 repliche in tutta Italia). Pop Economix è frutto dell’incontro tra il teatro e il giornalismo come discipline in grado di spiegare i grandi temi economici e sociali dei nostri giorni, promuove fra l’altro iniziative formative nelle scuole.

Per info su Blue Revolution Tour e per contribuire alla campagna clicca qui

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Alessandra, di ReChiclo: “Insegno le tecniche per rinnovare il guardaroba a costo zero”
Alessandra, di ReChiclo: “Insegno le tecniche per rinnovare il guardaroba a costo zero”

Riccardo La Rosa, l’artigiano che sta rivoluzionando il mondo della pietra lavica
Riccardo La Rosa, l’artigiano che sta rivoluzionando il mondo della pietra lavica

Nasce il distretto laniero siciliano per trasformare la lana in concime liquido
Nasce il distretto laniero siciliano per trasformare la lana in concime liquido

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

L’Europa accelera sui sistemi di riuso – #630

|

OZ-Officine Zero, la multifactory che porta rigenerazione e innovazione nel cuore di Roma – Io Faccio Così #348

|

La storia di Paola, la mamma “scomoda” che si batte affinché la disabilità diventi di tutti

|

Nomadi d’Occidente, storie di viaggiatori che cambiano la vita

|

Iran, molto più che proteste: è iniziata la rivoluzione

|

Daisy, la scuola elementare che adotta il metodo finlandese per crescere bambini consapevoli

|

Filo.sofia: “Attraverso i nostri capi in bamboo cerchiamo di diffondere la sostenibilità mentale”

|

Asha Nayaswami: “Il mondo sta cambiando, oggi la sfida è educare i giovani alla vita”