14 Dic 2017

Terreni agricoli: al bando 8mila ettari coltivabili

Scritto da: Elena Risi

Una nuova opportunità per chi sogna di tornare alla terra e per dare nuovo valore ai terreni pubblici. La Banca Nazionale delle Terre Agricole ha messo al bando 8 mila ettari di terra da assegnare prioritariamente a giovani agricoltori under 40.

8mila ettari pronti per essere coltivati. La Banca Nazionale delle Terre Agricole ha messo al bando il primo lotto di terreni proprietà di ISMEA (Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare), da assegnare prioritariamente a giovani agricoltori under 40.

 

Partecipare è molto semplice. Fino a febbraio è possibile avanzare la propria manifestazione di interesse per uno o più lotti direttamente sul sito ISMEA che ha pubblicato una mappa con i terreni in vendita regione per regione, comprensiva degli indicatori del numero di ettari di ogni campo. Completata questa prima fase si procederà all’assegnazione attraverso asta o appalto pubblico, con possibilità per i più giovani (sotto i 40 anni) di chiedere un mutuo ipotecario agevolato alla ISMEA.

8

In Italia si contano 8.174 ettari di suolo coltivabile. La Sicilia è la regione italiana più agricola con 1700 ettari di terreno, seguono Toscana e Basilicata con 1300 ettari, Puglia con 1200, 660 ettari in Sardegna e quasi 500 ettari tra Emilia Romagna e Lazio. I tipi di coltura vanno dal seminativo – pari a 3770 ettari – ai prati e pascoli con 1930 ettari, fino ai boschi (800 ettari). Significativo anche il numero di ettari destinato alla coltivazione di uliveti e vigneti, corrispondente rispettivamente a 450 e 340 unità.

 

Secondo i dati Coldiretti, l’Italia è leader in Europa per il numero di giovani agricoltori che dirigono aziende agricole: sono infatti  50.543 le imprese condotte da under 35 che hanno portato profonde innovazioni con multi-attività che vanno dalla trasformazione aziendale dei prodotti alla vendita diretta, dalle fattorie didattiche agli agri-asilo. Nonostante il crescente interesse da parte dei più giovani per il lavoro in campagna, uno dei principali ostacoli allo sviluppo di questa attività – oltre alle difficoltà poste dalla burocrazia e dall’accesso al credito – è rappresentato proprio dalla disponibilità dei terreni. Secondo un’indagine Coldiretti/Ixè il 50% delle imprese agricole già esistenti condotte dai giovani ha bisogno di terra in affitto o acquisizione.

 

Ecco dunque un’opportunità da non perdere per chi sogna di tornare alla terra o per chi già ha avviato la propria attività, oltre che per dare nuovo valore ai terreni pubblici.

 

 

Articoli simili
Andrea di Nebraie: “Sono tornato in val Borbera per far rinascere il territorio”
Andrea di Nebraie: “Sono tornato in val Borbera per far rinascere il territorio”

Quali agricolture per il futuro? Il caso di Agriponos, una delle prime startup italiane di acquaponica
Quali agricolture per il futuro? Il caso di Agriponos, una delle prime startup italiane di acquaponica

Giovani, sensibili e motivati: ecco a voi la nuova generazione di aspiranti contadini ecologici
Giovani, sensibili e motivati: ecco a voi la nuova generazione di aspiranti contadini ecologici

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

No, la Cina non ha voltato le spalle alla Russia – Io Non Mi Rassegno #590

|

Salute e sostenibilità, al Parlamento Europeo si gettano le basi per un modello a misura di persona e di ambiente

|

Ti mangio il cuore: la storia di una donna e della sua battaglia con la quarta mafia

|

In val di Vara uno storico mulino del settecento tornerà a macinare castagne e cereali

|

Scegliere: la piccola rivoluzione di chi decide come vuole costruire la propria vita

|

La storia di Roberta, da Genova alla val Borbera: “La mia nuova vita circondata dalla lavanda”

|

Dal kintsugi al boro sashiko, le arti giapponesi che insegnano a ricomporre gli oggetti rotti valorizzandoli

|

Decennale di Italia Che Cambia: le emozioni di una settimana speciale