Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
1 Ago 2019

“Alimentare, Watson!”: Una cassetta di frutta e verdura per favorire l’inclusione sociale

Scritto da: Lorena Di Maria

Alimentare, Watson! è un’iniziativa dell’APS Cambalache che mette in rete le realtà impegnate in progetti di agricoltura sociale sul territorio della provincia di Alessandria, coinvolgendo persone svantaggiate e a rischio marginalità attraverso l’offerta di opportunità formative.

Frutta e verdura di stagione, colorata, fresca e prodotta localmente. Quale miglior nutrimento per accompagnare il caldo periodo estivo?
L’iniziativa “Alimentare, Watson!” porta in tavola gusto e colori grazie all’Associazione Cambalache, che si occupa della distribuzione giornaliera del raccolto, etico e a km dal proprio orto e da altre realtà della provincia di Alessandria che scommettono quotidianamente sull’agricoltura sociale.

«Ogni pomeriggio prepariamo comode cassette di verdura e frutta mista con il raccolto del giorno, con ritiro in negozio o consegna a casa» si legge sul sito.
Ma il vero segreto del progetto è il suo forte impatto sociale: obiettivo dell’associazione è infatti favorire l’inclusione dei soggetti più svantaggiati e a rischio marginalità quali rifugiati e richiedenti asilo, persone con disabilità e disoccupati over 50, offrendo loro nuove opportunità lavorative e puntando a dare vita a un polo alimentare sul territorio di Alessandria.

«La cassetta rappresenta un modo per ottenere una fornitura di prodotti dell’orto sempre freschi e misti, supportando l’associazione e i vari progetti di inclusione sociale rivolti a persone in difficoltà».
Con “Alimentare, Watson!” infatti, sono stati avviati in questi mesi progetti lavorativi per fornire competenze teoriche e pratiche in ambiti quali la panificazione, l’apicoltura e l’orticultura, offrendo una formazione lavorativa e una maggior autonomia a persone svantaggiate.

Il percorso coinvolge numerosi partner nell’ambito del volontariato e dell’accoglienza ed è realizzato con il contributo del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, in collaborazione con la Regione Piemonte.

Scopo primario dell’Associazione Cambalache è proprio quello di promuovere l’integrazione sociale dei gruppi vulnerabili, l’impegno civile, la tutela e la promozione dei diritti dei gruppi sociali marginali ma anche lo sviluppo sostenibile, con particolare attenzione alla tutela del patrimonio ambientale e della conservazione del territorio e delle sue tradizioni.

All’inizio dell’anno è stato avviato un laboratorio occupazionale rivolto alle categorie svantaggiate per imparare tecniche di panificazione naturale ed inoltre in primavera è partito un corso di avvicinamento all’orticoltura e apicoltura, pensato per «offrire delle opportunità di inserimento lavorativo e sociale, per una crescita sostenibile del territorio contro ogni logica di sfruttamento».

Come accedere al servizio?
«Da oggi puoi acquistare verdura e frutta fresca in comode cassette da 5 kg, al costo di 10 euro». Per farlo, basta seguire poche indicazioni!
Sarà necessario inviare un messaggio su Whatsapp al numero 351.0901647 per richiedere l’accesso al servizio che invierà agli utenti gli aggiornamenti sul raccolto e permetterà di prenotare la propria cassetta. Il ritiro, inoltre, avviene in due modalità: Presso l’APS Cambalache e tramite consegna a casa ogni giorno su prenotazione.

«Sarà sempre possibile richiedere quantità di prodotti inferiori ai 5 kg, nel caso si desiderasse una spesa selezionata, così come prenotare il miele e i prodotti a base di miele del progetto di apicoltura sociale e urbana “Bee My Job”».

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Chi sta guadagnando dalla crisi? – Io Non Mi Rassegno #106

|

Facilitiamoci a distanza! Come prendersi cura di gruppi e comunità

|

“Pronto? Come stai?”. Ai tempi del coronavirus la solidarietà passa per il telefono

|

Fuori è chiuso, un racconto collettivo dei giorni dell’emergenza

|

Caffè sospeso online, uno spazio di condivisione per uscire dall’isolamento

|

Eppur si muove! Anche se restiamo a casa, non siamo fermi

|

Ridi, ama, vivi: Lara Lucaccioni e la coerenza cardiaca – Meme #32

|

Coronavirus, l’ambiente sorride: nel nord Italia cala lo smog

Copy link
Powered by Social Snap