4 Lug 2019

Un Piemonte che Cambia a emissioni zero!

Scritto da: Daniela Bartolini

Il nostro lavoro quotidiano ha un impatto. E questa volta non ci riferiamo all’impatto insito nella nostra mission e che tanto auspichiamo… Ma a quello ambientale. Ogni nostra azione on line, come leggere questo articolo, è un’azione energeticamente dispendiosa. Più di quanto crediamo. In cerca di soluzioni, ne abbiamo trovata una: passare ad un data center ad emissioni zero!

Avrete forse notato, leggendo i nostri articoli, la comparsa di un nuovo box sulle nostre pagine che indica la nostra adesione a un servizio di hosting sostenibile e il relativo certificato di Bioagricert Green Cloud che certifica il nostro passaggio ad un green data center.
Ma facciamo un passo indietro.

Nella nostra continua ricerca sui temi del cambiamento ci poniamo sempre più domande, sulle nostre azioni quotidiane, su come investiamo i nostri soldi, sulle nostre relazioni, per offrire approfondimenti e strumenti di orientamento a chi ci legge ed anche a noi stessi e come progetto.

Sarebbe incoerente non fermarsi a riflettere sull’impatto del nostro lavoro. Quello che sappiamo infatti è che i data center sono tra le maggiori fonti di emissione di anidride carbonica al mondo. In Europa i data center emettono più CO2 delle grandi fabbriche manifatturiere.
Spedire mail, navigare in internet, pubblicare una foto sui social, ogni ricerca, sono tutte attività che compiamo comunemente e che si basano su servizi erogati da data center. Da uno o più data center che richiedono enormi quantità di energia: uno studio ha stimato che nel 2020 saranno la causa del 45% delle emissioni dell’intero settore delle Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione.

piemonte che cambia a emissioni zero 1562235907

Ma fortunatamente nella nostra ricerca abbiamo trovato anche la soluzione. L’anno scorso abbiamo avuto modo di incontrare e raccontare la storia di EXE.IT, il primo Data Center in Italia a emissioni zero, certificato per il basso impatto e le emissioni zero grazie all’uso di energia solare e prodotta da fonti rinnovabili. Questo pioneristico progetto sta cambiando il paradigma in un settore in continua crescita, visto che gran parte delle comunicazioni oggi passa attraverso un data center: cinema, televisione, musica, radio… Tendenza che la massiccia diffusione degli smartphone ha incrementato notevolmente.

piemonte che cambia a emissioni zero 1562235933

Se volete scoprire come Exe è riuscita a raggiungere questo obiettivo, non vi resta che leggere la storia!

Per quanto ci riguarda questa è per noi una scelta importante che ci ricorda la nostra (di tutti) responsabilità nel contribuire a frenare la crisi ambientale a partire dalle piccole e grandi scelte quotidiane. Contrariamente a quanto spesso ci viene detto, abbiamo a disposizione una vasta gamma di soluzioni per agire qui e ora. Sfruttarle è quindi un dovere che abbiamo tutti e non ci sono motivi per non farlo.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
La vera transizione ecologica avanza: nasce la comunità energetica di Santeramo in Colle
La vera transizione ecologica avanza: nasce la comunità energetica di Santeramo in Colle

Decarbonizzare è un’esigenza immediata: quali soluzioni in Piemonte?
Decarbonizzare è un’esigenza immediata: quali soluzioni in Piemonte?

La comunità energetica di Caltanissetta apripista della transizione ecologica in Sicilia
La comunità energetica di Caltanissetta apripista della transizione ecologica in Sicilia

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Il problema della siccità non è scomparso – #661

|

Stato Bradipo: nell’era della fast fashion, un progetto di moda lenta, etica ed ecologica

|

Associazione vittime dell’uranio impoverito: “Con le esercitazioni Nato in Sardegna è in atto un massacro”

|

Dall’Australia a Mussomeli. Danny McCubbin con The Good Kitchen prepara pasti gratis per chi ne ha bisogno

|

L’endocrinologo Giovanni Frajese: i vaccini a mRNA influiscono sul sistema ormonale?

|

Wakhan, il corridoio che collega Cina e Afghanistan dove le minoranze vengono sacrificate

|

Veronica Saetti racconta Buy Nothing, il modello economico fondato sul dono e sulle relazioni

|

Kukì e il canto del fiume