4 Gen 2018

Bando storico: la Cina vieta il commercio d'avorio

Scritto da: WWF

È entrato in vigore dal 1 gennaio 2018 il bando del commercio domestico dell'avorio in Cina. La chiusura del più grande mercato d'avorio del mondo è un passo significativo per le popolazioni di elefanti in Africa, drasticamente calate negli ultimi anni.

Il 31 dicembre 2017 segna una data storica per la conservazione degli elefanti. Dal 1 gennaio 2018 è entrato infatti in vigore il bando del commercio domestico dell’avorio in Cina. Con il nuovo anno non esisterà più un avorio “legale” frutto di materiale confiscato o di vecchi stock: lavorazione e vendita – una tradizione secolare in Cina – sono bandite.

ivory-trade01

“Il drastico calo delle popolazioni di elefanti in molte parti dell’Africa è causato dal bracconaggio di elefanti per alimentare la domanda di avorio in Cina. Secondo recenti censimenti condotti in quattro paesi dell’Africa centrale, le popolazioni di elefanti di foresta sono diminuite di circa il 66% in soli otto anni” ha detto Fred Kumah, WWF Director for Africa.

 

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

La chiusura del più grande mercato di avorio del mondo è un passo significativo che dovrebbe sostenere gli sforzi di protezione degli elefanti in Africa. La regione resta purtroppo teatro di un fiorente mercato illegale di animali selvatici e loro parti: dunque il compito che attende il WWF con le istituzioni, sia in Cina che in Africa, è notevole. Per moltio anni commercio legale e quello illegale hanno convissuto. Ora le cose sono cambiate, e sarà necessario lavorare con apposite campagne di informazione e sensibilizzazione, poiché molti cittadini cinesi rivelano di non essere a conoscenza del bando.

image-20160808-18043-rvuzdb

“La chiusura del mercato interno dell’avorio è un potenziale punto di svolta per la conservazione dell’ elefante che speriamo aiutera’ a ridurre la domanda e a frenare il bracconaggio -ha detto Marco Lambertini, Direttore Generale del WWF Internazionale – . Ora ci aspettiamo che altri paesi asiatici seguano l’esempio cinese e adottino un divieto simile per porre le basi di un’azione di conservazione finalmente unitaria per una specie che nell’ultimo decennio ha subito un calo impressionante”.

 

 

Articoli simili
Genitori, in vacanza educate i vostri bambini a rispettare gli animali marini!
Genitori, in vacanza educate i vostri bambini a rispettare gli animali marini!

A passo d’asino per scoprire i sentieri dell’Etna in modo lento ed ecologico
A passo d’asino per scoprire i sentieri dell’Etna in modo lento ed ecologico

La seta cruelty-free che non uccide i bachi. Monica ci racconta la peace silk
La seta cruelty-free che non uccide i bachi. Monica ci racconta la peace silk

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Cosa succedeva nel 2012? Dieci cose che sono cambiate (in meglio) negli ultimi dieci anni

|

Da psicologa a Torino a operatrice olistica in val di Vara: la storia di Fulvia

|

Incendi dolosi per spendere poco e fare in fretta: gli speculatori fanno strage di ulivi del Salento

|

Nasce la Scuola Nazionale di Pastorizia per un rilancio delle aree interne e montane

|

Vi spieghiamo la filosofia di NaturaSì, dalla biodinamica al giusto prezzo per i contadini – Io Faccio Così #341

|

Parti con noi alla scoperta della Palermo che Cambia

|

Acqua bene comune, pubblico e sicuro: è ora di agire, prima che sia troppo tardi