29 Mar 2019

CAES e la polizza assicurativa di Responsabilità Civile dedicata al non profit

Una polizza per economia solidale e terzo settore alla cui ideazione hanno contribuito Assimoco e Consorzio CAES, la prima assicurazione etica italiana.

Salva nei preferiti

Il Consorzio CAES è il primo esperimento italiano in ambito assicurativo di rappresentanza assicurativa eticamente orientata. Più di due terzi delle realtà che si rivolgono a CAES provengono dal mondo del non profit: cooperative sociali, associazioni, botteghe di commercio equo e solidale, altri tipi di cooperative e piccole aziende.

 

La scelta di inserire in copertura anche le piccole imprese è stata fatta perché sono sempre più frequenti le realtà che, seppur in forma non cooperativa, lavorano nell’ambito del sociale o dell’economia sostenibile.

caes-2Per tutte queste realtà il Consorzio ha dato un importante contributo nell’ideazione del “concept” di una innovativa polizza di responsabilità civile espressamente dedicata al non profit che è stata poi realizzata dal Gruppo Assimoco (il gruppo ASSIcurativo di riferimento del MOvimento COoperativo italiano) e denominata l’RC dell’Economia Solidale. Essa tutela in particolare l’assicurato per i danni che può provocare involontariamente a cose e persone, quindi non solo la figura giuridica che contrae la polizza ma anche le persone che la compongono, ovvero ad esempio soci e volontari.

 

Qualche esempio? Può capitare che in occasione di eventi, manifestazioni, attività promozionali, formative, ricreative, culturali, sportive, sociali aperte al pubblico, l’ente organizzatore possa essere ritenuto responsabile in caso di danni a terze persone che partecipano alle sue iniziative. Oppure che, parlando di immobili, l’ente sia chiamato a risarcire i danni all’immobile – se gestore – o i danni agli immobili vicini – se proprietario – provocati da suoi soci o utenti. O ancora, nel caso in cui vi si affidamento di minori o di soggetti non autonomi, l’ente è responsabile dei minori o soggetti non autonomi che gli vengono affidati per i danni che provocano a terzi o ad altri utenti, anche di natura dolosa.

caes-agricoltura-sociale

Insomma, nell’ambito delle attività non profit sono numerose le situazioni di rischio potenziale che, nel caso in cui si concretizzasse, potrebbe condizionare pesantemente l’attività dell’associazione, cooperativa o piccola attività commerciale. Proprio per questo CAES ha studiato interessanti garanzie create su misura per le esigenze delle realtà assicurate proprio grazie alla sua profonda conoscenza mondo della cooperazione sociale e dell’associazionismo e dei rischi contro cui occorre tutelarsi.

 

Questa polizza si rivolge dunque a tutti i soggetti che compongono il Terzo Settore e, per come è costruita, è un valido strumento di tutela tanto per la piccola associazione quanto per il consorzio sociale più strutturato. Già oggi il Consorzio assicura 1600 tra cooperative, associazioni e piccole aziende, indicativamente l’8% di tutti i volontari italiani. All’orientamento etico della propria attività e delle proprie offerte, CAES affianca comunque l’affidabilità “tecnica”, sia per quel che concerne l’assunzione del rischio che la liquidazione dei danni.

 

Caes BannerICC 2021 Animato

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
MAG4, la mutua autogestione piemontese, si schiera contro il mercato delle armi
MAG4, la mutua autogestione piemontese, si schiera contro il mercato delle armi

Basta favori ai mercanti d’armi: la finanza etica si mobilita contro l’industria bellica
Basta favori ai mercanti d’armi: la finanza etica si mobilita contro l’industria bellica

COP28 e finanza: l’esempio di Etica Sgr per un’azione climatica risolutiva
COP28 e finanza: l’esempio di Etica Sgr per un’azione climatica risolutiva

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Scurati e gli altri. C’è un problema di censura in Rai? – #919

|

No border books, un kit di benvenuto per i piccoli migranti che approdano a Lampedusa

|

Intelligenza artificiale in azienda: ci sostituirà o ci renderà il lavoro più facile?

|

HandiCREA e il sogno di Graziella Anesi di un turismo accessibile e inclusivo

|

Lo strano caso di RWM Italia, tra business delle armi e la “cancellazione” di due fiumi

|

Arte e ricerca al femminile: a Cagliari un stanza tutta per loro, artiste del nostro tempo

|

MAG4, la mutua autogestione piemontese, si schiera contro il mercato delle armi

|

Percorsi Spericolati, continua la formazione per sviluppare progetti innovativi per le aree interne

string(9) "nazionale"