12 Mar 2019

Centinaia di persone in spiaggia per dire no alla plastica usa-e-getta

Scritto da: Greenpeace

A Barletta centinaia di persone hanno ripulito la spiaggia dai rifiuti plastici e disegnato una gigantesca balena sulla sabbia per lanciare un messaggio contro l'inquinamento dei mari. Firma anche tu la petizione per chiedere alle multinazionali di ridurre la produzione di plastica e investire in sistemi di consegna alternativi!

Circa 350 persone, tra volontari di Greenpeace del Gruppo Locale di San Ferdinando di Puglia, studenti e docenti del plesso didattico Nervi dell’Istituto “Fermi-Nervi-Cassandro”, durante il weekend si sono ritrovate sul Lungomare Pietro Mennea di Barletta per raccogliere e censire la plastica presente in spiaggia e lanciare un forte messaggio in difesa del mare e degli organismi che vi abitano.

plastica2Al termine delle operazioni di pulizia del litorale, volontari, studenti e docenti hanno disegnato sulla sabbia una gigantesca balena che rigurgita plastica usa-e-getta e hanno alzato le braccia per comporre, su una superficie di oltre tremila metri quadri, la scritta “Stop Plastic”.

 

«Questo messaggio forte e di grande impatto visivo sottolinea la necessità di intervenire subito su una delle più grandi emergenze ambientali dei nostri tempi, l’inquinamento da plastica», dichiara Giuseppe Ungherese, responsabile campagna inquinamento di Greenpeace Italia. «Il mare e le sue creature pagano il prezzo più elevato di questa contaminazione che sta assumendo, giorno dopo giorno, proporzioni sempre più allarmanti. Da mesi chiediamo alle grandi multinazionali, responsabili della commercializzazione dei più grandi volumi di plastica usa-e-getta di assumersi le proprie responsabilità, riducendo drasticamente la produzione di plastica monouso per salvare i nostri mari», conclude Ungherese.

plastica3

Ogni minuto, ventiquattro ore al giorno, l’equivalente di un camion pieno di plastica finisce nei mari del Pianeta, provocando gravi danni agli ecosistemi marini e agli animali che lo popolano come balene, tartarughe e delfini. Di tutta la plastica prodotta ogni anno, il 40 per cento viene impiegato per la produzione di contenitori e imballaggi monouso, di difficile recupero e riciclo a fine vita.

 

Per spingere le grandi multinazionali a intervenire sul problema dell’inquinamento da plastica nei mari del Pianeta, Greenpeace nei mesi scorsi ha lanciato una petizione sottoscritta da più di tre milioni di persone in tutto il mondo, con cui chiede ai grandi marchi come Nestlè, Unilever, Coca-Cola, Pepsi, Ferrero, San Benedetto, Colgate, Danone, Johnson & Johnson e Mars di ridurre la produzione e investire in sistemi di consegna alternativi che non prevedano il ricorso a contenitori e imballaggi in plastica monouso.

 

Puglia - Vuoi cambiare la situazione di
cicli produttivi e rifiuti in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
FestaSaggia 2016: feste a misura di paesaggio!
FestaSaggia 2016: feste a misura di paesaggio!

Carbonai e minatori tra Casentino e Trentino
Carbonai e minatori tra Casentino e Trentino

Lombricoltura Clandestina: quando i lombrichi aiutano il pianeta

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Famiglie, relazioni, sesso: ne abbiamo parlato insieme

|

Refugees Welcome: storia di una famiglia e di un giovane che ha ritrovato la speranza

|

In bici da Torino a Milano: la carovana di Extinction Rebellion verso la preCOP26

|

IT.A.CÀ sbarca in Ogliastra per raccontare una delle provincie meno inquinate d’Europa

|

“Facciamo girare l’olio”: economia circolare a sostegno delle donne vittime di violenza

|

Famiglie, relazioni, sesso: cosa succede in Italia

|

Aumento delle bollette 2021: cosa c’è dietro ai rincari dei prezzi di gas ed energia?