17 Ott 2019

La pianificazione del cibo su scala locale: politiche per il futuro del pianeta

Scritto da: Redazione

È possibile avere cibo sano e di qualità a costi e prezzi equi anche nelle città? Se ne parlerà nell'ambito del convegno-laboratorio sulle Politiche locali del cibo che si terrà il 26 ottobre prossimo a Preganziol, in provincia di Treviso. Italia che Cambia è tra i mediapartner dell'evento.

Sabato 26 ottobre dalle ore 9:30 alle 12:30 si svolgerà in sala consiliare a Preganziol il Convegno/Laboratorio sulle Politiche locali del cibo alla presenza di Andrea Calori di EStà – Economia e sostenibilità e con il patrocinio della stessa pubblica amministrazione oltre a molte altre realtà firmatarie.

Tra gli obiettivi principali delle politiche del cibo troviamo: le garanzie di salubrità e la qualità nutrizionale degli alimenti, l’aumento delle capacità produttive locali, la resilienza e la tutela dei territori, la pianificazione partecipata della sovranità alimentare, la lotta alla fame, l’eliminazione degli sprechi alimentari.

eggplant-1707629_960_720

Ieri 16 ottobre si è celebrata la giornata mondiale dell’alimentazione e il 16 ottobre di 4 anni fa, nel 2015, veniva consegnato al Segretario Generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon il Milan Urban Food Policy Pact, patto internazionale sottoscritto da 160 città di tutto il mondo che impegna i sindaci a lavorare per rendere sostenibili i sistemi alimentari, garantire cibo sano e accessibile a tutti, preservare la biodiversità, lottare contro lo spreco.

EStà – Economia e Sostenibilità e Andrea Calori sono stati i supporto tecnico del comune di Milano per l’estensione della food policy di Milano e ci condurranno nella Rete italiana delle politiche locali per il cibo.

I recenti scioperi globali per il clima ci impegnano a non abbassare la guardia ma piuttosto a cercare strategie complesse e inclusive che ci aiutino a dar vita agli aggiustamenti necessari per darci un futuro sostenibile.

Articoli simili
Open House, un viaggio alla scoperta dei luoghi inaccessibili della città
Open House, un viaggio alla scoperta dei luoghi inaccessibili della città

In Via Milano 59 rigenerazione urbana e socialità curano il degrado
In Via Milano 59 rigenerazione urbana e socialità curano il degrado

Casermette Social Park: la rigenerazione di un’area abbandonata in parco per la socialità
Casermette Social Park: la rigenerazione di un’area abbandonata in parco per la socialità

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Sea-ty e le reti fantasma: “Liberiamo i fondali dalle attrezzature da pesca abbandonate”

|

Nasce il Badante agricolo di comunità che aiuta le persone anziane nella cura dell’orto

|

L’apprendimento non va in vacanza: cronaca di un’estate da homeschooler

|

Caltanissetta ricorda i “carusi di Sicilia”, i piccoli schiavi delle miniere di zolfo

|

Paolo Rumiz: i viaggi e la riscoperta dei monti naviganti

|

Sensuability: per uscire vivi, gioiosi e gaudenti dalla morsa dei tabù – Amore Che Cambia #18

|

Alla facoltà di infermieristica gli studenti imparano la gentilezza