6 Set 2017

Caccia dopo gli incendi: "È atto criminogeno"

Scritto da: Green Italia

Le associazioni animaliste e ambientaliste chiedono al ministro Galletti di fermare o posticipare l'apertura ufficiale della stagione della caccia in seguito agli incendi che hanno devastato ampie parti del patrimonio boschivo italiano.

“La ripresa della stagione venatoria a seguito di un’estate estremamente secca e torrida, durante la quale numerosi incendi hanno devastato ampie parti del territorio boschivo del Paese, è una scelta criminogena che arrecherà danni gravissimi all’ecosistema. In diverse regioni è già scattata la pre-apertura della stagione venatoria, dunque ribadiamo con forza al ministro Galletti la richiesta che le associazioni ambientaliste e animaliste, oltre alle petizioni in corso sui territori,  gli hanno rivolto negli scorsi giorni di fermare o posticipare l’apertura ufficiale, esercitando i poteri sostituitivi nei confronti delle Regioni”.

Hunter

Lo dichiarano i co-portavoce di Green Italia Annalisa Corrado e Carmine Maturo. “Il Ministro Galletti – continuano gli esponenti ecologisti –  può ancora intervenire, e dovrebbe farlo perché Ispra, l’istituto di ricerca del Ministero dell’Ambiente, ha espressamente indicato a tutte le Regioni italiane di limitare il più possibile la caccia quest’anno, per motivi che sono di tutta evidenza”.

 

“E’ incomprensibile che il Ministro dell’Ambiente non faccia valere il suo ruolo istituzionale imponendo uno stop, che siamo certi raccoglierebbe il favore dei cittadini italiani, da anni in stragrande maggioranza contrari alla caccia” – concludono gli esponenti di Green Italia.

 

 

 

Articoli simili
Marta Mingucci sulle caretta caretta: “Mettiamo da parte il nostro ego e rispettiamo la schiusa”
Marta Mingucci sulle caretta caretta: “Mettiamo da parte il nostro ego e rispettiamo la schiusa”

La Biblioteca del Lupo: alla scoperta dei selvatici, i veri abitanti della valle
La Biblioteca del Lupo: alla scoperta dei selvatici, i veri abitanti della valle

Anguilla europea a rischio estinzione: per MedReAct è necessaria una moratoria sulle catture
Anguilla europea a rischio estinzione: per MedReAct è necessaria una moratoria sulle catture

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

No, la Cina non ha voltato le spalle alla Russia – Io Non Mi Rassegno #590

|

Salute e sostenibilità, al Parlamento Europeo si gettano le basi per un modello a misura di persona e di ambiente

|

Ti mangio il cuore: la storia di una donna e della sua battaglia con la quarta mafia

|

In val di Vara uno storico mulino del settecento tornerà a macinare castagne e cereali

|

Scegliere: la piccola rivoluzione di chi decide come vuole costruire la propria vita

|

La storia di Roberta, da Genova alla val Borbera: “La mia nuova vita circondata dalla lavanda”

|

Dal kintsugi al boro sashiko, le arti giapponesi che insegnano a ricomporre gli oggetti rotti valorizzandoli

|

Decennale di Italia Che Cambia: le emozioni di una settimana speciale