11 Mar 2019

Camilla, l'emporio di comunità: ecco la prima food coop italiana

Ha aperto a Bologna Camilla, la prima food coop italiana. In questa intervista realizzata in occasione della pre-apertura vi spieghiamo come funziona questo grande esperimento che ha la finalità di sovvertire il modello di consumo imposto dalla grande distribuzione.

Da un mese il sogno è diventato realtà: Camilla, la prima food coop italiana, ha ufficialmente aperto i battenti ed è pienamente operativa! I soci e le socie della cooperativa possono recarsi nella sede di Bologna per acquistare prodotti locali, biologici e solidali, partecipando a questo esperimento rivoluzionario che intende cambiare il modo in cui ci approcciamo al mondo del consumo alimentare.

 

In questa intervista che abbiamo realizzato presso l’emporio – che si trova in via Casciarolo 8/d a Bologna – Mattia, uno dei soci, ci racconta come è stato allestito il negozio e quali sono le attività previste. Già, perché oltre a vendere dei prodotti Camilla intende creare cultura: del mangiare sano, della consapevolezza rispetto al tema della produzione e della vendita del cibo, della condivisione come strumento economico e sociale, della creazione di alternative al modello della Grande Distribuzione Organizzata.

 

 

Articoli simili
Toscana d’Appennino, monti dello spirito
Toscana d’Appennino, monti dello spirito

Io faccio così #153 – Isolex, l'azienda salva grazie ai lavoratori

La facilitazione cambia le imprese: TARA racconta nel podcast strumenti ed esperienze di trasformazione
La facilitazione cambia le imprese: TARA racconta nel podcast strumenti ed esperienze di trasformazione

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Parte la raccolta di firme per una legge contro il greenwashing delle lobbies del petrolio

|

I Medici per l’Ambiente: “Basta allevamenti intensivi, senza biologico non c’è futuro”

|

E se il Covid ci avesse indicato la via per risolvere la crisi della scuola italiana?

|

In Piemonte c’è una “foresta condivisa” di cui tutti possono prendersi cura

|

IT.A.CÀ: in viaggio per il levante ligure per riconquistare il diritto a respirare

|

Pitaya: «Realizzo assorbenti lavabili per diffondere consapevolezza e sostenibilità»

|

Te Araroa: un viaggio per sé stessi e gli altri oltre i propri limiti