3 Lug 2018

Stop al consumo di suolo: la proposta di legge arriva in Parlamento

Scritto da: Veronica Tarozzi

La proposta di legge di iniziativa popolare contro il consumo di suolo è finalmente pronta per la discussione in Parlamento. Si tratta di un progetto di legge che nasce dal basso per tutelare i suoli ancora liberi e i territori già utilizzati.

La proposta di legge d’iniziativa popolare per impedire l’ulteriore consumo di suolo del nostro Bel Paese è finalmente approdata in Parlamento, così com’era stata pensata dal Forum italiano dei movimenti per la terra e il paesaggio.

 

Lo scopo della proposta è quello di “promuovere e tutelare l’ambiente, il paesaggio e l’attività agricola, nonché di impedire l’ulteriore consumo di suolo” […] e di sottolineare come, accanto alla responsabilità congiunta delle istituzioni della tutela e della salvaguardia del suolo, vi è il diritto-dovere di ciascun cittadino “di contribuire alla effettiva realizzazione delle politiche a ciò indirizzate nell’interesse delle generazioni presenti e future”.

consumo-suolo-2

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

Già al termine della XVI legislatura il Governo aveva presentato un disegno di legge per il contenimento del consumo di suolo il cui esame non era però mai iniziato; anche la XVII legislatura aveva presentato numerosi progetti di legge in tal senso, ma si erano tutti arenati. All’inizio di questa XVIII legislatura, al progetto di legge elaborato dal Forum italiano dei movimenti per la terra e il paesaggio erano state apportate alcune modifiche che alteravano il valore e il senso della proposta e che sono state recentemente fatte emendare dai suoi promotori.

 

Ora finalmente, nel suo titolo corretto: “Disposizioni per l’arresto del consumo di suolo e per il riuso dei suoli edificati” incardinato all’atto della Camera 63, il progetto entra nella sua fase più delicata, ovvero quella della discussione in Parlamento.

 

Il lavoro per giungere fin qui è stato lungo e faticoso, e il Forum italiano dei movimenti per la terra e il paesaggio a tale scopo ha voluto istituire un Gruppo di Lavoro Tecnico-Scientifico multidisciplinare formato da 75 esperti che ha creato una proposta di grande rigore, condivisa dall’intera rete promotrice, con oltre 1000 organizzazioni e decine di migliaia di cittadini.

 

Perché una legge di questo genere è più che mai urgente e necessaria? Perché negli ultimi 30 anni in Italia sono stati cementificati 6 milioni di ettari, ovvero l’equivalente di 1/5 del territorio nazionale e perché nonostante ci siano 7 milioni di case vuote, 700.000 capannoni dismessi, 500.000 negozi inutilizzati e 55.000 immobili confiscati alle mafie, in Italia si continuano a costruire edifici nuovi e a cementificare nuove porzioni di suolo, anziché riutilizzare e rigenerare terreni ed edifici già presenti sul territorio; la proposta ha infatti tra i suoi obiettivi primari anche il recupero, il riuso e la rigenerazione dell’enorme patrimonio edilizio esistente ed inutilizzato.

consumo-suolo

Come sostiene il Forum promotore, nonché gli esperti che hanno definito con precisione i contenuti della proposta di legge e come enunciato nel primo articolo della stessa, il suolo è un bene comune e una risorsa limitata e non rinnovabile che fornisce funzioni e servizi vitali, anche perché necessario per la produzione di cibo e per il benessere dei cittadini e delle comunità; inoltre impedire il consumo di suolo permette anche di contrastare attivamente il dissesto idrogeologico, l’impermeabilizzazione del terreno; serve altresì a contrastare gli effetti degli eventi meteorologici estremi, risultando quindi una misura necessaria anche per la mitigazione degli effetti dei cambiamenti climatici.

 

Speriamo che la maggioranza dei parlamentari che saranno tenuti a discutere questa proposta di legge, prima di votare si ricorderanno del contratto di governo in cui si faceva specificamente riferimento a “fermare il consumo di suolo […] attraverso un’adeguata politica di sostegno che promuova la rigenerazione urbana”.

 

Dal canto nostro, per esercitare il diritto-dovere di contribuire alla realizzazione di politiche per la salvaguardia del suolo, come auspicato dalla proposta stessa, possiamo ancora far sentire le nostre voci aderendo alla campagna lanciata dal Forum. Per tutti i dettagli clicca qui

 

 

 

 

Articoli simili
Evergreen Fest: l’appennino rinasce all’insegna della sostenibilità
Evergreen Fest: l’appennino rinasce all’insegna della sostenibilità

Salvare Scopello: in Sicilia un comitato si batte per proteggere un’area naturalistica dagli abusi edilizi
Salvare Scopello: in Sicilia un comitato si batte per proteggere un’area naturalistica dagli abusi edilizi

La Xylella Fastidiosa, il Covid e l’Homo Sapiens
La Xylella Fastidiosa, il Covid e l’Homo Sapiens

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

La nuova Costituzione “dal basso” cilena è pronta! – #552

|

Homers: con il co-housing la rigenerazione urbana si fa comunità – Io Faccio Così #358

|

È nata Robin Food, la cooperativa di rider sostenibile che vuole rivoluzionare il mondo delle consegne

|

Sikanamente, il gruppo di ragazzi che sono tornati nel borgo d’origine per farlo rivivere

|

Stop alle armi nucleari: Etica Sgr lancia un manifesto per proporre il disinvestimento finanziario

|

“Siccità è crisi climatica”: la protesta degli attivisti di Extinction Rebellion contro le scelte della politica

|

Il Fuoco, l’elemento sacro di consapevolezza per sé stessi e per il mondo

|

Ecoistituto Siciliano, valorizzare il territorio e le comunità locali attraverso la cultura della sostenibilità