20 Nov 2019

“E ora si cambia” riceve un importante riconoscimento

Scritto da: Redazione

“Una ventata positiva necessaria in un momento di crisi di valori e di speranza per il futuro dell'umanità”. Il 23 novembre a Firenze Andrea Degl'Innocenti e Daniel Tarozzi ritireranno il premio “Firenze per le culture di pace” per il libro “E ora si cambia”, edito da Terra Nuova Edizioni e Arianna Editrice, realizzato grazie alla collaborazione di 100 attori del cambiamento.

Il 23 novembre a Firenze, presso la Sala del Congresso del complesso di Santa Apollonia in via San Gallo, alle ore 16 l’associazione Un tempio per la pace consegnerà il premio “Firenze per le culture di pace” ad Andrea Degl’Innocenti e Daniel Tarozzi, autori del libro “E ora si cambia”, edito da Terra Nuova Edizioni e Arianna Editrice.

Nel libro vengono proposte 500 azioni concrete per l’individuo, le imprese e le istituzioni per ricostruire il Paese, seguendo una visione per il 2040. Gli autori ci guidano in un percorso costruito intorno a diciassette temi fondamentali per la nostra vita e il nostro Paese.

Visioni e azioni per un futuro sostenibile che tutti insieme possiamo realizzare a partire da oggi. Come? Attraverso le proposte sviluppate da oltre 100 attori del cambiamento coordinati dallo staff di Italia che Cambia. Un vero e proprio viaggio verso un Paese diverso, che inizia da qui, chiusa l’ultima pagina di questo testo.

e ora si cambia 236252

Il testo, afferma Marco Romoli, presidente dell’associazione Un tempio per la pace, “è una ventata positiva necessaria in un momento di crisi di valori e di speranza per il futuro dell’umanità”.

Giunto alla sua quattordicesima edizione, il “Premio Letterario Firenze per le Culture di Pace” è promosso e organizzato dall’Associazione “Un Tempio per la Pace” in collaborazione con la Regione Toscana, il Comune di Firenze e la Biblioteca delle Oblate.

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Il Premio è dedicato al Dalai Lama, una delle personalità più importanti di pace e non violenza del nostro tempo, e presieduto da Don Ciotti. Nelle prime otto edizioni il Premio è stato dedicato allo scrittore Tiziano Terzani, come omaggio a un grande testimone dell’incontro fra culture diverse, una voce fondamentale del nostro tempo sul cammino di pace.

“Il Premio Firenze per le Culture di Pace – si legge nel sito dell’associazione promotrice – vuole essere una richiesta di testimonianze per la pace da parte di chi per scelte o per circostanze si è trovato a vivere situazioni che lo hanno stimolato a capire che la pace non è un lusso, perché si tratta di una necessità vitale, per il cui raggiungimento è necessario l’impegno di ogni essere umano. È una tappa fondamentale del cammino dell’umanità su questo pianeta”.

Nel giorno della premiazione di “E ora si cambia” verrà assegnato anche il premio “Una vita per la pace” a Franco Berrino, per il lavoro di sensibilizzazione rispetto ai temi legati alla salute, alla spiritualità e all’ecologia.

Guarda la locandina dell’evento

Articoli simili
Madre Natura Educamp: attività in natura per riscoprire noi stessi e l’ecosistema
Madre Natura Educamp: attività in natura per riscoprire noi stessi e l’ecosistema

Una cooperativa di comunità nata dal basso per dare nuova vita alla montagna
Una cooperativa di comunità nata dal basso per dare nuova vita alla montagna

Tonnellate di pesticidi illegali nei campi della Toscana
Tonnellate di pesticidi illegali nei campi della Toscana

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

L’incidente nucleare cinese, i missili su Gaza, il vertice Putin-Biden – Io Non Mi Rassegno 390

|

L’economista Paolo Collini: serve un Recovery Plan sostenibile e per i giovani

|

Torna il Cammino delle Panchine, per ripartire dopo la pandemia

|

Centro Kratas, un’oasi spirituale ed ecologica tra i monti Sicani

|

L’Oasi di Camilla, dove gli animali possono trovare nuova vita

|

La rete di comuni che combatte lo spreco istituendo un nuovo Centro del Riuso

|

Leonardo, il diciottenne che si batte contro il bullismo e le disabilità

|

Rifugio Re_Esistente: l’appennino che resiste e rinasce