5 Nov 2019

Biella distretto del gusto: la rassegna #fuoriluogo fa tappa a Cittadellarte

Scritto da: Luca Deias

Un ciclo di appuntamenti tesi ad animare le vie e i negozi del centro storico di Biella, grazie ad attività culturali eterogenee che spaziano dalla letteratura all’economia fino alla musica, con un’attenzione costante all’enogastronomia per dare valore al territorio attraverso la filiera del gusto.

Biella - Ambiente, enogastronomia, turismo: è attorno a queste macrotematiche che si articolerà l’incontro Biella distretto del gusto?, appuntamento in programma a Cittadellarte che rientra nell’ambito della rassegna #fuoriluogo. Quest’ultima propone un ciclo di appuntamenti tesi ad animare le vie ed i negozi del centro storico di Biella, grazie ad attività culturali eterogenee che spaziano dalla letteratura all’economia fino alla musica con un’attenzione costante all’enogastronomia.

Come specificato nel portale web dell’iniziativa, la caratteristica di #fuoriluogo è «organizzare eventi in contesti poco affini all’oggetto dell’incontro con l’intenzione di creare aggregazione, suscitare interesse ed estendere le possibilità di incontro e di relazione». Nel dietro le quinte del progetto figurano Deborah Mancin, Eleonora Celano e Gianni Crestani che, dopo il crescente successo ottenuto nelle passate edizioni, stanno organizzando nuovi appuntamenti: uno di questi, come anticipato, si terrà sabato 9 novembre alle 17 nella Sala Cervo della Fondazione Pistoletto. L’incontro prevede una serie di interventi degli ospiti e una degustazione finale con le eccellenze e i sapori locali.

L’incontro in questione è curato da Arnaldo Cartotto, delegato del Club Papillon Biella, che ha presentato il progetto: «Il punto interrogativo nel titolo dell’incontro – argomenta – non è casuale: indica la mia intenzione di seminare dubbi, più che certezze, sulla situazione della filiera del gusto del nostro territorio. Vorrei mettere in luce, anche con questo evento, quello che sta capitando in queste zone.

Mi riferisco alle nuove realtà del settore, come aziende agricole, bed & breakfast, artigiani, produttori, ristoranti, che spesso nascono nel silenzio generale. Non sono da sottovalutare: anche se si tratta, spesso, di aziende familiari, a Biella sono centinaia le imprese di questo tipo e, come da dna di questa provincia, sono animate da persone che operano con serietà, imprenditorialità, attenzione nella qualità e salvaguardia dell’ambiente». Cartotto continua spiegando l’obiettivo dell’incontro: «La finalità dell’appuntamento è in linea con la mission del Club del Papillon, ovvero dare valore al territorio attraverso la filiera del gusto (questo è anche lo slogan della nostra realtà). Ecco, l’evento è il primo organizzato per innestare una consapevolezza in tal senso».

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Scopriamo ora tutti gli ospiti dell’appuntamento (oltre a Cartotto, che si occuperà anche dell’introduzione): Silvia Bettinetti (Azienda vitivinicola ‘Donna Lia’ di Salussola), Enrico Covolo (Coltivatore di Zafferano di Coggiola), Michael Silverman (Azienda agricola biologica ‘La Soleggiata’ di Cerrione), Manuela Zegna (Azienda agricola ‘La Crava Cuntenta’ di Masserano), Roberto Cerrato (Associazione per il Patrimonio dei Paesaggi Vitivinicoli di Langhe – Roero – Monferrato), Armona Pistoletto (Let Eat Bi), Barbara Varese (La Bursch di Campiglia Cervo); modererà l’incontro il giornalista Marco Berchi. In conclusione, è previsto anche un intervento finale di Paolo Massobrio, critico enogastronomico e Presidente del Club Papillon, che dialogherà con Roberto Conterno, guida della prestigiosa cantina Giacomo Conterno di Monforte d’Alba.

Vuoi cambiare la situazione di salute e alimentazione in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Sea-ty e le reti fantasma: “Liberiamo i fondali dalle attrezzature da pesca abbandonate”

|

Nasce il Badante agricolo di comunità che aiuta le persone anziane nella cura dell’orto

|

L’apprendimento non va in vacanza: cronaca di un’estate da homeschooler

|

Caltanissetta ricorda i “carusi di Sicilia”, i piccoli schiavi delle miniere di zolfo

|

Paolo Rumiz: i viaggi e la riscoperta dei monti naviganti

|

Sensuability: per uscire vivi, gioiosi e gaudenti dalla morsa dei tabù – Amore Che Cambia #18

|

Alla facoltà di infermieristica gli studenti imparano la gentilezza