22 Gen 2019

Linfa, l’app che mette in rete i negozi di vicinato

Linfa è un’applicazione che sostiene l’economia del territorio offrendo servizi per i negozi di vicinato e per i loro clienti. L'obiettivo è superare le difficoltà dovute all'isolamento geografico e favorire la funzione sociale del commercio. Il progetto è attivo in provincia di Brescia ed è sostenuto dal programma V@lli Resilienti di Fondazione Cariplo.

Immaginate un territorio montano, considerato marginale e periferico rispetto ai grandi centri, in cui la morfologia rende complessa la logistica dei servizi più elementari, come fare la spesa o trovare una baby sitter. Immaginate una comunità coesa, con un tessuto sociale ed economico a misura d’uomo, ispirato alla tradizione artigianale ma al tempo stesso desideroso di innovarsi.

 

Immaginate infine la comodità di poter ordinare prodotti o servizi direttamente dal vostro cellulare e andarli a prendere quando volete, senza dover ricorrere a grandi piattaforme di e-commerce eticamente discutibili.

 

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

E adesso smettete di immaginare! Non ce n’è più bisogno, perché tutto questo esiste già. Si chiama Linfa ed è un’app che è stata sviluppata nelle valli bresciane e sostenuta dal programma V@lli Resilienti di Fondazione Cariplo.

 

Siamo andati a trovare gli ideatori per capire come funziona e in che modo può essere un aiuto concreto e decisivo nello sviluppo del tessuto socio-economico di questo territorio. «Linfa è un’app che dispone di una rete di postini che vi portano a casa o in azienda ciò che avete ordinato dal telefono o in uno degli info point disseminati sul territorio», spiega la responsabile Giulia Corsini.

 

Diversamente da molte piattaforme online infatti, Linfa si appoggia ad alcuni negozi e punti d’incontro dei paesi della valle, in modo da favorire comunque il contatto umano fra gli utenti e gli esercenti. «Presso gli info point si può accedere all’applicazione, ordinare servizi e prodotti del territorio, ricaricare il credito, ritirare ciò che si è ordinato e chiedere aiuto a personale appositamente formato».

 

La funzione sociale di Linfa emerge in maniera preminente dalle ulteriori informazioni che Giulia ci fornisce: «Il progetto nasce da una cooperativa sociale di tipo B, Andropolis, che si occupa di inserimento lavorativo. L’obiettivo è rispondere ai bisogni degli abitanti del territorio attraverso la messa in connessione».

 

Attraverso l’app è possibile prenotare servizi come aiuto compiti, assistenza agli anziani o consegna della spesa, ma anche partecipare a iniziative culturali di scoperta e valorizzazione della zona. Anche queste iniziative, così come lo stesso progetto Linfa, possono contare sul sostegno decisivo della rete di partner pubblici e privati creatasi grazie al progetto V@ALLI RESILIENTI – Resistere innovando la tradizione e progredire costruendo opportunità. Valletrompia e Vallesabbia: un ponte verso la città! finanziato dal programma AttivAree di Fondazione Cariplo, finalizzato a rivitalizzare le aree interne, oggi considerate spesso degradate e marginali.

negozi di vicinato

Linfa è una bellissima idea, replicabile ovunque, che non solo offre un servizio di fondamentale importanza per negozianti e abitanti, ma contribuisce anche con forza allo sviluppo del territorio, invitando anche chi non lo conosce o non lo frequenta a scoprirlo. Gli info point infatti saranno anche dei punti presso i quali sarà possibile avere informazioni turistiche legate al circuito Valli accoglienti e solidali.

 

«Quando abbiamo pensato al nome Linfa – conclude Giulia – ci siamo immaginati un fluido che scorrendo nelle nostre valli potesse ridare colore e nutrimento al nostro territorio. Credo che la forza di Attivaree e V@lli Resilienti, anche grazie a Linfa sia proprio questa: guardare con altri occhi ciò che c’è già, mixando tecnologia e tradizione, innovazione e artigianalità, per far emergere il valore della nostra realtà».

 

 

Articoli simili
Italia a piccoli passi: due mamme in viaggio per raccontare il Bel Paese
Italia a piccoli passi: due mamme in viaggio per raccontare il Bel Paese

Busket, la start-up che sostiene e mette in rete i panificatori artigianali
Busket, la start-up che sostiene e mette in rete i panificatori artigianali

Mille studenti uniti per rendere le loro scuole plastic free
Mille studenti uniti per rendere le loro scuole plastic free

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Ha senso il bonus acqua? – Io Non Mi Rassegno #391

|

Nasce il “Muratore di valle” che recupera le borgate alpine

|

Benedetta Altichieri: storia di una relazione tra culture differenti – Amore che Cambia #11

|

La malnutrizione, Sylvie e i suoi piccoli occhi scuri e vuoti

|

Climate Space: arte, cinema e musica per celebrare i 5 elementi naturali

|

L’economista Paolo Collini: serve un Recovery Plan sostenibile e per i giovani

|

Torna il Cammino delle Panchine, per ripartire dopo la pandemia

|

Centro Kratas, un’oasi spirituale ed ecologica tra i monti Sicani