5 Nov 2019

Biella distretto del gusto: la rassegna #fuoriluogo fa tappa a Cittadellarte

Scritto da: Luca Deias

Un ciclo di appuntamenti tesi ad animare le vie e i negozi del centro storico di Biella, grazie ad attività culturali eterogenee che spaziano dalla letteratura all’economia fino alla musica, con un’attenzione costante all’enogastronomia per dare valore al territorio attraverso la filiera del gusto.

Biella - Ambiente, enogastronomia, turismo: è attorno a queste macrotematiche che si articolerà l’incontro Biella distretto del gusto?, appuntamento in programma a Cittadellarte che rientra nell’ambito della rassegna #fuoriluogo. Quest’ultima propone un ciclo di appuntamenti tesi ad animare le vie ed i negozi del centro storico di Biella, grazie ad attività culturali eterogenee che spaziano dalla letteratura all’economia fino alla musica con un’attenzione costante all’enogastronomia.

Come specificato nel portale web dell’iniziativa, la caratteristica di #fuoriluogo è «organizzare eventi in contesti poco affini all’oggetto dell’incontro con l’intenzione di creare aggregazione, suscitare interesse ed estendere le possibilità di incontro e di relazione». Nel dietro le quinte del progetto figurano Deborah Mancin, Eleonora Celano e Gianni Crestani che, dopo il crescente successo ottenuto nelle passate edizioni, stanno organizzando nuovi appuntamenti: uno di questi, come anticipato, si terrà sabato 9 novembre alle 17 nella Sala Cervo della Fondazione Pistoletto. L’incontro prevede una serie di interventi degli ospiti e una degustazione finale con le eccellenze e i sapori locali.

L’incontro in questione è curato da Arnaldo Cartotto, delegato del Club Papillon Biella, che ha presentato il progetto: «Il punto interrogativo nel titolo dell’incontro – argomenta – non è casuale: indica la mia intenzione di seminare dubbi, più che certezze, sulla situazione della filiera del gusto del nostro territorio. Vorrei mettere in luce, anche con questo evento, quello che sta capitando in queste zone.

Mi riferisco alle nuove realtà del settore, come aziende agricole, bed & breakfast, artigiani, produttori, ristoranti, che spesso nascono nel silenzio generale. Non sono da sottovalutare: anche se si tratta, spesso, di aziende familiari, a Biella sono centinaia le imprese di questo tipo e, come da dna di questa provincia, sono animate da persone che operano con serietà, imprenditorialità, attenzione nella qualità e salvaguardia dell’ambiente». Cartotto continua spiegando l’obiettivo dell’incontro: «La finalità dell’appuntamento è in linea con la mission del Club del Papillon, ovvero dare valore al territorio attraverso la filiera del gusto (questo è anche lo slogan della nostra realtà). Ecco, l’evento è il primo organizzato per innestare una consapevolezza in tal senso».

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Scopriamo ora tutti gli ospiti dell’appuntamento (oltre a Cartotto, che si occuperà anche dell’introduzione): Silvia Bettinetti (Azienda vitivinicola ‘Donna Lia’ di Salussola), Enrico Covolo (Coltivatore di Zafferano di Coggiola), Michael Silverman (Azienda agricola biologica ‘La Soleggiata’ di Cerrione), Manuela Zegna (Azienda agricola ‘La Crava Cuntenta’ di Masserano), Roberto Cerrato (Associazione per il Patrimonio dei Paesaggi Vitivinicoli di Langhe – Roero – Monferrato), Armona Pistoletto (Let Eat Bi), Barbara Varese (La Bursch di Campiglia Cervo); modererà l’incontro il giornalista Marco Berchi. In conclusione, è previsto anche un intervento finale di Paolo Massobrio, critico enogastronomico e Presidente del Club Papillon, che dialogherà con Roberto Conterno, guida della prestigiosa cantina Giacomo Conterno di Monforte d’Alba.

Vuoi cambiare la situazione di salute e alimentazione in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
La prima volta che mi hanno chiesto il permesso
La prima volta che mi hanno chiesto il permesso

Rinascere, camminando: scoprire a piedi i territori dell’anima e d’Italia
Rinascere, camminando: scoprire a piedi i territori dell’anima e d’Italia

Ossa forti e in buona salute per tutta la vita
Ossa forti e in buona salute per tutta la vita

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Scuola, salute, green pass, crisi ambientale: ecco le soluzioni possibili

|

Green pass obbligatorio: l’Italia è in fermento – Aspettando Io Non Mi Rassegno #3

|

Oggi si celebrano le contadine, le donne che stanno rilanciando l’agricoltura

|

Da Giulia che pianta alberi a Rosa Maria, alfiera delle minoranze: arrivano i giovani changemakers

|

Ci trasferiamo in un paese del Sud Italia? Qualcosa sta avvenendo a Civita, in Calabria

|

Università in cammino: la scuola senza voti che torna alle origini dell’insegnamento

|

Terre del Magra, la cooperativa di comunità che valorizza il territorio e supporta gli abitanti