Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
12 Dic 2017

Io e l'Eterno Ulisse: viaggio alle radici del cambiamento

Scritto da: Daniel Tarozzi

Dopo anni di incontri e racconti dell’Italia che Cambia Daniel Tarozzi ha deciso di ammetterlo: ambiente, società, economia, geopolitica non sono sufficienti per cambiare se stessi e il mondo. Occorre anche una dimensione del sacro, una ricerca di antichi significati, un desiderio di svelare i misteri, una consapevolezza che ogni istante può essere ricco di consapevolezza. Per farlo, insieme ad altre persone, ha creato l’Eterno Ulisse, uno strumento prezioso di approfondimento rivolto a chi non si accontenta delle risposte consuete o dei grandi silenzi, e per tutti coloro che cercano risposte ai loro interrogativi.

Ho un lato nascosto! A cinque anni dalla mia partenza in camper per attraversare l’Italia che Cambia è giunto il momento di fare outing ed ammetterlo: io mi occupo anche di altro! In particolare, ebbene sì, mi interessa la ricerca interiore, il bisogno di senso, la spiritualità (e non la religione), il simbolismo, gli archetipi e gli arcani, i miti e gli antichi saperi, i siti archeologici, le culture native di vari mondi ed epoche, le neuroscienze, i misteri della psiche, solstizi, equinozi, luoghi sacri, energie, misteri.

255487_350981561647574_2017996606_n

Mi interessano questi temi, ma – per ovvi motivi – non ho spesso il tempo e la competenza per dedicarmi ad essi come vorrei. Ciononostante, qualche anno fa ho deciso – grazie al sostegno, all’appoggio e alla generosità del mio socio di Ludica Luca Asperius – di diventare editore di una rivista che si occupasse di questi e molti altri temi e di affidarne la direzione a Maria Pia Fiorentino, scrittrice, autrice, giornalista, straordinaria ricercatrice e guida negli itinerari insoliti che si incontrano attraversando il mare della conoscenza nonché, incidentalmente, mia madre.

 

Tutto ciò ha dato vita ad una rivista trimestrale, l’Eterno Ulisse, l’eterno ricercatore che è dentro ognuno di noi. Una rivista, quindi, che si rivolge a quella parte del nostro sé costantemente inquieta e insoddisfatta che ci porta a domandarci perché, che senso ha, cosa c’è dietro.

 

La copertina dell'ultimo numero de l'Eterno Ulisse

La copertina dell’ultimo numero de l’Eterno Ulisse

Quella parte che vuole sapere da dove veniamo, chi siamo, dove andiamo. Quella parte che non si accontenta di sopravvivere, ma vuole vivere, sapere, conoscere e finalmente scoprire che sa di non sapere, ed è il momento di ripartire. Quella parte di noi che a volte vuole anche fermarsi, ascoltare, assaporare un vecchio libro polveroso, soffermarsi sulle parole più consone a descrivere un concetto, una percezione, un’emozione. Quella parte di noi che non si accontenta di leggere nervosamente su un cellulare qualche commento su facebook, ma ritiene necessario trovare il tempo di leggere un articolo lungo e complesso. Ne ha voglia, ne è affamato.

 

Ecco, l’Eterno Ulisse è tutto questo e molto altro. È una rivista da collezionare, leggere, rileggere, studiare. È un prodotto denso, nobile, a volte difficile. Non dà facili risposte, ma stimola ineludibili domande.

 

Si può ricevere per abbonamento, in formato digitale o cartaceo. Costa qualche euro in più di un prodotto usa e getta, ma è come un libro e più di un libro: ci accompagna nel tempo, ci permette di riscoprire saperi creduti persi, ci porta a interrogarci nuovamente su quanto avevamo dimenticato.

 

L’ho detto, ho un lato nascosto. Ora l’ho dichiarato e la mia coscienza si sente più leggera.

 

Se vuoi saperne di più vieni a sbirciare nel sito. E se proprio non puoi farne a meno, se decidi che una vita piena di vuoti e priva di sostanza non ti basta più, forse è il momento di abbonarti e di far abbonare qualche tuo amico. Ok, può sembrare pubblicità e in effetti lo è. Sto pubblicizzando un progetto in cui credo immensamente. In cui l’editore non ha nemmeno un euro di guadagno e il cui unico senso e motivo di esistere è preservare e diffondere antiche e moderne conoscenze. È quindi con orgoglio che la pubblicizzo. Buona lettura.

 

Il sito de “L’Eterno Ulisse”

 

 

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Un po’ di aggiornamenti sul covid nel mondo – Io Non Mi Rassegno #175

|

Il Mio Nido di Treviglio: rivoluzionare la scuola a partire da 0 anni! – Scuola che Cambia #7

|

Si conclude la prima parte di IT.A.CÀ, il festival del turismo responsabile

|

Sei anni di energia rinnovabile, etica, sostenibile: ènostra festeggia con sconti e promozioni

|

Le erbe spontanee: una ricchezza da riscoprire e tutelare

|

Nel borgo di montagna arriva una “scuola ispirazionale” per combattere lo spopolamento

|

Con Junker app i rifiuti si riconoscono (anche) grazie all’intelligenza artificiale

|

Può esistere una lobby buona?