Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
17 Ott 2019

La pianificazione del cibo su scala locale: politiche per il futuro del pianeta

Scritto da: Redazione

È possibile avere cibo sano e di qualità a costi e prezzi equi anche nelle città? Se ne parlerà nell'ambito del convegno-laboratorio sulle Politiche locali del cibo che si terrà il 26 ottobre prossimo a Preganziol, in provincia di Treviso. Italia che Cambia è tra i mediapartner dell'evento.

Sabato 26 ottobre dalle ore 9:30 alle 12:30 si svolgerà in sala consiliare a Preganziol il Convegno/Laboratorio sulle Politiche locali del cibo alla presenza di Andrea Calori di EStà – Economia e sostenibilità e con il patrocinio della stessa pubblica amministrazione oltre a molte altre realtà firmatarie.

Tra gli obiettivi principali delle politiche del cibo troviamo: le garanzie di salubrità e la qualità nutrizionale degli alimenti, l’aumento delle capacità produttive locali, la resilienza e la tutela dei territori, la pianificazione partecipata della sovranità alimentare, la lotta alla fame, l’eliminazione degli sprechi alimentari.

eggplant-1707629_960_720

Ieri 16 ottobre si è celebrata la giornata mondiale dell’alimentazione e il 16 ottobre di 4 anni fa, nel 2015, veniva consegnato al Segretario Generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon il Milan Urban Food Policy Pact, patto internazionale sottoscritto da 160 città di tutto il mondo che impegna i sindaci a lavorare per rendere sostenibili i sistemi alimentari, garantire cibo sano e accessibile a tutti, preservare la biodiversità, lottare contro lo spreco.

EStà – Economia e Sostenibilità e Andrea Calori sono stati i supporto tecnico del comune di Milano per l’estensione della food policy di Milano e ci condurranno nella Rete italiana delle politiche locali per il cibo.

I recenti scioperi globali per il clima ci impegnano a non abbassare la guardia ma piuttosto a cercare strategie complesse e inclusive che ci aiutino a dar vita agli aggiustamenti necessari per darci un futuro sostenibile.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

L’Ilva dei Riva a processo per distruzione ambientale – Io Non Mi Rassegno #319

|

Pachamare, l’ecovillaggio diffuso che riallaccia il legame con la Terra

|

È davvero ora di cambiare, anche nel rapporto fra esseri umani e animali

|

Minì, le piantine nelle microserre per educare alla natura

|

Solidarietà allo spazio sociale romano Ex Lavanderia

|

All’Università di Torino si insegnano benessere e felicità agli studenti

|

Eticar, la polizza auto si fa etica

|

A Padova la rigenerazione urbana passa dal digitale