Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
23 Ott 2018

Il mercatino di Let Eat Bi – Green Italy

Scritto da: Luca Deias

Continua il percorso alla scoperta del mercatino di Let Eat Bi: protagonista di questa sesta tappa, Roberto Revello di Green Italy, che propone prodotti a base di canapa sativa.

Continua il viaggio alla scoperta dei partner Let Eat Bi che tutti i mercoledì mettono in vendita le proprie specialità nel mercatino di Cittadellarte. Dopo aver messo sotto i riflettori Il frutteto di BersejOro di BertaRiunci Insù, l’Orto da Asporto e Cascina Bozzola, questa settimana è la volta di Green Italy S.r.l., un’azienda del settore alimentare che commercializza canapa sativa 100% italiana. Abbiamo incontrato, all’ultima Festa del Mercatino Let Eat, Roberto Revello, che ci ha illustrato le peculiarità dei suoi prodotti: “La canapa – spiega ai nostri microfoni – ha numerose proprietà organolettiche: è un seme pieno di Omega 3 e Omega6, ha otto aminoacidi essenziali per il nostro corpo, 33 per cento di proteine vegetali ed è fonte di vitamina E”. Green Italy, nello specifico, amalgama la canapa con tutti i prodotti d’eccellenza del territorio come i mais e grani antichi. Come avvengono questi processi? “Dal seme – continua – viene estratto l’olio e da quello che rimane si macina e si fa la farina o, in alternativa, il seme si decortica e si utilizza il cuore della canapa”.

Una delle specialità che si possono acquistare è proprio l’olio: “È un prodotto top – afferma Revello – ricco di Omega 3, Omega 6 e Omega 9, oltre alle vitamine E, B, PP e A. È consigliato il consumo di un cucchiaino al giorno ed è ottimo da crudo o nelle ricette. Non va bene, invece, scaldato, perché ad alte temperature perde tutte le sue proprietà. Green Italy, inoltre, per salvaguardarne le proprietà, ha deciso di commercializzare l’olio esclusivamente in lattina, in modo da evitare la luce che ne comprometterebbe le specificità”.

Scopriamo altri prodotti con canapa sativa che si possono acquistare da Revello: semi interi, semi decorticati, farine proteiche di semi. Sono in vendita, inoltre, anche specialità che contengono la canapa, eccellenze realizzate mettendo insieme più ingredienti e piatti. Alcuni esempi? La Canapella (crema spalmabile con canapa, nocciola del Piemonte e cacao), i cioccolatini alla canapa, le pasti di Meliga, la Canapulenta (farina di canapa e mais antico), le gallette di mais, le marmellate e i torcetti di Agliè con farina proteica di canapa. È possibile acquistare persino della pasta “speciale” e il sugo canapestum, che è uno speciale pesto con circa l’80% di decorticato di canapa. Con questa pianta, inoltre, vengono prodotti dei cosmetici che la clientela può comprare, come creme viso e corpo per donna o dopobarba per uomo.

Roberto Revello, infatti, commercializza anche prodotti di canapa non alimentari: “Vendo – continua – anche i pannelli coibentanti per la casa. Questi sono in fibra naturale lasciano ‘respirare’ gli spazi e, come tutti i prodotti naturali, assorbono l’umidità in eccesso e la rilasciano quando il clima è secco. La loro durata è illimitata e, inoltre, non c’è il rischio che i topi la mangino“.

Per quale ragione hanno scelto di commercializzare e realizzare prodotti di questo tipo? “Perché si tratta – argomenta – di una pianta d’eccellenza delle nostre zone. L’Italia è il secondo produttore al mondo, ma prima qualità del prodotto e per la fibra nell’uso tessile”.

Revello conclude raccontando gli inizi della sua avventura professionale: “Ho iniziato 4 anni e mezzo fa, portando le specialità in varie fiere e mercatini. All’inizio c’era diffidenza su quanto vendevamo, ma è importante sottolineare che canapa e cannabis sono due cugine e fanno parte dello stesso ceppo, ma non sono lo stesso prodotto! Ora sono sempre più numerose le richieste ed è possibile acquistare i nostri prodotti anche online sul nostro sito”.

Nel tempo sono arrivate anche riconoscimenti, il più recente è il prestigioso premio di “Maestri del gusto 2019-20” dato proprio a Green Italy, da parte di Slow Food e della Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura di Torino.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

La crisi del petrolio e la potenza degli oceani – Io Non Mi Rassegno #110

|

Stop agli attendismi: d’inquinamento e di traffico si muore!

|

Un modello di produzione e distribuzione alimentare sostenibile e resiliente

|

Coronavirus e sostegno economico a lavoratori, stagisti e imprese: facciamo il punto!

|

“La salute non è in vendita”: sei richieste per salvare la sanità pubblica

|

“La condivisione ci salverà!”: Gabriele e tutti i volontari dell’emergenza coronavirus

|

Una app per rimettere in pista le piccole botteghe verso una nuova economia

|

Ashoka: la rete degli imprenditori sociali che stanno trasformando il mondo – Io faccio così #285

Copy link
Powered by Social Snap